Autismo. 10 cose che dovete insegnare ai vostri figli affinchè un domani riescano a vivere “da soli” #dopodinoi

Non siamo eterni, beh, lo sapete anche voi. Ecco perché, da tempo, mi preme stilare un elenco di quelle che considero abilità essenziali per la costruzione del futuro dei nostri  figli quando non ci saremo più! Eh lo so… delicatissimo argomento, ma va trattato con serietà, e l’elemento più importante è che va affrontato sin da quando i bimbi sono piccoli. Dopo, credetemi, sarebbe tardi! Ecco la lista:

  1. Insegnare loro a comunicare (sia con immagini sia con parole): “voglio mangiare, “voglio andare al bagno” (detto in questa maniera e non dicendo “voglio fare la cacca o la pipì”). Ricordatevi che ogni cosa insegnata da voi dovrà essere poi inserita dai vostri figli in un contesto più ampio, quindi è essenziale che da piccolini, conoscano il modo giusto di esprimere i desideri. “non voglio la pasta bianca, non mi piace”,”vorrei la pasta rossa”, “non voglio andare al parco”, “voglio stare a casa”, “dove andiamo”, ecc. ecc.
  2. Autonomie personali: vestirsi, andare al bagno e pulirsi da soli, lavarsi, fare la doccia, lavare i denti, il viso… Tutte queste sono le cosiddette abilità che “allontanano” da noi un figlio. Nel senso che nella misura in cui crescono si cominciano a fare tutto da soli e pian piano non vogliono più il nostro intervento, a quel punto di solito diciamo: “ecco, è cresciuto”. Nel caso degli autistici se non insegniamo queste abilità, loro rimarranno abbarbicati a noi per sempre, data la loro capacità ridotta o totalmente scarsa di imparare da soli. Ecco perchè sono importanti e dovete farlo da quando sono piccolissimi:

     

  3. Cucinare (senza cucinare non si mangia), è un’abilità essenziale. Non penso vada insegnata soltanto quando si è adolescenti, ma già da piccolini. Ares ha imparato a fare le polpettine da piccolissimo. Da grande invece, quando oramai riesce ad accendere il fuoco ecc, ha imparato a cucinare e a farsi la colazioneIMG-20170704-WA0068
  4. Individuate, dall’infanzia, quali sono i particolari talenti dei vostri figli: disegnare, cantare, (forse avete visto che a loro piace particolarmente decantare, piuttosto che mischiare sostanze, lavorare con l’acqua ecc). E tutto ciò, ovviamente, lo capite lavorando con loro, da quando sono piccoli:
  5. Tutto quello che ha a che fare con la terapia occupazionale: lavori pesanti, raccolta della frutta, lavori manuali finomotori (fare collane, sculture, ecc), portare la spesa, classificare libri nella biblioteca (bel futuro mestiere se ha una buona memoria). Insomma, le possibilità sono davvero tante. L’importante è che VOI genitori lavoriate con i vostri figli, perdiate del tempo nel fare le diverse attività. Soltanto facendole potrete capire meglio il vero talento dei vostri figli. E se non ha un talento particolare ecco che subentra la terapia occupazionale.

     

  6. Maschio o femmina che sia, insegnate loro a gestire la loro sessualità. E’ una delle questioni più importanti. Non è socialmente accettabile che si masturbi per strada, si scopra un seno, si abbassi i pantaloni, o tocchi i compagni di classe.
  7. Insegnate i vostri figli ad usare il cellulare: non guasta saper inviare un messaggio su whatsapp quando si ha bisogno di qualcosa, quando si è tristi, quando ci siamo fatti male, tagliati, graffiati, bruciati…Screenshot_20180117-180608
  8. Insegnate i vostri figli a gestire il loro tempo tramite agende visive. I ragazzi con autismo sono costantemente ossessionati dall’incognita di quello che faranno domani, a breve e lunga scadenza. In futuro sarebbe utile anche per loro gestire il tempo con calendari visiviDSCI0009
  9. Insegnate ai vostri figli, fin da quando sono piccolissimi, ad essere ordinati. E’ alla base di una qualunque vita indipendente: i vestiti vanno piegati, le scarpe riposte nell’armadio o nella scarpiera, esiste un posto a casa per ogni indumento:

 

 

10. Sin da quando è possibile insegnate ai vostri figli il valore dei soldi. Ci sono diversi sistemi che la terapia ABA mette in pratica per riconoscere le banconote e le monete. Ares per un periodo, durante le terapie, guadagnava 2 centesimi per ogni compito fatto bene e raggiunta una certa cifra andava tutto felice a prendersi un cornetto al bar. Potete farlo anche voi. Esiste anche una APP di nome OTO, che migliora l’uso dei soldi per i disabili, scaricabile QUI.163354588-b7bbdf95-b66a-4db4-ba3a-39b7c2e24d35

Insomma, il lavoro è immenso, a tratti delicato, decisamente faticoso, ma lo dobbiamo ai nostri figli. Tocca quindi allo Stato fare il resto. Poiché, nonostante tutto, sappiamo bene che i nostri figli avranno sempre e comunque bisogno di una mano gentile che si porga in loro aiuto. E se non ci siamo noi, tocca allo Stato farlo. La nostra lotta deve essere anche quella di esigere allo Stato che ci sostituisca nel miglior modo possibile, come meritano i nostri ragazzi, in una società civile!

 

Annunci

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...