Dieci consigli per tenere occupati i nostri figli autistici

Nei giorni di noia, senza scuola e senza centro estivo quanta fatica facciamo per impegnare i nostri figli? Soltanto noi lo sappiamo!

Non so se avete sentito parlare di Terapia Occupazionale.  La terapia occupazionale come indica  appunto il nome OCCUPA, impegna il disabile in attività quotidiane, lavorative e sociali.

Si tratta di un vero e proprio processo riabilitativo che, adoperando come mezzo privilegiato il fare e le molteplici attività della vita quotidiana, attraverso un intervento individuale o di gruppo, coinvolge la globalità della persona con lo scopo di aiutarne l’adattamento fisico, psicologico o sociale, per migliorarne globalmente la qualità di vita, pur nella disabilità.

La vera terapia occupazionale va eseguita da uno staff multidisciplinare composto da più figure, ma noi possiamo, a casa, cominciare ad occupare i nostri figli con attività quotidiane che lo aiutino a districarsi nel mondo delle autonomie.

Fra gli esercizi che possiamo fare tranquillamente a casa, uno che fa Ares è appartenente alla categoria lavori pesanti, ed è portare la spesa. Lui è l’addetto all’acqua, ogni volta che si compra l’acqua, lui la deve portare a destinazione dentro casa, oppure quando siamo in vacanza.

 

Quando sono tante casse, ovviamente le dispone così:

IMG_20170103_1847567

…una dietro l’altra. D’altronde è sempre autistico…

La terapia occupazionale è essenziale per acquisire maggiore libertà e indipendenza, per imparare nuove abilità e di conseguenza avere una maggiore sicurezza emotiva.

Vi elenco soltanto alcuni esempi delle attività che faccio con Ares:

  • -E’ Ares in casa chi mi chiude e apre le zip dei vestiti, oppure apre quelle dei suoi pantaloni
  • -Ares spesso, mi stende i panni 

 

  • -smista la spesa di casa (il pomodoro qui, lo yogurt là)
  • -raccoglie la frutta dagli alberi nella casa in campagna e le trasporta

 

  • -chiude e apre le bottiglie che usa
  • -apre da solo i suoi barattoli di succo o bevande gassate
  • cucina
  • -spazza e raccoglie con il raccoglitore le briciole di carta che butta per terra
  • -annaffia (con tutti i rischi per me)

 

  • -crea collane e bracciali nel tempo libero, ecc.

Ci sono tantissimi esercizi che possiamo fare a casa per occupare i nostri figli dando loro, allo stesso tempo, la possibilità di essere sempre più indipendenti.  Vi allego degli esercizi che ho da tempo nel mio computer e che trovate in QUESTO link.  Vi assicuro che sono davvero divertenti e molto, ma molto utili.

Sappiate, comunque, che la figura del terapista occupazionale esiste. QUESTO è il sito dell’Associazione Italiana di Terapisti Occupazionali dove potete avere maggiori informazioni.

 

Annunci

One Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...