Come insegnare i comportamenti pubblici e privati

Michele, sei anni, è stato sgridato da suo padre per essersi messo le dita nel naso in un bagno pubblico. Ma, Michele era molto confuso perché suo padre gli aveva detto che se avesse avuto bisogno di pulirsi il naso, avrebbe dovuto farlo in privato, ad esempio in bagno. Quindi eccolo Michele nel bagno (c’erano gabinetti e lavandini, sembrava un bagno!), ma ora gli veniva detto di non mettersi le dita nel naso proprio qui. Come potrebbe capire Miche quando va bene farlo?! Si era già messo nei guai a scuola per essersi messo le dita nel naso, ecco perché suo padre gli ha detto di farlo nell’intimità del bagno! Michele voleva solo pulirsi un po’ il naso incrostato causato da un raffreddore…

Ci sono regole sociali su ciò che possiamo fare in pubblico rispetto a ciò che possiamo fare in privato. Per i bambini nello spettro autistico, queste regole possono sembrare oscure e difficili da imparare. Se ci soffermiamo davvero a pensarci bene, sono complicate! Ci sono regole intorno a DOVE puoi fare o dire certe cose, ci sono regole che riguardano a CHI puoi e non puoi dire certe cose, e regole su COSA puoi o non puoi divulgare.

Troppe regole da rispettare per un bambino nello spettro, il cui sistema di orientamento interno non focalizza immediatamente queste regole socialmente costruite. Può anche essere snervante per i genitori insegnare le incompatibilità di queste regole, come quella che il padre di Michele ha riscontrato nell’insegnare a suo figlio che poteva solo pulirsi il naso in bagno. Il padre di Michele non ha menzionato la sfumatura di riferirsi al proprio bagno, o forse dietro la porta del bagno di un bagno pubblico. Le sfumature che i neuro tipici danno per scontate sono molteplici e ci devono far riflettere.

Inoltre, alcuni comportamenti possono far finire un bambino o un adolescente nei guai o addirittura nei guai legali se le norme sociali non vengono rispettate. In più non si tratta mai di una lezione una tantum; queste regole cambiano man mano che il bambino cresce e in base al contesto, comprese le norme culturali.

Il DOVE

Ci sono quattro sfere della vita in cui trascorriamo del tempo e i genitori possono educare i propri figli su quale sia il comportamento appropriato e inappropriato in ciascuna sfera. 

Comportamenti in luoghi privati ​​Private (Adattato da Organization for Autism Research (nd): 

I bambini devono capire che ci sono alcuni comportamenti che possono verificarsi solo in luoghi privati ​​come la loro camera da letto o il bagno (con le porte chiuse). Questo può includere pulirsi il naso, masturbarsi (nel caso degli adolescenti), spogliarsi, fare il bagno o la doccia, fare arie, stare sul vasino. Questi comportamenti di solito sono più facili da capire perché ci sono regole più ferme intorno a questi comportamenti se li fai al di fuori di un luogo privato.

 

Comportamenti in luoghi pubblici

Come i comportamenti privati, questi comportamenti sono facili da capire quando vedi che tutti li fanno. Ciò include salutare, ridere insieme, giocare, mangiare e così via. Quello che fai in pubblico puoi farlo in privato (ma non viceversa).

Ci sono regole rigide per non fare cose private negli spazi pubblici; queste sono in genere più facilmente comprensibili. Tuttavia, le sfere del semi-privato e del semi-pubblico sono più sfumate e richiederanno maggiore attenzione e spiegazione sia nell’identificare il luogo stesso sia nel decidere quali comportamenti siano appropriati in questi luoghi. Inoltre, ciò che è appropriato può dipendere dal tipo di persone all’interno di queste sfere. Sono queste “zone grigie” che possono causare più problemi ai bambini nello spettro per capire cosa dovrebbero e non dovrebbero dire in questi ambienti.

Semi privato

Anche se può andare bene spogliarsi nella stanza dello studio medico, la porta deve essere chiusa e il medico ti deve aver chiesto di spogliarti. Come nel nostro caso, ciò che potrebbe andare bene nel bagno di casa potrebbe non essere accettabile in un bagno pubblico. 

Semi-pubblico

Si tratta in genere di spazi condivisi che non sono completamente pubblici, ma anche non completamente privati, come l’ufficio in cui lavora un genitore. Potrebbe esserci un po’ di privacy, ma sono richieste regole di comportamento diverse rispetto a situazioni più private.

Le scale di condivisione delle informazioni

Se esaminiamo le scale di condivisione delle informazioni, scopriremo che ci sono alcune persone con cui i bambini dovrebbero sentirsi a proprio agio nel condividere quasi tutto, ma mentre sali le scale, un bambino dovrebbe sentirsi meno a suo agio nel condividere informazioni e imparare a chiedere ai genitori se lui/lei non è sicuro se condividere informazioni con queste persone.

Un bambino può capire che ci sono alcune persone con cui è più libero di condividere le informazioni, ma mentre sale le scale, deve stare più attento a quali informazioni vengono condivise. Può essere utile utilizzare un elemento visivo come i gradini delle scale.

Il COSA

I genitori devono anche aiutare i propri figli a capire quali informazioni personali o comportamenti sono appropriati da condividere (questo è ciò che può diventare un’informazione pubblica ). Più private sono le informazioni, meno è probabile che debbano essere condivise con altri all’estremità superiore delle scale di condivisione delle informazioni. 

Le informazioni personali si riferiscono in genere a dati o comportamenti relativi all’igiene o alla cura della persona, informazioni mediche, alcune informazioni finanziarie e informazioni di natura sessuale. Ma include anche numeri di telefono, indirizzi, compleanni. I genitori devono essere in grado di spiegare quali informazioni condividere e quali NON condividere.

 

Sommario

Insegnare ai bambini la differenza tra comportamenti pubblici e privati ​​è fondamentale e stimolante. È importante ricordare:

  • I bambini devono conoscere la differenza tra luoghi privati ​​e pubblici, nonché le gradazioni tra variazioni semi-private e semi-pubbliche
  • I bambini devono sapere cosa sono le informazioni private e cosa possono condividere liberamente in pubblico
  • I bambini devono sapere con chi è appropriato condividere informazioni e con chi non dovrebbero condividere informazioni

Ulteriori sfumature sul COME comunicare gli argomenti (ad es. il tono di voce) e QUANDO è appropriato potrebbero anche dover essere spiegate dai genitori. Con pazienza e istruzioni chiare, i bambini autistici possono diventare socialmente competenti.

 

 

 

 

Riferimenti:
Lorna Hecker, PhD, LLC
Feldman, B. (settembre 2020). “Parlare con i tuoi figli della divulgazione di informazioni personali”. Surfnet ragazzi. Edizioni Feldman. Estratto da https://www.surfnetkids.com/tech/636/talking-to-your-kids-about-giving-out-personal-information/ .
Organizzazione per la ricerca sull’autismo (nd). Pubblico vs privato. Estratto da https://researchautism.org/sex-ed-guide-public-private/ .
Wrobel, MJ (2020). Perché una buona igiene e toelettatura? In R. Bedard e L. Hecker (a cura di) Uno spettro di soluzioni per i clienti con autismo: trattamento per adolescenti e adulti (pp. 244-252). Routledge.
Questo articolo è stato pubblicato nel numero 118 – Reframeing Education in the New Normal