Ecolalia e Autismo: perché mio figlio ripete ciò che gli chiedo?

Molti bambini nello spettro autistico usano l’ecolalia (ripetere le parole e le frasi di altre persone) come modo per rispondere, oltre che per esprimere i loro desideri e bisogni. L’ecolalia può confondere i genitori e le persone neuro tipiche, ma non deve necessariamente essere angosciante.

Per esplorare il tema dell’ecolalia e cercare soluzioni per apprendere una comunicazione verbale più accettabile, questo articolo utilizzerà “Mario”, un ragazzo autistico immaginario, come esempio di come potrebbe presentarsi l’ecolalia.

Esempi di ecolalia nei bambini autistici

Mario cade dai gradini nel suo cortile e grida con voce sbalordita: “Stai bene? Stai bene?” Poi, quando il suo allarme si è attenuato, dice “Stai bene, tesoro. Stai bene!” e spinge via sua madre mentre si precipita per pulirlo.

Come la maggior parte dei bambini autistici che fanno eco al linguaggio, Mario, 4 anni, usa interi pezzi di conversazioni di altre persone per esprimersi. Ricorda facilmente le loro parole e spesso le associa a situazioni simili. Nell’esempio sopra, ha riciclato le parole e il tono che sua madre aveva usato l’ultima volta che era caduto.

Allo stesso modo, potrebbe fare una richiesta chiedendo: “Vuoi un gelato?” o “Vuoi le patatine?” Quando Mario chiede aiuto, potrebbe dire: “Lascia che ti aiuti” o “Puoi fare tutto da solo?” Oppure potrebbe dire, senza un interlocutore: “Hai bisogno di aiuto?”, mentre fa fatica ad aprire un contenitore.

Essendo Mario un bambino estremamente selettivo nell’alimentazione,  viene spesso incoraggiato a provare nuovi cibi. Lo trova molto stressante, ma mentre rifiuta il cibo offerto, potrebbe urlare: “Provalo! È delizioso!”

Mentre gioca con i suoi trenini, Mario recita spesso le battute dei suoi video preferiti, ma di solito non abbina le sue azioni alle parole. Potrebbe dire: “E il trenino attraversò il tunnel!” mentre fa girare le ruote su un vagone capovolto.

Se qualcuno lo saluta, risponde con un’eco: “Ciao Mario”, oppure non risponde affatto. I bambini piccoli potrebbero usare parole, frasi e gesti precoci per comunicare le loro richieste, proteste, saluti e commenti. Gli echi di Mario spesso servono a queste stesse funzioni comunicative, ma i suoi ascoltatori devono interpretare il significato dietro le sue azioni.

Perché i bambini autistici ripetono?

Un bambino autistico come Mario può avere una memoria molto forte e una buona capacità di imitare parole e suoni, ma una scarsa comprensione del linguaggio. Non riconosce che i pronomi io/tu cambiano a seconda della persona con cui si parla, né separa le singole parole dall’intera frase con cui ripete. Non può usare le parole che echeggia per creare nuove frasi. Molti dei suoi echi sono domande perché gli adulti fanno molte domande ai bambini. Come molti bambini piccoli autistici, Mario non risponde né fa domande tipiche.

Mario è attivo sia fisicamente che verbalmente, ma alcuni bambini ecolalici parlano solo occasionalmente e non così chiaramente. Spesso le capacità di gioco dei bambini ecolalici sono limitate e ripetitive, così come quelle dei bambini autistici che non ripetono.

Fra i modi più efficaci per aiutare i bambini ecolalici a iniziare a comunicare in maniera più convenzionale ci sono il gioco e i video dimostrativi. Quindi dobbiamo dimostrare come deve parlare il bambino autistico affinchè il bambino poi ci imiti. I bambini ecolalici imitano prontamente il linguaggio ma inizialmente hanno bisogno di copiarlo.

Ecco alcuni suggerimenti generali su come procedere con la dimostrazione e poi alcuni esempi per dimostrare la comunicazione funzionale precoce durante il gioco e le routine quotidiane con i bambini nello spettro autistico.

Linguaggio dimostrativo per bambini ecolalici

  • Cerchiamo di usare un linguaggio modello appropriato che poi sarà  ripetuto dal bambino. La frase “E’ tempo di fare il bagno” funziona meglio per dirigerlo verso il bagno e funziona anche se è il bambino ad usarla, mentre invece la frase “Devi fare il bagno” potrebbe risultare confusa quando sarà Mario a ripeterla per esprimere il suo bisogno.
  • All’inizio insegna frasi brevi, anche se la memoria di tuo figlio gli consente di ripetere frasi lunghe e abbinare le parole a ciò che sta vivendo. Ha bisogno della semplicità per collegare le parole con il loro  significato.
  • Evita le domande se tuo figlio non risponde ancora alle domande. I bambini ecolalici spesso tendono ad avere un tono della voce interrogativo, come se tutto quello che dicono fosse una domanda
  • Usa i nomi invece dei pronomi per un po’ come modo per ridurre al minimo la confusione “io-tu”
  • Aspettati difficoltà di comprensione anche se può seguire alcune indicazioni. I bambini che capiscono bene il linguaggio non ripetono abitualmente intere frasi per comunicare.
  • Aspettati che avrà bisogno di istruzioni dirette sull’uso dei pronomi e sul rispondere o porre domande, ma per ora, evitale per ridurre al minimo la sua confusione mentre padroneggia le prime abilità di parola e comunicazione.

Idee per insegnare la comunicazione funzionale precoce ai bambini autistici

Richiedere cose

Quando Mario dice: “Vuoi un gelato?” tu rispondi: “Voglio un gelato”, facendo attenzione a non farlo sembrare una domanda. Ripeti la frase “Voglio un gelato” alcune volte mentre gli dai il gelato. Quando inizi a darglielo, dì: “Voglio un po’ di…” e probabilmente lui aggiungerà: “gelato”. In caso contrario, ripeti l’intera frase e dagli il gelato. Se ripete correttamente: “voglio un gelato”, dici solo: “Gelato!” e daglielo.

Se sta cercando di prendere un aeroplanino giocattolo su uno scaffale, aiutalo a indicarlo mentre dici: “Aereo! Voglio l’aereo!” un paio di volte e poi daglielo. Se includi “per favore”, aggiungilo alla fine: “Voglio l’aereo… per favore”.

Dirigere le azioni

Puoi aiutare Mario a darti il ​​giocattolo che si è scaricato o la scatola che non riesce ad aprire, dicendo: “Per favore aiutatemi!” o “Aprilo” come per dire a te stesso cosa fare.

Quando sta giocando con il suo treno, metti la mano sul binario per bloccare l’andamento del trenino. Se si innervosisce, ti dirigi a lui dicendo “Per favore spostati!” e togli la mano dai binari. Dopo alcune volte, probabilmente inizierà a dirti: “Per favore, spostati!”

protestare

Se Mario, piangendo, inizia a rifiutare una carota e comincia a dire: “Provalo! È delizioso!”, dici: “Non voglio la verdura!” e aiutalo a rifiutare la verdura respingendola. Ma a volte dovrai prevalere su di lui. Se sta rifiutando invece un antibiotico, puoi riconoscere la sua protesta con: “Non voglio medicine!”, fai una pausa e aggiungi: “Scusa, Mario ha bisogno della medicina” e provi di nuovo a dargliela.

Saluto

Se dicendo “Ciao Mario” non ottieni risposta o ti ripete “Ciao Mario”, di’ semplicemente “Mario!” e quando alza lo sguardo o fa una pausa, dici “Ciao!” e lui potrebbe dirti “ciao”. In caso contrario, ripeti il ​​”ciao” una o due volte. Spesso riceverai una risposta e un contatto visivo. Invece di dirgli continuamente: “Dì ‘Ciao'” ad amici e familiari, chiedi agli amici e famigliari di usare con lui la stessa modalità di saluto.

Commentando

Se sta invece mangiando di gusto un cibo, riconoscilo con un commento invece di chiedere se gli piace, cosa che potrebbe ripetere invece di rispondere. Ad esempio, dì: “il gelato è delizioso” o: “Mmmm, è buono questo gelato”, entrambe le frasi sono appropriate se poi lui le ripete dal suo punto di vista.
Stai al suo gioco e dimostra le cose che può fare e dire per sviluppare sia il suo uso dei giocattoli che il suo linguaggio.

Ad esempio: Mario sta lanciando un pezzo di un puzzle della fattoria. Guidi delicatamente la sua mano verso il tabellone del puzzle dicendo: “È l’occhio della mucca… va qui… l’occhio della mucca va qui!” o “Ecco un pezzo del pollo… uhm, mi sa che non va qui, non si adatta!” mentre lo aiuti a trovare gli incastri giusti del puzzle.

In macchina, potresti dire: “Il semaforo è rosso. Dobbiamo fermarci”… Il semaforo è diventato verde… Ora possiamo andare”. Oppure potresti dire: “Arriva uno scuolabus” o “Sta iniziando a piovere”.
Oppure all’ora del bagno, se ti sta guardando, commenta cosa sta succedendo: “L’acqua è aperta… si sta riempiendo la vasca… c’è abbastanza acqua… è ora di chiudere l’acqua”.

Tu e Mario state guardando un libro. Ti limiti a commentare le foto, indicando con il dito se te lo permette, e dici: “Ecco un treno con tre carrozze; uno, due, tre” o “I cani corrono” o “Questa ragazza sembra triste. Lei sta piangendo.” Non aver paura di raccontare con parole le stesse cose che compaiono nel libro. È più probabile che impari i suoni e imiti il ​​linguaggio che ha sentito molte volte.

Terapie e trattamento per l’ecolalia

Se senti di dover lavorare di più per ridurre l’ecolalia di tuo figlio, ci sono alcuni trattamenti disponibili. Una scelta comune è la logopedia, dove puoi lavorare con un terapeuta per incoraggiare tuo figlio a dire quello che sta pensando. Anche la terapia del gioco è un’opzione, in cui il bambino è incoraggiato a comunicare mentre partecipa ad attività divertenti.

È meglio parlare con un terapista professionista che abbia esperienze con l’autismo. E ricorda, tuo figlio usa l’ecolalia come un modo per comunicare con te. Il tentativo di eliminare completamente l’ecolalia potrebbe non essere l’opzione migliore.

Conclusione

Molti bambini autistici ecolalici rispondono positivamente alla dimostrazione del linguaggio corretto perché di solito cercano attivamente di comunicare, hanno ricordi forti e imitano prontamente. Stanno già dimostrando di avere una certa capacità di imparare la lingua. Abbina le parole ai significati dal punto di vista del bambino autistico. Dimostro ora, converso dopo.

Lo sviluppo di un linguaggio ritardato è comune nei bambini autistici e, sebbene l’ecolalia possa essere inquietante, i genitori non devono preoccuparsi prematuramente: ci sono molti strumenti comunicativi e opzioni di insegnamento che puoi usare a casa o con logopedisti per sostenere tuo figlio e aiutarlo con l’acquisizione linguistica.

 

 

 

 

 

Di  Elizabeth Ives Field, MEd, CCC-SLP