Giochi pratici e suggerimenti per insegnare l’imitazione

Quando Ares era piccolo, in principio non giocava, e il gioco mi serviva affinchè trascorresse del tempo in maniera appropriata, in più, come sapete, tramite il gioco si acquisiscono un miliardo di abilità. Così, tramite la terapia ABA, abbiamo deciso di introdurre il gioco per imitazione.

La mia casa, ben presto, si riempì di giochi doppi.

L’imitazione, di solito non si insegna, Un giorno vedi tua figlia che indossa le tue scarpe con il tacco e cammina per casa e ti chiedi: “ma come ha fatto?” Ti ha semplicemente imitata. 

Imitazione nei bambini con disturbo dello spettro autistico:

Spesso i bambini con disturbo dello spettro autistico mostrano deficit nell’imitazione. Sovente hanno poco interesse per i comportamenti degli altri intorno a loro e raramente cercano di imitarli. Questi deficit sono stati segnalati in una varietà di compiti, inclusi i movimenti del corpo, l’uso di oggetti, le espressioni facciali e la vocalizzazione. Tali deficit influenzano direttamente la capacità di apprendimento dei bambini e possono anche avere un impatto sulla competenza sociale e comunicativa dei bambini autistici.

Poiché l’imitazione è un elemento fondamentale per l’apprendimento, è essenziale stabilirlo il prima possibile. Quando il bambino ha imparato a imitare, puoi iniziare a praticare abilità di sviluppo del linguaggio, abilità sociali e molte altre abilità importanti.

Giochi pratici e suggerimenti per insegnare l’imitazione ai bambini autistici:

1.I bambini imparano l’imitazione essendo imitati, quindi imita tuo figlio!

Guarda tuo figlio da vicino e nota le sue azioni, i movimenti, l’espressione del viso e i suoni. Quindi copia quello che fa. Ad esempio, se tuo figlio sta toccando il tavolo, imita l’azione e dì:  Guarda! Ti sto copiando!  O quando tuo figlio emette un suono, prova a copiarlo e mostra al bambino che stai copiando. Dopo la copia, attendi che tuo figlio ti presti attenzione e poi ricomincia a copiare. Sarebbe utile avere anche due set di determinati giocattoli, come i tamburi. In questo modo puoi anche imitare l’azione di tuo figlio sugli oggetti.

2. Incorporare attività di imitazione durante l’utilizzo di giocattoli diversi:

Usa un giocattolo che piace a tuo figlio. Quindi prova a fingere che il giocattolo sia reale e in movimento. Fai i movimenti e fai anche un suono divertente e coinvolgente. Ad esempio, prendi una macchina, muovila avanti e indietro e dì: Vroom, Vroom . In questo modo puoi attirare l’attenzione di tuo figlio. Quando hai la sua attenzione, dì:  Fallo e dimostra di nuovo il movimento. Dopodiché, dai la macchina a tuo figlio e aiutalo a fare lo stesso. Quando lo fa, è tempo di dimostrargli che ha fatto un ottimo lavoro! Rafforza il comportamento favorevole del bambino, ricompensandolo, dandogli qualcosa che gli piace, oppure pronunciando una frase di rinforzo, come:  Wow! Ce l’hai fatta!  Fantastico! Riprendi la macchina e riproduci lo stesso scenario ancora e ancora, finché tuo figlio non ti copia immediatamente e senza sforzo. Prova ad aggiungere alcune varianti al gioco e aggiungi nuovi giocattoli ogni tanto.

3. Gioca a fare finta:

Puoi anche usare il gioco immaginario per insegnare l’imitazione a tuo figlio. Ad esempio, puoi usare giocattoli e oggetti di scena per un gioco e fingere che siano qualcos’altro. Ad esempio, puoi usare una ciotola e un cucchiaio e fingere di suonare un tamburo. Quindi puoi chiedere a tuo figlio di giocare anche lui. Oppure puoi usare giochi che includono l’imitazione del personaggio dei cartoni animati o del film preferito di tuo figlio. Inoltre, puoi fingere che le bambole e i giocattoli siano reali e si muovano o che devi dar loro da mangiare.

4. Usa uno specchio per insegnare i movimenti facciali e le espressioni emotive:

Ad esempio, usa espressioni facciali e movimenti come gonfiare le guance, soffiare un lampone o inviare un bacio. Quindi chiedi a tuo figlio di farlo. Quando cerca di imitarti, dagli uno specchio, così potrà guardarsi mentre fa l’espressione del viso. Puoi anche indicare lo specchio e dire : Guarda! Lo stai facendo! È stupefacente!

Per renderlo più coinvolgente, prova ad aggiungere suoni divertenti mentre mostri i volti.

5. Per insegnare l’imitazione, scegli i movimenti funzionali:

Per praticare l’imitazione, scegli movimenti che possono essere utilizzati in seguito per insegnare abilità sociali, emotive o di sviluppo del linguaggio. Ad esempio, usa espressioni facciali come arrabbiato, una risata o la tristezza. Usa anche movimenti del corpo come battere le mani, indicare o salutare. Saluta tuo figlio e dì: fallo. Se tuo figlio imita, lodalo. In caso contrario, aiutalo a salutare prendendogli la mano e muovendola. Allora lodalo.

6. Il coinvolgimento è fondamentale quindi rendi  l’apprendimento divertente:

Cerca di incorporare la pratica dell’imitazione in giochi divertenti e coinvolgenti. Se il gioco è coinvolgente e interessante per tuo figlio, collaborerà di più e imparerà più velocemente. Cerca di incorporare l’imitazione nei giochi che piacciono di più a tuo figlio e prova a usare i giocattoli che preferisce. Guarda attentamente tuo figlio e scopri qual è la sua preferenza e in che tipo di giochi si divertirà di più.

7. Aiuta tuo figlio per tutto il tempo necessario, ma il meno possibile:

Soprattutto all’inizio, tuo figlio potrebbe aver bisogno di molto aiuto e molti riscontri positivi per imitarti. Ad esempio, potresti dover tenergli la mano e muoverla completamente per aiutarlo a salutare o mostrare un movimento del corpo. Ma l’idea di insegnare un’abilità di vita è assicurarti che tuo figlio possa usare quell’abilità in modo indipendente. Pertanto, è fondamentale ridurre il tuo aiuto il prima possibile. Quindi, ad esempio, se nelle prime sessioni di pratica usi il pieno supporto fisico per il tuo bambino per sollevare il braccio, riducilo gradualmente fino a toccargli dolcemente il braccio in modo che sollevi lui stesso il braccio. Questo si chiama dissolvenza rapida e dovrebbe essere implementato per assicurarsi che i bambini ottengano l’indipendenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le foto sono di Pexels