Chi è il terapista di successo

Mi soffermo spesso su questo argomento, dopo anni vedendo tanti terapisti a casa mia, ma soprattutto, dopo alcuni anni leggendo voi, i vostri messaggi e molte lamentele sull’operato dei terapisti A.B.A. che voi constatate. Lamentele che più volte intaccano l’immagine della terapia stessa. 

Guardate subito questo esempio:

Esempio A- Il terapista A,B.A. arriva a casa del bambino per una sessione di terapia, vede il bambino che fa i capricci per i popcorn e che non indossa i pantaloni. Il terapista reindirizza silenziosamente il bambino dalla cucina alla stanza della terapia e lo invita a indossare i pantaloni. Il bambino ancora urla e il terapista lo invita ancora a sedersi al tavolo per cominciare la seduta. Più tentativi completamente guidati in seguito finchè il bambino guadagna una pausa. Il terapista offre una scelta tra Lego e giocare con il pongo. Il bambino non sceglie nessuno dei due. Il terapeuta suggerisce quindi una scelta forzata di uscire di casa. Fuori il bambino si lamenta, è irritabile e tenta ripetutamente di tornare di corsa in casa. Il terapista lo blocca e cerca di evitare tutti i tentativi di entrare in casa, cerca più volte di interessare il bambino a giocare a palla utilizzando il pieno suggerimento fisico.

Se questo esempio riassumesse solo i primi 20 minuti della sessione di terapia, come pensi che andrebbe complessivamente la sessione? Piuttosto non eccezionale, sarebbe la mia ipotesi.
Ora, dai un’occhiata a questo esempio in cui il terapista ha costantemente seguito o reinventato la motivazione del bambino:

Esempio B – Il terapista A.B.A. arriva a casa del bambino per una sessione di terapia, vede il bambino che fa i capricci per i popcorn e non indossa i pantaloni. Il terapeuta usa questa opportunità per usare il manding e chiede al genitore di darle i popcorn. Il terapista quindi mostra al bambino i popcorn, mostra l’etichetta (“POPCORN”) e trattiene i popcorn. Dopo che il bambino ha richiesto e ricevuto con successo dei popcorn, il terapista ne mette dell’altro in un sacchetto e dice “Vieni con me e puoi averne di più!” e va nella stanza della terapia. Il bambino la segue rapidamente. Una volta nella stanza della terapia, il terapeuta si prende alcuni momenti per interagire con il bambino prima di iniziare le istruzioni. Al tavolo della terapia, il bambino lavora bene per guadagnare più popcorn. Il terapista offre una scelta tra il succo (il popcorn probabilmente ha reso assetato il bambino) o i Lego. Il bambino sceglie il succo. Il terapista spiega “PRIMA i pantaloni, POI il succo”. Il bambino obbedisce e indossa i pantaloni, per prendere un po’ di succo. Una volta in cucina, il terapista mette in fila 3 tipi di succo in modo che il bambino possa scegliere quello che desidera. Il terapista poi versa un po’ di succo in una finta tazza e ne dà un po’ a un bambolotto ogni volta che il bambino beve. Il bambino ride e poi vuole a turno dare il succo alla bambola. mentre il terapista dà un po’ a la bambolina ogni volta che il bambino beve.
Vedi le differenze? No? Nessun problema, li indico io:

  • I terapisti di successo pensano in modo autonomo: non lavorerai sempre con i tuoi clienti nelle circostanze ideali. È la vita. Una parte importante di ciò che serve è essere in grado di scansionare rapidamente una situazione, modificare il piano di lavoro in base a ciò che vedi e quindi alterare un pochino il tuo piano in base a come risponde il bambino. Non puoi rimanere bloccato nella visione a tunnel dove tutto ciò che conta sono i tuoi obiettivi di sessione. E se mancano i materiali? E se fosse una sessione di formazione per genitori e loro non fossero ancora a casa? E se i nonni fossero in città e volessero vedere la sessione? Devi tener conto di tutto!
  • I terapisti di successo sanno quando lasciare che un bambino abbia una brutta giornata – Quindi arrivi a casa e il bambino è mezzo nudo e urla per i popcorn. Non è autorizzato ad avere una brutta giornata?? Quando sei arrabbiato, vuoi sempre indossare i pantaloni? Non credo proprio. Non commettere l’errore di arrivare alla seduta e pensare che il tuo compito sia quello di mettere subito le cose sotto controllo. Cosa impara il bambino da te se lo spinge direttamente al lavoro? Perché non usare la situazione della vita reale che si sta svolgendo davanti ai tuoi occhi per insegnare a comunicare o per insegnare ai genitori come gestire il comportamento da soli? Il Parent Training si svolge sempre.
  • I terapisti di successo pensano SEMPRE a “Cosa ne ricava il cliente?” – Non si presenta alcuna istruzione o direttiva ai propri clienti senza prima aver stabilito mentalmente perché dovrebbero farlo. Accettare, tanto per accettare, è fantastico, ma proprio come il resto di noi la maggior parte dei ragazzi ha bisogno di un motivo per battere le mani … o per venire di sopra … o per camminare con te. Stai solo dando ordini ai tuoi clienti o ti stai assicurando che siano consapevoli di quale rinforzo li attende proprio dietro le tue richieste?
  • I terapisti di successo possono prendere i programmi scritti e incorporarli in qualsiasi ambito. E a questo aspetto bisogna dedicare molto tempo perché penso che sia una delle cose più importanti che bisogna imparare. L’insegnamento non è solo ciò che accade quando leggi i tuoi dati. L’insegnamento può avvenire ovunque e in qualsiasi momento. Ciò significa essere in grado di modificare il tuo piano di lavoro prefissato ma tenere a mente i tuoi obiettivi originali. Significa anche fare ciò che il bambino vuole fare. NON bloccare il bambino da ciò che vuole fare e spingerlo a fare le tue cose.
  • I terapisti di successo si concentrano sulla relazione, più che sulle prove: cosa è più importante alla fine della sessione di terapia, che la tua scheda tecnica sia totalmente completata o che il bambino sia calmo, impegnato ed entusiasta del tuo ritorno? Potresti dire: “Bene, sarebbe meglio entrambi?”. Uhm, non sempre, no. A volte potresti eseguire meno compiti del necessario, o trascorrere meno tempo al tavolo della terapia, o nemmeno sondare alcuni di quei nuovi obiettivi. Ma in compenso ottieni un contatto visivo straordinario mentre giochi con le bolle, o il bambino ti prende la mano mentre cammini lungo il corridoio, o puoi mostrare al genitore un modo migliore per convincere il bambino a rimanere seduto durante il pranzo. Il tuo lavoro è molto più che compilare una scheda tecnica.

LEGGI ANCHE COME RICONOSCERE UN OTTIMO TERAPISTA A.B.A.?


Riuscire a ottenere questo concetto di motivazione (intendo ottenerlo davvero) e sapere come seguire / escogitare la motivazione aiuterà qualsiasi professionista ABA ad essere più efficace, ad avere relazioni meno avverse con i suoi clienti e a ridurre lo stress o la frustrazione quando le sessioni di terapia diventano caotiche . 
Ogni volta che sento di un terapista a cui non è andata bene la sessione, quando indago scopro soltanto una serie di occasioni mancate per catturare la motivazione e usarla con saggezza. In altre parole, il cliente era decisamente motivato a fare alcune cose… ma nessuna delle cose che volevi che facesse. Invece di usare queste occasioni le hai sprecato in funzione del tuoi obiettivi .
Il cliente si sta disperatamente aggrappato alla mamma? Invita la mamma a partecipare alla sessione. Un fratello sta giocando con la play ad alto volume proprio in fondo al corridoio dalla stanza di terapia? Lascia che il tuo bambino lavori per le pause così partecipa anche lui al gioco con il fratello. Papà è in cucina a preparare biscotti fantastici, profumati ma che vi distraggono totalmente? Chiedi al bambino di unirsi a papà e aiutare a cucinare, mirando anche alla motricità fine, alle indicazioni passaggio dopo passaggio (“prendi il cucchiaio”)  (versa una tazza di latte). 
Non combattere contro i tuoi bambini ma, usa la loro motivazione per migliorarli!

Tameika Meadows, BCBA
il video e le immagini sono di Pixabay