Diagnosi di autismo. Primi passi per aiutare il tuo bambino a prosperare

Ci sono molte cose che puoi fare per aiutare un bambino con disturbo dello spettro autistico a superare le sue sfide. Questi sono piccoli suggerimenti che potrebbero esserti utili.

guida per i genitori al trattamento e al supporto dell’autismo

Se di recente hai appreso che tuo figlio ha o potrebbe avere un disturbo dello spettro autistico, probabilmente ti starai chiedendo e preoccupando su cosa accadrà dopo. Nessun genitore è mai pronto ad affrontare un problema comportamentale del proprio figlio e la diagnosi di autismo può essere particolarmente spaventosa. Potresti non essere sicuro di come aiutare al meglio tuo figlio o essere confuso da consigli terapeutici contrastanti. 

Sebbene sia vero che l’autismo non è una diagnosi semplice, ci sono molti trattamenti che possono aiutare i bambini ad acquisire nuove abilità e superare un’ampia varietà di sfide dello sviluppo. La terapia comportamentale, specifici programmi scolastici, l’assistenza domiciliare, ecc. esistono per soddisfare le esigenze speciali di tuo figlio e aiutarlo a imparare, crescere e prosperare nella vita.

Quando ti prendi cura di un bambino autistico, è anche importante prenderti cura di te stesso. Essere emotivamente forte ti permette di essere un genitore migliore per tuo figlio. Questi suggerimenti genitoriali possono aiutare semplificandoti la vita con un bambino autistico.

Non aspettare una diagnosi

Come genitore di un bambino autistico o con ritardi dello sviluppo correlati, la cosa migliore che puoi fare è iniziare subito a lavorarci. Chiedi aiuto non appena sospetti che qualcosa non va. Non aspettare di vedere se tuo figlio si riprenderà più avanti o supererà il problema. Non aspettare nemmeno una diagnosi ufficiale. Prima i bambini con disturbo dello spettro autistico ricevono aiuto, maggiori sono le loro possibilità di successo nel trattamento. L’intervento precoce è il modo più efficace per accelerare lo sviluppo di tuo figlio e ridurre i sintomi dell’autismo nel corso della vita.

Se tuo figlio è autistico:

Impara a conoscere l’autismo. Più conosci il disturbo dello spettro autistico, meglio sarai attrezzato per prendere decisioni informate per tuo figlio. Informati sulle opzioni di trattamento, fai domande e partecipa a tutte le decisioni terapeutiche.

Diventa un esperto di tuo figlio. Scopri cosa scatena i comportamenti impegnativi o dirompenti di tuo figlio e cosa suscita una risposta positiva. Cosa trova tuo figlio stressante o spaventoso? Calmante? Scomodo? Piacevole? Se capisci cosa scatena tuo figlio, sarai più bravo a risolvere i problemi e prevenire o modificare le situazioni che causano difficoltà.

Accetta tuo figlio, stranezze e tutto il resto. Piuttosto che concentrarti su come il tuo bambino autistico è diverso dagli altri bambini e su cosa “manca”, lavora sull’accettazione. Goditi le stranezze di tuo figlio, celebra i piccoli successi e smetti di confrontare tuo figlio con gli altri. Sentirsi amato e accettato incondizionatamente aiuterà tuo figlio più di ogni altra cosa.

Non arrenderti. È impossibile prevedere il decorso del disturbo dello spettro autistico. Non saltare alle conclusioni su come sarà la vita di tuo figlio. Come tutti gli altri, le persone autistiche hanno un’intera vita per crescere e sviluppare le proprie capacità.

Aiuta il tuo bambino a prosperare Suggerimento 1: fornire struttura e sicurezza

Imparare tutto ciò che puoi sull’autismo e farti coinvolgere nel trattamento aiuterà molto tuo figlio. Inoltre, i seguenti suggerimenti renderanno la vita domestica quotidiana più facile sia per te che per tuo figlio:

Sii coerente. I bambini autistici hanno difficoltà ad applicare ciò che hanno imparato in un ambiente (come l’ufficio o la scuola) in altri ambienti, compresa la casa. Ad esempio, tuo figlio potrebbe usare il linguaggio dei segni a scuola per comunicare, ma non pensare mai di usarlo a casa. Creare coerenza nell’ambiente di tuo figlio è il modo migliore per rafforzare l’apprendimento. Scopri cosa stanno facendo i terapisti di tuo figlio e continua le loro tecniche a casa. Esplora la possibilità che la terapia si svolga in più di un luogo per incoraggiare tuo figlio a trasferire ciò che ha imparato da un ambiente all’altro. È anche importante essere coerenti nel modo in cui interagisci con tuo figlio e affronti i comportamenti impegnativi.

Attenersi a un programma. I bambini autistici tendono a fare meglio quando hanno un programma o una routine altamente strutturati. Ancora una volta, questo risale alla coerenza di cui entrambi hanno bisogno. Stabilisci un programma per tuo figlio, con orari regolari per i pasti, la terapia, la scuola e l’ora di andare a letto. Cerca di ridurre al minimo le interruzioni di questa routine. Se c’è un inevitabile cambio di programma, prepara tuo figlio in anticipo.

Premia il buon comportamento. Il rinforzo positivo può fare molto con i bambini autistici, quindi fai uno sforzo per “sorprenderlo” quando fa qualcosa di buono. Lodalo quando agisce in modo appropriato o apprende una nuova abilità, e sii molto specifico riguardo al comportamento per cui viene elogiato. Cerca anche altri modi per ricompensarlo per un buon comportamento, come dargli un cibo che desidera o lasciarlo giocare con un giocattolo preferito.

Crea una zona di sicurezza domestica. Ritagliati uno spazio privato nella tua casa dove tuo figlio possa rilassarsi, sentirsi al sicuro ed essere al sicuro. I segnali visivi possono essere utili (nastri colorati che contrassegnano le aree vietate, etichettatura degli oggetti in casa con immagini). Potrebbe anche essere necessario mettere in sicurezza la casa, in particolare se tuo figlio è incline agli scoppi d’ira o ad altri comportamenti autolesionistici.

Suggerimento 2: trova modi non verbali per connetterti

Connettersi con un bambino autistico può essere difficile, ma non è necessario parlare – o nemmeno toccare – per comunicare e legare. Comunichi già dal modo in cui guardi tuo figlio, dal tono della tua voce, dal linguaggio del corpo e forse dal modo in cui tocchi tuo figlio. Anche tuo figlio sta comunicando con te, anche se non parla mai. Hai solo bisogno di imparare la sua lingua.

Cerca segnali non verbali. Se sei attento e consapevole, puoi imparare a cogliere i segnali non verbali che i bambini autistici usano per comunicare. Presta attenzione al tipo di suono che emette, alle sue espressioni facciali e ai gesti che usa quando è stanco, affamato o quando vuole qualcosa.

Scopri la motivazione dietro i capricci . È naturale sentirsi arrabbiati quando si viene fraintesi o ignorati, e non è diverso per i bambini autistici. Fare i capricci è il suo modo di comunicare la sua frustrazione e attirare la tua attenzione. Cerca quindi di cogliere i segnali non verbali che ti arrivano sempre.

Trova il tempo per divertirvi. Un bambino che deve affrontare l’autismo è sempre un bambino. Sia per i bambini autistici che per i loro genitori, ci deve essere qualcosa di più nella vita oltre la terapia. Pianifica sempre un momento di ricreazione. Trova dei modi per divertirvi insieme pensando alle cose che lo fanno ridere e uscire dal suo guscio. È probabile che a tuo figlio piacciano di più queste attività se non sembrano terapeutiche o educative. Ci sono enormi vantaggi che derivano dal godimento della compagnia di tuo figlio senza pressioni o stress. Il gioco è una parte essenziale dell’apprendimento per tutti i bambini e non dovrebbe sembrare un lavoro.

Presta attenzione alla sensibilità sensoriale di tuo figlio. Molti bambini autistici sono ipersensibili alla luce, al suono, al tatto, al gusto e all’olfatto. Alcuni bambini sono “ipersensibili” agli stimoli sensoriali. Scopri quali immagini, suoni, odori, movimenti e sensazioni tattili innescano i comportamenti inappropriati o distruttivi di tuo figlio e cosa suscita una risposta positiva. Cosa trova stressante tuo figlio? Calmante? Scomodo? Piacevole? Se capisci cosa colpisce particolarmente tuo figlio, sarai più bravo a risolvere i problemi, prevenire situazioni che causano difficoltà e creare esperienze di successo.

Suggerimento 3: crea un piano personalizzato per il trattamento dell’autismo

Esistono tanti trattamenti diversi disponibili e quindi può essere difficile capire quale approccio è giusto per tuo figlio. Potresti sentire consigli diversi o addirittura contrastanti da genitori, insegnanti e medici. Quando metti insieme un piano di trattamento per tuo figlio, tieni presente che non esiste un unico trattamento che funzioni per tutti. Ogni persona nello spettro autistico è unica, con diversi punti di forza e di debolezza.

Un buon piano di trattamento:

  • E’ costruito sugli interessi di tuo figlio.
  • Offre un programma prevedibile.
  • Insegna i compiti come una serie di semplici passaggi.
  • Coinvolge attivamente l’attenzione di tuo figlio in attività altamente strutturate.
  • Fornisce un rinforzo regolare del comportamento.
  • Coinvolge i genitori.

Il trattamento di tuo figlio dovrebbe essere adatto alle sue esigenze individuali. Conosci tuo figlio meglio di te, quindi sta a te assicurarti che quei bisogni siano soddisfatti. Puoi farlo ponendoti le seguenti domande:

Quali sono i punti di forza di mio figlio e le sue debolezze?

Quali sono i comportamenti che causano il maggior numero di problemi? Quali abilità importanti mancano a mio figlio?

In che modo mio figlio impara meglio : attraverso la vista, l’ascolto o il fare?

Cosa piace a mio figlio e come possono essere utilizzate queste attività nel trattamento e per rafforzare l’apprendimento?

Infine, tieni presente che indipendentemente dal piano di trattamento scelto, il tuo coinvolgimento è vitale per il successo. Puoi aiutare tuo figlio a ottenere il massimo dal trattamento lavorando fianco a fianco con il team di lavoro che hai scelto e proseguendo la terapia a casa. (Ecco perché il tuo benessere è essenziale!)

Scegliere trattamenti per l’autismo

Quando si tratta di trattamento per l’autismo, ci sono una varietà vertiginosa di terapie e approcci. Alcune terapie per l’autismo si concentrano sulla riduzione dei comportamenti problematici e sulla costruzione di abilità comunicative e sociali, mentre altre si occupano di problemi di integrazione sensoriale e abilità motorie, ecc.

Con così tante scelte, è estremamente importante fare la tua ricerca, parlare con esperti di trattamento dell’autismo e porre domande. Ma tieni presente che non devi per forza scegliere solo un tipo di terapia. L’obiettivo del trattamento sull’autismo dovrebbe essere quello di trattare la gamma intera di sintomi e bisogni di tuo figlio. Ciò richiede spesso un approccio terapeutico combinato che incorpori diversi tipi di terapia.

I trattamenti comuni per l’autismo includono terapia comportamentale, terapia del linguaggio, terapia basata sul gioco, terapia occupazionale. Ma tieni presente che la routine è importante e il programma dovrebbe essere progettato in modo che possa essere sostenuto. Dovresti pensare a quali abilità e comportamenti sono più importanti e trattarli per primi. Potrebbe non essere possibile affrontare tutto in una volta.

Suggerimento 4: trova aiuto e supporto

Prendersi cura di un bambino autistico può richiedere molta energia e tempo. Potrebbero esserci giorni in cui ti senti sopraffatto, stressato o scoraggiato. Essere genitori non è mai facile e crescere un bambino autistico è ancora più impegnativo. Per essere il miglior genitore che puoi essere, è essenziale che ti prenda cura di te stesso.

Non provare a fare tutto da solo. Non devi! Ci sono molti posti a cui le famiglie di bambini autistici possono rivolgersi per chiedere consiglio, aiuto, sostegno e sostegno:

Gruppi di supporto autismo– Entrare a far parte di un gruppo di supporto autismo è un ottimo modo per incontrare altre famiglie che affrontano le tue stesse sfide. I genitori possono condividere informazioni, ricevere consigli e appoggiarsi a vicenda per ottenere sostegno emotivo. Il semplice fatto di stare con gli altri sulla stessa barca e condividere la loro esperienza può fare molto per ridurre l’isolamento che molti genitori provano dopo aver ricevuto la diagnosi di un bambino.

Assistenza domiciliare Ogni genitore ha bisogno di una pausa di tanto in tanto. E per i genitori che affrontano lo stress aggiuntivo dell’autismo, questo è particolarmente vero. Un altro caregiver potrebbe subentrare temporaneamente, dandoti una pausa per alcune ore, giorni o persino settimane.

Consulenza individuale, coniugale o familiare : se ti senti stressato, ansioso o depresso, potresti rivolgerti a uno psicologo. La terapia è un luogo sicuro dove puoi parlare onestamente di tutto ciò che senti. Il matrimonio o la terapia familiare possono anche aiutarti a risolvere i problemi che le sfide della vita stanno causando nella tua relazione coniugale o con altri membri della famiglia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fonte helpguide