Come cambia l’autismo con l’età adulta?

 

 

I sintomi dell’autismo possono cambiare nel tempo, migliorando in alcune persone e peggiorando in altre. Le abitudini quotidiane, il trattamento e il supporto di un bambino, di un adolescente o di un adulto svolgono un ruolo importante nella direzione in cui si evolvono i sintomi.

Se parli di autismo alla maggior parte delle persone, penseranno ai bambini, ma è una diagnosi che dura tutta la vita. I bambini autistici crescono fino a diventare adulti autistici. Poco si sa su come i sintomi cambiano con l’età. Questo perché l’autismo è un disturbo relativamente nuovo, descritto per la prima volta nel 1943 e non identificato regolarmente fino agli anni ’70. È solo ora che le persone diagnosticate per la prima volta stanno raggiungendo l’età avanzata e che si può iniziare a capire se il disturbo cambia nel corso della vita.

QUALI SONO I SINTOMI DEL DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISMO?

Le persone con disturbo dello spettro autistico possono manifestare un’ampia gamma di sintomi

  • Contatto visivo limitato
  • Abilità linguistiche scarse
  • Capacità di apprendimento limitata
  • Difficoltà nelle abilità motorie
  • Mancanza di reattività
  • Capacità di concentrarsi intensamente su determinate cose
  • Difficoltà a comprendere i segnali sociali
  • Difficoltà a leggere le espressioni facciali
  • Movimenti ripetitivi (come dondolarsi avanti e indietro e sbattere le mani)
  • Ripetizione di parole o frasi
  • Problemi ad accettare i cambiamenti nella routine
  • Impegnarsi in comportamenti autolesionistici (come sbattere la testa)
  • Avere difficoltà a giocare con gli altri bambini
  • Ritiro dalla socialità
  • Avere difficoltà a portare avanti una conversazione
  • Avere un tono di voce piatto o cantilenante
  • Aumento o diminuzione della sensibilità agli input sensoriali (abbigliamento, luci, rumore, temperatura)

Non tutte le persone autistiche presenteranno tutti questi sintomi e poiché l’autismo è un disturbo dello spettro, i sintomi possono variare da lievi a gravi.

L’Autism Diagnostic Research Center di Southampton ha valutato 146 adulti che sono stati indirizzati al centro in cerca di una diagnosi di autismo tra il 2008 e il 2015 e che hanno accettato di prendere parte alla ricerca. Le persone avevano un’età compresa tra i 18 ei 74 anni. A cento di questi adulti è stato diagnosticato l’autismo e 46 di loro non hanno ricevuto una diagnosi. Questo ha dato l’opportunità di esplorare le sottili differenze tra le persone che ricevono una diagnosi e quelle che non la ricevono, anche se possono avere altre difficoltà simili.

Lanalisi ha mostrato che l’età e la gravità dell’autismo erano collegate; cioè, con l’aumentare dell’età aumentava anche la gravità dei sintomi di autismo nelle situazioni sociali, nella comunicazione e nel pensiero flessibile (ad esempio affrontare il cambiamento o generare nuove idee o soluzioni)

Può sembrare sorprendente che le persone che hanno ricevuto una diagnosi molto più tardi nella vita abbiano avuto sintomi più gravi, poiché potremmo aspettarci che le persone con sintomi gravi abbiano maggiori probabilità di cercare una diagnosi prima nella vita. Quello che si è scoperto è che gli anziani autistici hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai giovani adulti autistici in alcuni test cognitivi effettuati. Il gruppo a cui è stato diagnosticato l’autismo è stato più veloce nei test che misurano la velocità di pensiero durante un’attività e ha ottenuto risultati migliori quando si trattava di informazioni visive e di forma. Forse queste abilità hanno aiutato gli adulti autistici a sviluppare strategie nella loro vita che li hanno poi aiutati a far fronte ai loro sintomi, il che potrebbe spiegare perché non sono stati diagnosticati fino all’età adulta. 

COME CAMBIANO I SINTOMI DI AUTISMO

I sintomi dell’autismo possono cambiare nel tempo. I segni della condizione possono emergere nel primo anno di vita in alcuni bambini o potrebbero non svilupparsi fino a quando un bambino non ha 2 o 3 anni. Alcuni bambini inizialmente raggiungono le pietre miliari dello sviluppo ma smettono di acquisire nuove abilità o iniziano a perdere le abilità che possedevano prima. Ad esempio, un giovane potrebbe iniziare a perdere il vocabolario che aveva una volta. Quando un bambino invecchia, i sintomi possono cambiare.

Se i sintomi peggiorano o migliorano spesso dipende dal piano di trattamento che la persona ha seguito nell’arco della vita. Con un programma di trattamento efficace che comprende terapie comportamentali, supporto educativo e cambiamenti nello stile di vita, i sintomi dell’autismo in molti bambini migliorano con l’età.

Un’entusiasmante ricerca del Mind Institute ha rilevato che quasi il 30% dei bambini di 3 anni che hanno ricevuto interventi sostanziali e intensivi ha mostrato riduzioni della gravità dei sintomi dell’autismo all’età di 6 anni. Infatti, in questo studio del 2021, che ha valutato 125 bambini con diagnosi di autismo, alcuni i bambini non soddisfacevano più i criteri per l’autismo all’età di 6 anni.

Questo studio si basa su ricerche precedenti che dimostrano che l’intervento precoce e adeguato sull’autismo può ridurre la gravità dei sintomi. Un follow-up del 2016 di uno studio randomizzato controllato su The Lancet ha rilevato che gli interventi di comunicazione sociale mediati dai genitori rivolti a bambini autistici di età compresa tra 2 e 4 anni hanno portato a riduzioni a lungo termine dei sintomi. ovvero la terapia che coinvolge i genitori i quali apprendono le tecniche di intervento dai professionisti e le implementano con i loro figli nella vita quotidiana.

Allo stesso modo, uno studio del 2019 sul Journal of Autism and Developmental Disorders che ha coinvolto 60 bambini con diagnosi di autismo ha rilevato che le valutazioni di follow-up dopo l’intervento hanno mostrato un miglioramento significativo dei sintomi dell’autismo e dei guadagni cognitivi.

Al contrario, quando l’autismo non viene rilevato o trattato in maniera corretta, i sintomi in genere peggiorano con il passare del tempo. Inoltre, man mano che i bambini crescono nell’adolescenza e nell’età adulta, possono sviluppare problemi di salute mentale. Uno studio del 2019 su JAMA Pediatrics ha concluso che le persone autistiche hanno maggiori probabilità di essere diagnosticate con depressioneansia e disturbo bipolare rispetto alle persone normo tipiche. Altre ricerche indicano un aumento del rischio di ADD/ADHD e abuso di sostanze tra le persone autistiche. Questi problemi possono avere un impatto negativo sulla qualità della vita di una persona ed esacerbare quindi i sintomi negativi.

INTERVENTI DI AUTISMO

Poiché esiste una gamma così ampia di caratteristiche nell’autismo, il trattamento richiede in genere un approccio multidisciplinare. Gli interventi possono comprendere:

  • Terapie comportamentali
  • Terapie della comunicazione
  • Terapie di supporto alla genitorialità
  • Farmaci
  • Programmi dietetici e integrazione nutrizionale
  • Terapie complementari

Considerando che i bambini e gli adulti autistici sperimentano una varietà di sintomi con diversi livelli di gravità, nessun piano di trattamento unico funzionerà per tutti. Comprendere le esigenze individuali di nostri figli è la chiave per trovare le soluzioni più efficaci ai fini di mitigare i sintomi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

amenclinics
theconversation
link.springer
autism.org
jamanetwork