Autismo. Come insegnare al bambino a porre domande.

Già in passato ho scritto su questo argomento. QUI trovate anche dei video dove Ares fa delle domande alla sorella. 

Diciamo subito che tutte le abilità che riguardano il linguaggio arrivano con il tempo e dopo tanto lavoro. Alcune persone con autismo ci arrivano prima, altri dopo, ma ci vuole sempre un grosso lavoro mirato che riguardi il linguaggio. Sono tanti gli esercizi che sono stati fatti con Ares: racconta una storia, l’ideazione di frase, il riordino di parole, riordino di frasi e tantissimi altri.

Secondo me è essenziale, soprattutto, l’atteggiamento che assumiamo noi genitori nei confronti dei nostri figli: non anticipare mai una frase o parola che stiano per dire, correggere le parole che dicono enfatizzando la voce:”cosa vuoi?, la mela?? E quando il bambino indica qualcosa cercare il più possibile di sollecitare la parola, scoraggiando il gesto. QUI  e QUI ho scritto su alcune strategie per incoraggiare il linguaggio. Una di queste è propiziare situazione buffe per richiamare l’attenzione del bambino e sperare che dica qualcosa, esempio: ho messo una molletta in una scarpa di Ares e quando l’ha indossato se n’è accorto e mi ha subito guardato interdetto. Oppure gli offro lo yogurt senza il cucchiaino. Se non è da lui che arriva la richiesta, allora lo aiuto e poi glielo richiedo, e così via. Insomma è un lavoro continuo.

Ora vi elenco alcune idee per insegnare alla persona con autismo a porre delle domande.

Abilità pre-requisito

La cosa più importante è determinare la capacità del bambino di discriminare le condizioni in base alle quali porre le domande in cerca di informazione ed utilizzare qualsiasi “sequenza” che si adatti meglio al singolo bambino. Se si decide di insegnare al bambino a porre domande e gli errori di discriminazione iniziano a verificarsi, cerca di insegnare al bambino a discriminare il contesto pertinente. Se non hai successo, non esitare a insegnare al bambino a porre domande mentre vengono insegnate altre abilità necessarie.

Perché le persone fanno domande?

La funzione principale di porre domande è ottenere le informazioni desiderate. Ovviamente, da adulti, abbiamo anche imparato che è “educato” e che rinforza ai nostri interlocutori che a loro volta farebbero altre domande (es. Come stai? Come è stata la tua vacanza?). Se siamo interessati e godiamo delle interazioni con la persona con cui stiamo parlando, oppure se ci piace l’argomento di discussione le domande servono a “mantenere” o continuare la conversazione.

Quando in genere i bambini in via di sviluppo stanno imparando a fare domande “cosa?” è spesso la prima “domanda” usata. Una spiegazione di questo comportamento è che il bambino sta “richiedendo informazioni”. Il bambino vuole imparare ed è interessato al suo ambiente. Se questo è il caso, in termini comportamentali, significa che le “parole” si sono rafforzate per il bambino. 

Mio figlio / studente sta già richiedendo informazioni?

Ogni domanda del bambino va subito e sempre rinforzata con qualcosa che al bambino piaccia particolarmente. Ci sono bambini che potrebbero sembrare “desiderosi di informazioni” indicando o toccando un oggetto / un’immagine, ma lo fanno senza guardare l’adulto. Questo comportamento sicuramente è stato rinforzato dall’adulto stesso dicendo il nome dell’oggetto toccato.

Ad esempio, un bambino ha indicato con frequenza lettere e numeri in classe.  Ogni volta che il bambino indicava, l’adulto diceva il nome della lettera o del numero. Il bambino poteva identificare in modo ricettivo (toccare / indicare) le lettere e i numeri quando richiesto, ma non era verbale. Il suo unico modo di chiedere gli oggetti era quello di trascinare i suoi genitori verso l’oggetto desiderato o sulla posizione tipica dell’attività che desiderava. Piuttosto che “chiedere informazioni” i genitori erano diventati il ​​giocattolo personale del bambino!

A questo particolare bambino sono state insegnate un paio di abilità usando i comportamenti che stava già mostrando (toccare gli oggetti) e usando il suo desiderio di sentire qualcuno dire il nome di questi oggetti. La prima cosa fatta è stata ignorare la richiesta del bambino fino a quando lui stesso si è girato verso l’adulto meravigliato dal fatto che non gli rispondesse e a quel punto si è creato il contatto visivo.

Ben presto il bambino si è abituato a stabilire un contatto visivo mentre indicava un oggetto. Successivamente, gli hanno scritto i numeri su piccole carte e insegnato a consegnare il numero che voleva che dicessero i docenti (Picture Exchange Communication System (PECS). Hanno insegnato al bambino la “capacità” di dare a qualcuno un’immagine di ciò che voleva ottenere. Questa abilità era più funzionale perché il bambino poteva richiedere il gioco o l’attività specifica usando l’immagine, mentre prima era solo in grado di richiedere un comportamento specifico dei suoi genitori o insegnanti se erano presenti lettere o numeri. Il bambino ha generalizzato questa abilità (PECS) per richiedere altri giocattoli, cibi e attività che desiderava. 

Alcuni bambini fanno invece domande che non servono allo scopo di ottenere informazioni. Ad esempio, possono chiedere “Dov’è la mia palla?” quando la palla è proprio di fronte a loro. Ciò accade spesso perché il bambino è stato rinforzato per “aver detto parole che sembravano domande” ricevendo l’oggetto desiderato, anche quando era ben visibile. 

Oppure, il bambino potrebbe aver imparato a porre domande attraverso attività imitative che non includevano il rinforzo appropriato (ottenere informazioni che non si conoscono). Ad esempio, forse il bambino è stato rinforzato per aver detto “Chi è?” mentre guarda le foto di familiari in un album fotografico. 

Se il bambino può etichettare (individuare) le persone nell’album, non ha bisogno di informazioni su “Chi è quello?” La domanda quindi dovrebbe essere usata per ottenere informazioni! Ogni volta che si è verificato questo tipo di storia di apprendimento, la soluzione migliore per richiamare le “parole corrette” da utilizzare nel contesto e quindi rafforzare, è stata fornire molteplici opportunità per esercitarsi e poi sbiadire gli aiuti e, allo stesso tempo, insegnare le condizioni appropriate in modo che il bambino sia in grado di discriminare tra i due. Ad esempio, per il bambino sopra, potrei chiedere (mettendo il dito del bambino sulla foto), “Guarda, c’è papà!”, “Quella è la nonna!” ecc. e sbiadendo le istruzioni. 

Come posso insegnare al bambino a porre domande nelle condizioni appropriate?

Che cosa?

1. Instruttore: Ho qualcosa per te! Dì al bambino ‘: “Cosa” Bambino: “Cosa?” Inst: un nuovo libro del trenino Thomas!. 

2. (L’elemento di rinforzo è posto in una busta opaca) Inst: (indica la borsa) Dì, che cos’è? “Bambina” Cos’è? Inst: è il tuo puzzle! Dai, giochiamo!

3. (Il bambino sta raggiungendo una busta chiusa contenente un rinforzo:caramella, ecc) Inst: Dì, “cosa c’è nella borsa? Bambina: cosa c’è nella borsa? Inst: un nuovo video da guardare! Dai, guardiamolo!

4. Una volta che la domanda è stata rinforzata sufficientemente, insegnare al bambino a chiedere informazioni sulle etichette che non conosce. Inst: (guardando un libro sugli uccelli che contiene molte immagini che il bambino ha acquisito in precedenza ma alcuni non gli sono ancora stati insegnati). Inst: Cos’è? Bambino: colomba Inst: indicando altri animali che il bambino conosce ma non chiede “Cos’è?” sbiadire il prompt delle domande per le etichette. Bambino: “acquila” Inst: punta a un oggetto sconosciuto e richiede immediatamente, dì “Che cos’è?” Bambina: Cos’è? Inst: È un leone marino. (A seconda del bambino in particolare, il rinforzo per impegnarsi in questo comportamento (es fare la domanda) potrebbe essere ricevere le informazioni (se gli piacciono gli uccelli) o può essere accoppiato a rinforzi sociali come “Wow! Stai imparando molti uccelli! “(L’elogio sociale è diventato un rinforzo condizionato) o può essere accoppiato ad una diminuzione delle richieste (basta leggere e godersi il resto del libro insieme)

Chi?

1. (Arrivo previsto di un numero di persone che è stato associato ad un rinforzo) Inst: Qualcuno è alla porta! Dì “Chi ” Bambino: Chi Inst: (apre la porta) È la nonna! (ripetere con altre persone “preferite”)

2. (Diverse persone si alternano a nascondersi sotto una coperta / foglio, fuori dalla vista del bambino) Inst: Guarda! C’è qualcuno sotto la coperta! Dì “chi?” Bambino: chi? Inst: dice il nome della persona mentre “escono” da sotto la coperta.

3. Inst: a qualcuno piace darti baci! Dì chi?” Bambino: chi? Inst: Me! (riempi il bambino di baci)

4. (Organizzarsi affinchè qualcuno chiami al telefono) Inst: C’è qualcuno al telefono per te! Di ‘: “Chi è”. Bambino: Chi è? Inst: È papà! Papà vuole parlarti!

5. (guardando nell’album fotografico) Inst: Chi è? Bambino: mamma Inst: (continua a puntare alle immagini, poi punta a qualcuno che il bambino non conosce) Di ‘: “Chi è?” Bambina: chi è quello? Inst: Maria (fornisci anche un rinforzo sociale o tangibile per aver posto la domanda).

Dove?

1. (Un amico di nome Giuseppe che è un forte rinforzo) Inst: So dov’è Giuseppe! Di ‘”Dove?” Bambino: dove? Inst: è sotto il divano! (aiuta il bambino a localizzarlo se necessario)

2. (una volta che “cosa” è acquisito come concetto, combinalo con “Dove”) Inst: ho qualcosa per te! Bambina: cos’è? Inst: una nuova palla! Di ‘: “Dov’è?” Bambino: dov’è? Inst: è in questa borsa! Bambino: (tira fuori la palla)

3. Una volta che il bambino chiede “Dove” come risposta a situazioni specifiche insegnagli a chiede “Dove” combinato con l’etichetta dell’oggetto per richiedere elementi mancanti. (giocando con il castello palla- L’istruttore nasconde la palla in diverse posizioni intorno alla stanza) Inst: (richiama l’attenzione sul cestino vuoto dove la palla è solitamente tenuta) Di ‘: “Dov’è la palla?” Bambina: dov’è la palla? Inst: è sotto la scatola.

4. Dare al bambini i cereali senza il cucchiaio. Inst: di ‘”Dov’è il mio cucchiaio?” Bambina: dov’è il mio cucchiaio? Inst: è nel cassetto. Andiamo a prenderlo! (Il bambino deve essere costantemente impegnato a cercare gli oggetti mancanti. Assicurati di continuare a rinforzare la richiesta dell’oggetto (cioè ho bisogno di un cucchiaio) a intermittenza. Potrebbe anche essere necessario nascondere un rinforzo primario con il cucchiaio per compensare il rinforzo ritardato per ottenere il cucchiaio.)

Perché?

1. (Istruttore e bambino che lavorano su un’attività “non preferita”) Inst: Dobbiamo smettere di lavorare ora. Dì “Perché” Bambino: perché? Inst: Perché stiamo andando al parco! (un’attività altamente preferita)

2. (bambino che guarda un video “meno preferito”. L’istruttore entra e lo spegne) Inst: Dì, perché hai spento il video? Bambino: perché hai spento il video? Inst: Così possiamo guardare questo nuovo video di Dora! (un “video molto preferito)

3. (l’istruttore indossa un naso da pagliaccio) Inst: dimmi, perché indossi quel naso? Bambina: perché indossi quel naso? Inst: perché suoneremo con il circo oggi! (una delle attività preferite del bambino)

Quale / quale?

1. Inst: una di queste caramelle è per te! Di ‘: “Quale?” Bambino: quale? Inst: La caramella arancione. (colore preferito del bambino)

2. Inst: (tendendo due mani chiuse) Ho una caramella in mano! Di ‘: “Quale?” Bambino: quale? Inst: Questa! (apre la mano e dà la caramella al bambino) * Può anche insegnare al bambino a specificare “Quale mano?”

3. Inst: (due scatole presenti – Una contenente Symba) Symba è in una scatola. Di ‘: “Quale? / Quale scatola? Bambino: Quale scatola? Inst: La scatola lucida.

4. Una volta che il bambino comincia ad usare bene le domande insegnagli a chiedere informazioni per chiarire una richiesta. Inst: (Due palloncini presenti) Dammi un palloncino. Di ‘: “Quale?” Bambino: quale? Inst: Quello lungo. Bambino: Dà il pallone all’istruttore e l’istruttore lo fa saltare in aria e gioca con il bambino.

5. Quando il bambino ha imparato a chiedere “Cosa?” e dove?”  combinare con “Quale?” Inst: ho qualcosa per te! Bambino: cosa? Inst: una palla soffice! Bambino: dov’è? Inst: nella borsa. (2 borse presenti) Dì “Quale?” Bambino: quale? Inst: la borsa grande.

Di chi?

1. Inst: ho le caramelle di qualcuno! Di ‘”chi?” Bambino: di chi? Inst: Tue! (dà le caramelle)

2. (Metti le caramelle davanti al bambino) Di ‘: “Di chi sono le caramelle?” Bambino: Di chi sono le caramelle? Inst: Sono tue! 

Quando?

1. Bambino: posso avere un kinder? Inst: Non adesso. Dì “Quando” Bambino: Quando? Inst: appena ci laviamo le mani! (Assicurati che il “tempo di attesa” iniziale sia molto breve!)

2. Inst: stiamo andando al parco! Dì, “quando” Bambino: Quando? Inst: appena finiamo questo libro!

3. Dopo aver imparato le domande “Dove”, combinare con “Quando”. Inst: Oggi andremo in un posto speciale! Bambino: Dove stiamo andando! Inst: allo zoo! Di ‘: “Quando andiamo allo zoo?” Bambina: quando andiamo allo zoo? (Luogo preferito dei bambini) Inst: Subito dopo pranzo! (Fai questo mentre mangi a pranzo e non subito dopo colazione!)

 

Come?

1. Inst: (ha una macchina che non si accende) So come accenderla. Dì “come” bambino: come? Inst: così! (Accendila, ma cerca di nascondere il “segreto” al bambino) Dopo che non è stato richiesto alcun suggerimento, basta chiedere al bambino di dire “Come lo accendi?” E dimostrare.

2. Inst: (Ha un contenitore con una chiusura nuova e un rinforzo dentro. Dai il contenitore al bambino.) Dì “Come si apre?” Bambino: come si apre? Inst: Devi girare in questo modo. (apre e dà al bambino il rinforzo.)

 

Vuoi / Puoi

1. Inst: possiamo andare fuori se tutti lo vogliono. Di ‘: “Vuoi andare fuori?” (dirigendo il bambino a chiedere a un altro bambino nel gruppo di 3.) Bambino: Vuoi andare fuori? (continua con altri bambini, sperando che tutti rispondano di sì!)

2. Inst: puoi giocare a palla se trovi qualcuno con cui giocare. Di ‘: “Vuoi giocare a palla?” (dirigendo il bambino ad avvicinarsi a un’altra persona) Bambino: Vuoi giocare a palla? (continua fino a trovare qualcuno che dice “sì”)

3. il bambino ama guardare l’istruttore fare cose buffe. Inst: Facciamo un gioco! Puoi farlo? (fa qualcosa di stupido da imitare dal bambino) Bambina: Sì, posso! (Imita) Inst: È sciocco! Ora è il tuo turno. Bambino: puoi farlo? (esegue un comportamento stupido da imitare da parte dell’istruttore) Inst: Sì, posso! (Oppure, No, non posso! Se appropriato!)

 

 

Questi sono solo alcuni esempi delle numerose attività che possono essere realizzate per insegnare al bambino a porre domande. Le cose importanti da ricordare sono:

1. Le informazioni non dovrebbero essere conosciute

2. Le informazioni dovrebbero essere “preziose” per il bambino.

Annunci

Ti è sembrato utile questo articolo? Lascia un commento