La Polisonnografia e i disturbi del sonno nell’autismo

 

Ho tradotto per voi questi studi, che ritengo davvero molto interessanti, per far capire quanto sia essenziale il sonno corretto di una persona autismo e quanto influenzi il comportamento diurno, sia della persona con autismo che della sua famiglia: se una persona con autismo dorme bene aumenta il linguaggio, si riducono i comportamenti problema e aumentano, sia la comprensione, che i tempi d’attenzione a scuola o in qualsiasi attività a cui venga sottoposta. Ho spogliato, il più possibile, gli studi dalle parole complicate in modo di renderlo più comprensibile a tutti.

Richiamo l’attenzione su un esame, direi poco conosciuto fra i genitori di persone con autismo, che è la Polisonnografia, la quale permette di valutare la quantità e la qualità dei fenomeni fisiologici e patologici del sonno.

Questo avviene tramite il rilevamento di diversi fenomeni, quali l’attività elettroencefalografica (EEG), la valutazione dei movimenti oculari, la misurazione del flusso aereo nasale e dei movimenti toracici ed addominali, la rilevazione del russamento e il monitoraggio continuo del parametro più importante, la saturazione d’ossigeno nel sangue capillare. Molto importante è anche la contemporanea registrazione dell’attività elettrocardiografica (ECG), per permettere di evidenziare disturbi del ritmo cardiaco indotti dalle apnee notturne.

La polisonnografia è l’esame fondamentale nella sindrome delle apnee notturne, nella sindrome delle gambe senza riposo, e per la valutazione dei movimenti periodici degli arti nel sonno.

I problemi del sonno nell’ASD, sono una caratteristica importante che ha un impatto sull’interazione sociale, sulla vita quotidiana, sul rendimento scolastico e sono stati correlati con l’aumento dello stress materno e della interruzione del sonno dei genitori. Gli studi di Polisonnografia sui bambini con ASD hanno mostrato la maggior parte delle loro anomalie legate al sonno dei movimenti rapidi degli occhi (REM) che includevano diminuzione della quantità, aumento del sonno indifferenziato, organizzazione immatura dei movimenti oculari in raffiche discrete, diminuzione del tempo a letto, tempo di sonno totale, latenza del sonno REM, e una maggiore proporzione del sonno nella fase 1. 

L’implementazione di misure non farmacoterapeutiche come la routine della buonanotte e l’approccio sonno-saggio è il cardine della gestione comportamentale. Le strategie terapeutiche e la limitata farmacoterapia regolamentata possono contribuire a migliorare la qualità della vita nei bambini con ASD e avere un impatto positivo sulla famiglia. 

I problemi di sonno nell’ASD, sono una caratteristica importante e si verificano per via di interazioni complesse tra fattori biologici, psicologici, sociali / ambientali e familiari e pratiche di educazione dei figli che possono non essere favorevoli al buon sonno.

I bambini e gli adolescenti con ASD soffrono di problemi di sonno, in particolare di insonnia, ad un tasso più elevato rispetto ai bambini in via di sviluppo normotipico, che vanno dal 40% all’80%.

Uno studio basato sui rapporti dei genitori ha mostrato che il 53% dei bambini (2-5 anni) con ASD soffriva di un problema di sonno. [  ] 56/89 bambini con ASD ( n = 89) presentavano disturbi del sonno (difficoltà ad addormentarsi = 23, frequente risveglio = 19 e risveglio mattutino = 11) con diverse presentazioni di insonnia. [  ] L’86% dei bambini ( n = 167), soffriva di problemi del sonno ogni giorno. Lo spettro dei disturbi del sonno includeva il 54% di problemi di insonnia, il 56% di insonnia, il 53% di parasonnie, il 25% di disturbi respiratori del sonno, il 45% di problemi mattutini e il 31% di sonnolenza diurna. Quindi, ci sono molte prove per dimostrare che il disturbo del sonno è molto comune nei bambini con autismo.

Eziologia dei problemi del sonno nell’autismo

Le eziologie dei disturbi del sonno nei bambini con ASD sono multifattoriali, con fattori genetici, ambientali, immunologici e neurologici che si ritiene abbiano un ruolo nello sviluppo dell’autismo. Vi è evidenza che esiste un’associazione tra il ritmo del sonno e della melatonina con alterazioni nella sincronizzazione del ritmo della melatonina che causa problemi di sonno. I neurotrasmettitori come la serotonina, il GABA e la melatonina sono necessari per stabilire un regolare ciclo di veglia. Qualsiasi alterazione nella produzione di questi neurotrasmettitori può disturbare il sonno. 

La melatonina è un ormone che aiuta a mantenere e sincronizzare il ritmo circadiano. La regolazione della melatonina può essere anormale nell’autismo. I geni dell’orologio possono essere coinvolti nella modulazione della melatonina e anche nell’integrità delle trasmissioni sinaptiche nell’ASD. La terapia della melatonina ha dimostrato di migliorare i modelli di sonno nei bambini con autismo. L’area di promozione del sonno principale, ovvero l’area preottica dell’ipotalamo utilizza il GABA come neurotrasmettitore. Nell’autismo, la migrazione e la maturazione degli interneuroni GABA ergici possono essere influenzate. La vitamina D è necessaria per l’embriogenesi, lo sviluppo neurale e anche per l’attivazione di determinati geni, la carenza di questa vitamina durante la gravidanza potrebbe essere un fattore di rischio ambientale per lo sviluppo dell’ASD

Architettura del sonno e sua rilevanza clinica

Gli studi sulla Polisonnografia (PSG) dei bambini con ASD hanno mostrato la maggior parte delle loro anomalie legate al sonno REM che includevano diminuzione della quantità, aumento del sonno indifferenziato, organizzazione immatura dei movimenti oculari in raffiche discrete, diminuzione del tempo a letto, tempo totale di sonno (TST), latenza del sonno REM e una maggiore proporzione del sonno dello stadio 1. 

I problemi affettivi migliorano con l’aumento del sonno, in particolare REM e sonno ad onde lente, nei bambini normotipici, ma non nei bambini con autismo. È stato dimostrato che il tempo totale di sonno ridotto è correlato alla gravità della scala di valutazione dell’autismo infantile (CARS) ed è inversamente correlato al quoziente sociale in uno studio pilota. 

Impatto dei disturbi del sonno nei bambini con disturbi dello spettro autistico nei caregiver

Anche i problemi di sonno nell’autismo sono stati correlati con l’aumento dello stress materno e la sospensione del sonno dei genitori. I bambini con ASD hanno disturbi del sonno comuni che potrebbero avere un impatto negativo non solo sulla qualità della vita e sul funzionamento quotidiano del bambino, ma anche sulla famiglia, aumentando il livello di stress. Questo ha anche dimostrato di avere un’associazione con i comportamenti più difficili dei bambini con ASD durante il giorno e avere un impatto sulla capacità di regolare le emozioni. Problemi medici comuni come problemi respiratori e problemi visivi hanno mostrato un’associazione con la qualità del sonno .

L’aumento del risveglio notturno e la diminuzione della volontà di addormentarsi hanno dimostrato di essere associati a scarso appetito e crescita.  L’aumento dell’aggressività, dell’iperattività e delle difficoltà sociali potrebbero essere indicatori di scarsi risultati di salute mentale osservati a causa di disturbi del sonno nei bambini con autismo.

Valutazione dei problemi del sonno nei disturbi dello spettro autistico

Una valutazione precoce e di routine del sonno nei bambini con autismo potrebbe aiutare sia i bambini che i loro genitori. Il sonno può essere valutato utilizzando misure soggettive e / o oggettive.  Le misure soggettive includerebbero questionari parentali e diari del sonno mentre le misure oggettive includerebbero Actigrafia e Polisonnografia per la valutazione dei disturbi del sonno. L’Actigrafia è un esame semplice e non invasivo, che viene eseguito con un particolare strumento detto actigrafo, che ha la forma e la dimensione di un normale orologio da polso.

L’actigrafo va indossato al polso 24 ore su 24 e registra i movimenti corporei anche per lunghi periodi di tempo (da 1 a 15 giorni).

La Polisonnografia è il monitoraggio continuo di molteplici variabili neurofisiologiche e cardiorespiratorie, solitamente nel corso di una notte, per studiare diversi aspetti del sonno. A ciò si aggiungono valutazioni psicologiche, storia dettagliata di genitori, insegnanti e assistenti che descrivono il problema attuale del sonno del bambino.

La cronologia del sonno dovrebbe includere:

  • Fattori predisponenti (ad es. Vulnerabilità dello sviluppo)
  • Fattori precipitanti (es. Insorgenza di condizioni mediche o farmaci, scarsa igiene del sonno)
  • Fattori perpetuanti (ad esempio, sonnecchiare durante il giorno, co-sonno e comportamenti genitoriali). Mantenere un registro del sonno può aiutare a determinare i fattori che potrebbero comportare un sonno povero.

Stabilire modelli di sonno positivo per i bambini con disturbo dello spettro autistico

I bambini con autismo possono sperimentare vari disturbi del sonno come difficoltà ad addormentarsi, frequente risveglio durante la notte e / o riduzione del tempo totale del sonno. Disturbi del sonno continui e persistenti possono avere un effetto negativo sul bambino, i genitori e altri membri della famiglia.

Rafforzare un modello di sonno positivo è di fondamentale importanza.

Di seguito sono utili strategie:

  • Valutazione di eventuali problemi medici di base come tonsillite, adenoidi, disturbi gastrointestinali e convulsioni che possono influenzare il sonno
  • Valutazione delle routine per andare a dormire
  • Screening specifici per disturbi del sonno come apnea del sonno, sindrome delle gambe senza riposo o disturbo del movimento degli arti periodici
  • Valutazione per allergie alimentari e / o ambientali che sono comunemente osservate nell’autismo.

Variabili ambientali

Valutare le variabili ambientali che potrebbero influenzare il sonno del bambino, come la temperatura della stanza, la biancheria da letto e gli indumenti per dormire. Alcuni tessuti possono rilassare oppure disturbare il sonno del bambino. Considerare i livelli di rumori, gli stimoli visivi nella stanza e il modo in cui influenzano il bambino.

Le routine della buonanotte

I rituali di andare a dormire sono molto importanti per la maggior parte dei bambini, aiutano a stabilire modelli di sonno positivo. Prepara un programma visivo prima di coricarsi e scegli un momento specifico per il letto che sia ragionevole, fornisci promemoria e coerenza per tutta la famiglia. Una buona routine per andare a dormire ti aiuterà a insegnare a tuo figlio a calmarsi, rilassarsi e prepararsi a dormire.

Addestramento del sonno

Dopo che la routine della buonanotte è finita e il bambino è nel suo letto o nella culla – ma è turbato e ovviamente non dorme, aspetta qualche minuto e poi torna nella sua stanza per controllarlo. I controlli prevedono di tornare nella stanza del bambino e brevemente (non più di un minuto, preferibilmente meno) accarezzarlo o magari dargli il cinque,  oppure gli fai il “pollice alzato”, o lo abbracci se è un un bambino più grande che risponde meglio a questi gesti . Delicatamente ma con fermezza dici “va bene, è ora di andare a letto, stai bene” o una frase simile e poi lasciare la stanza fino al momento del prossimo controllo o fino a quando il bambino si addormenta. È importante sapere che è molto probabile che il comportamento del bambino peggiori per alcuni giorni o più prima che inizi a migliorare.

Ruolo della melatonina

La melatonina è un ormone pineale che regola il ritmo circadiano. La melatonina sembra essere efficace nel ridurre il tempo a dormire, ma la sua efficacia nel ridurre i risvegli notturni e altri aspetti dei disturbi del sonno è variabile.  In uno studio, 24 bambini autistici da 1 a 3 anni, trattati con 1 mg o 3 mg di melatonina hanno mostrato un miglioramento nella latenza del sonno misurata mediante l’actigrafia. 

Questo trattamento non solo ha mostrato un miglioramento del ritmo del sonno dei bambini, ma anche il comportamento e lo stress genitoriale. In un altro studio, n = 107, bambini con autismo dai (2-18 anni), dopo aver ricevuto melatonina 0,75-6 mg, il 25% dei genitori non aveva più problemi di sonno, il 60% ha riportato un miglioramento del sonno, il 13% ha continuato a dormire, l’1% ha peggiorato il sonno dopo l’inizio della melatonina e l’1% non ha potuto determinare la risposta.

 

La Dottoressa Ruth O’Hara e i suoi colleghi della Stanford University hanno studiato i tipi di disturbi del sonno che sono maggiormente prevalenti nell’autismo. Le loro scoperte forniscono un quadro più chiaro dei disturbi del sonno associati all’autismo e, a sua volta, aumentano la nostra conoscenza di quali terapie possano essere più efficaci nel migliorare il sonno nell’autismo.

O’Hara e il suo team hanno iniziato le loro indagini replicando uno studio precedente, che ha osservato un deficit relativo del sonno rapido (REM) nei bambini con autismo rispetto ai bambini con ritardo dello sviluppo e quelli con sviluppo tipico 1 . Le scoperte di O’Hara, tuttavia, suggeriscono che il sonno REM ridotto influenza i sintomi comportamentali più dei sintomi cognitivi. Rispetto ai controlli, è stato riscontrato che le persone con autismo hanno livelli significativamente aumentati di respirazione disturbata dal sonno. Più del 40% delle persone con autismo aveva livelli significativi di respirazione disturbata dal sonno.

Le loro scoperte suggeriscono anche che la respirazione disturbata nel sonno è associata a un funzionamento cognitivo peggiore negli individui con autismo. Inoltre, hanno scoperto che i bambini con autismo hanno più insonnia e aumentati livelli di movimenti periodici degli arti rispetto ai controlli.

Infine, implementando approcci sistematici alla desensibilizzazione, O’Hara e i suoi colleghi hanno contribuito al campo in modo più ampio rendendo più facile condurre misure oggettive del sonno con Polisonnografia completa ambulatoriale sui bambini con autismo e sui controlli.

 

 

 

 

 

 

fonti: 
sfari.org
ncbi.nlm.nih

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...