Autismo. Come insegnare a una persona con autismo a fare amicizia

 

I bambini nello spettro autistico spesso tendono a concentrarsi nei “dettagli” della comunicazione, e si perdono nella “trama” complessiva. Questo può renderli bersaglio di bullismo a scuola a causa del loro comportamento insolito, del linguaggio, degli interessi e della tendenza a dire agli altri cosa fare. La loro ridotta capacità di percepire e rispondere in maniera corretta ai segnali non verbali può portare a conflitti o ad essere ignorati dagli altri. I bambini con la sindrome di Asperger possono essere estremamente letterali e avere difficoltà a interpretare e rispondere al sarcasmo o alle battute. Un bambino o un adolescente con la sindrome di Asperger rimane sempre perplesso dai modi bruschi con cui viene trattato, inconsapevole di ciò che ha fatto in modo errato.

I bambini nello spettro autistico, in particolare quelli più miti, spesso vogliono essere socievoli, ma hanno problemi a farsi degli amici. Questo può portare ad un ritiro successivo e ad un comportamento antisociale, specialmente nell’adolescenza. In questa fase della vita rischiano di essere trascinati in amicizie e gruppi sociali inadatti e inappropriati. Imparare a creare amicizie appropriate può ridurre al minimo questi problemi, ridurre il bullismo e portare a relazioni migliori anche con persone che non fanno parte dello spettro autistico. Prima si insegnano queste abilità, meglio è.

Le abilità sociali sono complesse e difficili da imparare

Le persone non autistiche spesso dimenticano quanto siano complesse le abilità sociali e quanto tempo ci vuole per impararle. Tony Attwood, esperto di autismo di fama mondiale, elenca alcune abilità essenziali che servono ai bambini per fare amicizia:

• Sapere come entrare nelle attività di altri bambini

• Sapere come accogliere gli altri bambini nei propri giochi o attività

• Riconoscere quando e come aiutare gli altri e come cercare aiuto dagli altri

• Fare complimenti al momento giusto e sapere come rispondere ai complimenti

• Conoscere il momento e il modo giusto per fare critiche

• Essere in grado di accettare e gestire le critiche degli altri

• Accogliere le idee e i suggerimenti degli altri in un’attività

• Dare e ricevere in una conversazione o attività

• Gestire il disaccordo con il compromesso anziché con l’aggressività o le esplosioni emotive

• Riconoscere e comprendere le opinioni degli altri

• Comprensione delle espressioni facciali e del linguaggio del corpo

• Entrare in empatia con gli altri in situazioni, sia positive che negative

• Comportamento e commenti appropriati per restare da soli o interrompere l’interazione.

I bambini non autistici solitamente imparano tutte queste abilità sociali in modo inconscio e intuitivo, osservando e interagendo con tutti quelli che li circondano. La tendenza dei bambini nello spettro autistico è quella invece di focalizzarsi sui “dettagli” invece che sulla “trama” generale quindi devono imparare queste abilità sociali in un modo più concreto. I bambini con disturbi dello spettro autistico possono essere aiutati per imparare a fare amicizia attraverso due modi principali: luogo e assimilazione.

Luogo- Cambiare l’ambiente

Il luogo comporta il cambiamento dell’ambiente fisico o sociale del bambino per incoraggiare interazioni sociali positive.

Invita gli amici a casa

Incoraggia le amicizie invitando altri bambini a casa tua. Ricorda che i bambini nello spettro autistico non devono necessariamente fare amicizia con bambini della loro età o sesso. Potresti chiedere all’insegnante di tuo figlio se ci sono bambini a scuola con i quali ci sia un’empatia. Puoi quindi organizzare che potenziali amici vengano a casa tua per fare uno specifico gioco. Il tuo bambino sarà più rilassato nell’ambiente domestico e sarà maggiormente in grado di lavorare su appropriate interazioni sociali.

Attività che incoraggiano l’interazione sociale

Potrebbe essere d’aiuto che il bambino frequenti attività supervisionate come l’assistenza post-scolastica, assistenza alle vacanze, Scout o uno sport, in cui l’attenzione alle attività con supervisione di un adulto può ridurre i problemi di scarsa interazione sociale. Ciò è particolarmente utile se l’attività si concentra su un interesse particolare del bambino.

Mentori peer

I mentori peer sono consulenti tra pari e hanno dimostrato di essere una strategia efficace per i bambini nello spettro dell’autismo. Un compagno di classe di età simile che interagisce positivamente con il bambino viene scelto come mentore. Le difficoltà dei Disturbi dello Spettro Autistico sono spiegate al mentore tra pari in un modo appropriato all’età, in modo che il mentore possa aiutare il bambino autistico ad apprendere appropriate capacità comunicative. Insegnanti e genitori possono guidare il mentore tra pari, così che le abilità sociali vengano apprese nell’ambiente naturale – tra gli altri bambini.

Sensibilizzazione

Sensibilizzare gli altri sui disturbi dello spettro autistico è fondamentale. I genitori possono spiegare le caratteristiche dell’autismo del proprio figlio al docente che a sua volta lo spiegherà ai bambini della classe. Quando si incontrano altre famiglie, può anche aiutare spiegare il disturbo dello spettro autistico di tuo figlio nella speranza che i genitori e i loro figli rispondano in modo comprensibile a qualsiasi comportamento inappropriato o comunicazione da parte del bambino.

Collegamento con bambini che hanno interessi simili o che si rientrano nello spettro

I bambini nello spettro autistico hanno spesso interessi e passioni particolari che pochi altri bambini potranno apprezzare. I genitori possono utilizzare il gruppo di supporto dei genitori o l’associazione autismo / Aspergers locale per trovare altri bambini con un interesse simile, che si tratti di ragni, bambole o personaggi dei cartoni animati. I bambini nello spettro autistico spesso trovano molto più facile relazionarsi tra loro rispetto ai bambini non autistici, in particolare se condividono interessi comuni.

Assimilazione- Sviluppare le abilità sociali di tuo figlio

Il luogo prevede cambiamenti nell’ambiente. L’assimilazione invece, si concentra sui cambiamenti nel tuo bambino. In un certo senso, il luogo offre l’opportunità al tuo bambino di fare amicizia: l’assimilazione offre al tuo bambino le abilità sociali per incoraggiare l’amicizia.

La teoria della mente sostiene che gli individui nello spettro autistico hanno difficoltà nelle interazioni sociali con altre persone perchè non riescono a capire che le altre persone pensano in modo diverso. I bambini quindi potrebbero non capire e arrabbiarsi se qualcuno non conosce la risposta a una specifica domanda. Avranno difficoltà ad anticipare ciò che gli altri diranno o faranno in una varietà di situazioni, e la loro difficoltà nel comprendere i pensieri e le emozioni degli altri possono far apparire il bambino autistico egocentrico, eccentrico o indifferente. Esistono molte strategie per aiutare un bambino a sviluppare le proprie abilità sociali in quest’area.

Immagini per imparare le espressioni facciali e il linguaggio del corpo

I genitori possono usare immagini che mostrano una varietà di emozioni nei volti e nel linguaggio del corpo. Questo può aiutare il bambino a interpretare i segnali visivi quando qualcuno si arrabbia, si annoia, si rattrista, si frustra oppure è felice. La fase successiva potrebbe essere l’utilizzo di una videocamera per registrare qualcuno che mostra queste emozioni e aiutare il bambino a riconoscere i segnali.

Imparare a fare domande

I bambini con autismo o sindrome di Asperger spesso non colgono il “dare e ricevere” nelle conversazioni. Possono dominare una conversazione e parlare solo dei propri interessi. Un’abilità cruciale che devono imparare è trascorrere del tempo ascoltando gli altri, rendendosi conto che anche altri bambini hanno i loro interessi e facendo domande sui loro interessi. Un esempio è quello di creare un gioco di domande e risposte, in cui genitori e figli si alternano facendo domande l’uno sull’altro e fornendo una risposta breve. Questo può spiegare al bambino che una buona conversazione è dove entrambe le persone possono interloquire allo stesso modo.

Un altro suggerimento è quello di fare un gioco dove si fanno domande. Ad esempio si può fare un gioco in cui il bambino è un famoso giornalista o intervistatore. All’inizio, puoi dare a tuo figlio una lista di domande facili da porre come età, lavoro, scuola o hobby per soddisfare la persona che sta intervistando. Con il tempo, puoi incoraggiare tuo figlio a “intervistare” gli altri a scuola o nel vicinato e generalizzare queste nuove abilità di ascolto e di discussione in tutte le aree della loro vita.

Storie sociali

Le storie sociali sono state sviluppate da Carol Gray come uno strumento efficace per aiutare i bambini nello spettro ad apprendere molte abilità, comprese le abilità comunicative. Le storie sono brevi, possono essere supportate con immagini visive e contengono frasi e strutture ideali per incoraggiare nuove abilità. Un esempio è:

“Saper ascoltare”

È importante guardare le persone e fermare ciò che sto facendo quando hanno qualcosa da dirmi. 
A volte gli adulti mi dicono cose molto importanti che ho bisogno di sapere. 
Se non guardo e ascolto, potrei perdermi qualcosa di importante e farei arrabbiare i grandi. 
So che è sbagliato continuare a fare quello che sto facendo quando gli adulti vogliono che io ascolti. 
Ascolterò i grandi quando mi parleranno.

Giochi di ruolo

I giochi di ruolo possono dare al bambino il tempo necessario per apprendere le abilità sociali generali. Il genitore deve interpretare le tipiche situazioni in cui il bambino potrebbe avere problemi: iniziare una conversazione, unirsi alle attività di un altro bambino o invitare un altro bambino a giocare. Nella vita reale, questo può essere molto difficile per il bambino in quanto serve del tempo per interpretare l’espressione facciale, comprendere il linguaggio del corpo e capire le risposte appropriate. 

Un gioco di ruolo dà al bambino tutto il tempo necessario per lavorare attraverso questi processi e, auspicabilmente, aumentare la velocità e le abilità sociali con la pratica. Se la  famiglia ha una videocamera, può essere utile registrare questi giochi di ruolo. La maggior parte dei bambini con autismo o sindrome di Asperger apprende in modo più efficace in maniera visiva, quindi rivedere il gioco di ruolo in video può essere un modo eccellente per mostrare al bambino ciò che ha fatto bene o analizzare ciò che non è andato così bene. Ricordati di essere molto incoraggiante e di sostegno quando rivedi il filmato! Puoi anche bloccare i fotogrammi nelle parti rilevanti per dare al tuo bambino il tempo di analizzare le espressioni facciali o il linguaggio del corpo. 

Aiutare il bambino a scegliere gli amici

I bambini con autismo o sindrome di Asperger sembrano avere una visione unidimensionale della propria personalità o di quella degli altri. Quando a loro viene chiesto qualcosa su loro stessi o su altri bambini, tendono a fare descrizioni relative all’altezza, all’età o all’aspetto. Se la personalità viene descritta, tenderà a concentrarsi semplicemente sul fatto che qualcuno sia “bello” o meno.

I bambini non autistici di solito sono pronti ad apprendere intuitivamente le personalità degli altri. Raccolgono l’inclinazione di altri bambini nell’essere chiacchieroni, cattivi in ​​classe, amichevoli, manipolatori o arrabbiati. I bambini nello spettro spesso non sanno cogliere questi segnali e potrebbero cercare di formare amicizie con bambini che non sono adatti a loro. 

Un modo visivo in cui i genitori possono aiutare il loro bambino a identificare i tratti della personalità di altri bambini sta nel convincere il bambino a selezionare un animale che ritengono rappresenti la personalità di qualcuno. I genitori possono giocare un ruolo costruttivo nella vita dei loro figli incoraggiandoli ad analizzare le personalità degli altri in modo che possano scegliere amici più appropriati quando invecchiano.

Gli adulti nello spettro autistico continuano a lottare con molti di questi problemi. È possibile ottenere utili spunti per i genitori leggendo la Guida alla sopravvivenza di Marc Segar per le persone che vivono con la sindrome di Asperger. Marc era un adulto dello spettro che ha scritto questa guida per gli altri, con particolare attenzione alle abilità sociali per vivere in un mondo non autistico.

 

 

 

 

fonti: autism-help

Ti è sembrato utile questo articolo? Lascia un commento