Il talento nelle persone con autismo. Come trasformare ossessioni e stereotipie in punti di forza

L’autismo viene diagnosticato sulla base di menomazioni qualitative nell’interazione e comunicazione sociale, con comportamenti e interessi limitati e ripetitivi. Tutti e tre gli aspetti di quella che è stata definita la “triade” autistica delle disabilità (sociali, comunicative e di immaginazione) devono coesistere per poter effettuare una diagnosi.

E sono esattamente queste le caratteristiche che sosterrebbero la base del talento nelle persone con autismo, secondo più di una pubblicazione del National Institutes of Health della National Library of Medicine.

Non tutte le persone con autismo mostrano abilità straordinarie 

Il fascino del pubblico per le abilità uniche dei Savant può avere la conseguenza landscape-1522756950-the-good-doctorpericolosa che ci si aspetti che le loro capacità possano riguardare tutti nello spettro autistico.  esplora la presentazione dell’autismo nella narrativa fittizia, in particolare nel film, e conclude che le abilità savant sono enormemente enfatizzate in questo genere. Per i genitori di un bambino con autismo a basso funzionamento che non mostra un talento sviluppato, l’equazione dell’autismo con abilità savant può essere piuttosto angosciante.  considera come la proliferazione di autobiografie scritte da persone sullo spettro autistico possa anche inavvertitamente dare un’immagine fuorviante dell’autismo, poiché questi scrittori sono per loro natura eccezionali nella loro capacità di comunicare la loro esperienza.

Perché alcune, forse la maggior parte, delle persone con autismo non sviluppano abilità savant?

Una possibilità è che tutte le persone con autismo abbiano il potenziale per sviluppare abilità savant e che le possibilità di esposizione e opportunità giochino un ruolo importante nel determinare l’esito.  riporta i dati di alcuni giovani con autismo musicalmente non allenati e suggerisce che una minoranza sostanziale mostri il potenziale per sviluppare abilità nella percezione e nelle prestazioni della musica. Una migliore discriminazione del tono e del timbro sembra essere diffusa nell’autismo. 

fa appello ad un maggiore riconoscimento del valore delle caratteristiche autistiche come la discriminazione degli oggetti, che hanno poi peso su un futuro posto di lavoro. Mentre è improbabile che ogni bambino con autismo diventi un esperto di matematica, arte o musica, anche con ore di allenamento, ipotizziamo che ognuno possa sviluppare un’abilità speciale identificabile. Ad esempio, sono spesso osservate grande facilità di programmazione, memoria meccanica per un’area di interesse, orecchio assoluto e capacità superiore di individuare errori grammaticali e  tipografici. L’iperlessia, in alcuni casi eclatanti, alcuni imparano a leggere fluentemente prima di sviluppare il linguaggio, è moderatamente comune nell’autismo ed è ben discussa nel contributo di . Tuttavia, questo spesso non è considerato un’abilità savant perché il livello assoluto di raggiungimento non supera quello che i bambini normotipici più grandi alla fine ottengono. 

Allo stesso modo, l’angoscia per i minimi cambiamenti nell’ambiente, l’insistenza nel disturboossessivocompulsivo-01-1522385490prendere esattamente la stessa strada verso una destinazione o le reazioni estreme a stimoli sensoriali apparentemente miti non sono considerati “talenti”, ma potrebbero segnalare memoria e discriminazione superiori. La sfida è sapere in che modo tali abilità potrebbero essere incanalate in abilità utili che potrebbero portare soddisfazione personale o successo professionale.

L’importanza di promuovere il talento 

Il valore adattativo della promozione di interessi e talenti speciali potrebbe sembrare ovvio, ma è in contrasto con la tendenza a vedere interessi ristretti e ossessivi come disadattivi e limitanti.  sostiene nel suo articolo che l’apprendimento della musica ha benefici sia per l’integrazione sociale che per lo sviluppo personale dei giovani con autismo. Il suo lavoro suggerisce un potenziale non sfruttato specialmente nell’autismo, il che rende particolarmente importante il compito di insegnare ai bambini con disabilità socio-comunicative. Per questi bambini, le lezioni di musica non dovrebbero essere considerate un lusso. Il potenziale non sfruttato nell’arte o nella matematica deve ancora essere documentato, ma sia genitori  che caregiver spesso scoprono di avere un talento in casa quasi per caso.

TemplePuò darsi che il talento più paradossale mostrato da alcuni individui autistici sia la capacità di raccontare la propria storia.  , parlando della sua capacità di pensare visivamente, è forse l’esempio più famoso.  considera il paradosso e il potere dei resoconti autobiografici come vie per modellare il nostro concetto di autismo. Questo, sottolinea, non è senza pericolo. In particolare, non è chiaro fino a che punto possiamo prendere spunti generali dalle esperienze riportate da un certo numero di persone autistiche con alto funzionamento all’esperienza di altri che potrebbero non essere mai in grado di parlare da soli. Tutto ciò ci suggerisce che in realtà non possiamo sapere nulla di ciò che in realtà si trova “dentro la mente autistica”.

Un messaggio in sospeso di Grandin è stata la possibilità dell’apprendimento permanente: “ho sentito il cervello accendersi quando ho raggiunto i cinquanta“. Il suo articolo è stato molto discusso e solleva l’interessante possibilità che periodi di sviluppo di eccezionale plasticità cerebrale possano essere estesi nell’autismo. L’apprendimento permanente può essere di particolare importanza per l’autismo.

Perché le straordinarie abilità speciali sono molto più comuni nelle condizioni dello spettro autistico rispetto ad altri gruppi? 

Gli attuali resoconti cognitivi dell’autismo vengono brevemente esaminati in relazione alle abilità speciali. Le difficoltà nella “teoria della mente” possono contribuire all’originalità nell’autismo poiché gli individui che non leggono automaticamente le altre menti potrebbero essere più capaci di pensare al di fuori delle mode prevalenti e delle teorie popolari. Tuttavia, l’originalità da sola non conferisce talento.

Motori di partenza per il talento

Il riconoscimento alterato degli stati mentali può aiutare a spiegare l’associazione tra autismo e talento? 

Tre possibilità sembrano degne di considerazione. In primo luogo, si potrebbe obiettare che gli individui con autismo liberino risorse mentali e temporali che i cosiddetti “neurotipici” usano nel tracciato e nel ricordo dei contenuti sociali, e che questi possano contribuire allo sviluppo del talento. suggerito l’idea di un talento alla base della “ridedicazione” corticale nell’autismo. Ad esempio, riportò il caso di un ragazzo con autismo che non attivò lo sguardo verso alcune persone, ma lo fece in risposta ai personaggi dei cartoni di Digimon – di cui era un esperto. Se la riallocazione delle risorse neurali e cognitive dal trattamento sociale ad altri (rilevante per abilità rilevanti) spiega l’associazione tra autismo e talento, potremmo predire una correlazione inversa tra interesse sociale e talento all’interno dell’autismo, e forse all’interno della popolazione generale. Chi ha un talento eccezionale può trovare più difficile avere compagni simili con cui stringere amicizie strette, o potrebbe dover passare del tempo limitando le ore di socializzazione.

Secondo, la difficoltà nel tracciare gli stati mentali degli altri può contribuire all’originalità espressa in un talento in via di sviluppo. È degno di nota il fatto che i bambini in genere in via di sviluppo (normotipico) perdano aspetti di originalità, ad esempio nella loro arte, in seguito all’acquisizione di forme stereotipate da parte dei loro pari (si pensi, ad esempio, a raggi disegnati su un sole o uccelli disegnati come “spunte”). Senza dubbio, il riconoscimento obbligatorio e automatico degli stati mentali altrui e il desiderio di essere visti dagli altri come parte del gruppo, mettono dei paraocchi sulla maggior parte dei giovani normotipici. Le persone con autismo, d’altra parte, possono essere ignari di ciò che pensano gli altri, di ciò che è considerato il modo di pensare alla moda o politicamente corretto, o di come gli altri li percepiscono o anche del loro lavoro. Quindi, gli individui con autismo sono, forse, più capaci degli individui normotipici di pensare i propri pensieri, indipendentemente da ciò che pensano gli altri. 

Ciò contribuisce all’originalità, nel senso di una visione del mondo unica. Però, l’originalità di questo tipo non garantisce il talento – un’idea può essere semplicemente superata senza essere un anticipo sul pensiero tradizionale. Quindi, Kanner e Asperger mettono in luce le idee insolite dei giovani che descrivono nei loro primi racconti sull’autismo, alcuni dei quali sono interessanti e potenzialmente perspicaci, alcuni bizzarri e disadattativi. Kanner descrive, per esempio, Donald: quando gli è stato chiesto di sottrarre 4 da 10, ha risposto “Disegnerò un esagono” ( , p. 222). Un altro caso originale di Kanner, Alfred, è descritto come segue: “Una volta si fermò e chiese, perplesso, perché c’era il” Johns Hopkins Hospital” stampato sui fogli di storia:” Perché devono dirlo? ” Questo, per lui, era un problema reale di grande importanza, che richiedeva una grande quantità di pensiero e discussione. Dal momento che le storie sono state prese in ospedale, perché dovrebbe essere necessario avere il nome su ogni foglio, anche se la persona che scrive su di esso sapeva dove stava scrivendo?.

Terzo, la chiusura mentale della propria mente potrebbe essere rilevante per lo sviluppo del talento. La possibilità che la difficoltà a rappresentare gli stati mentali nell’autismo influenzi anche la capacità di riflettere sui propri stati interiori è stata suggerita altrove (  ;  ; ). Se le persone con autismo sono meno consapevoli di sé in qualche modo, ciò potrebbe essere vantaggioso per quelle abilità meglio sviluppate attraverso l’apprendimento implicito. Per fare un esempio spensierato: si dice che il modo migliore per svantaggiare i tuoi avversari del golf è chiedere loro esattamente come ottengono il loro swing perfetto! Alcuni compiti, come l’estrazione delle regolarità in una grammatica artificiale, sono meglio raggiunti attraverso l’apprendimento implicito e vengono interrotti dai tentativi di identificazione esplicita delle regole. È interessante notare che il livello di apprendimento implicito (a differenza dell’apprendimento esplicito) non è correlato al QI e non è intaccato nei gruppi intellettualmente disabili. Rilevante anche la “lettura della propria mente”, forse, è la nozione di “flusso” che, sebbene non scientifico, descrive uno stato familiare di ridotta autoconsapevolezza e alterato senso del passare del tempo durante i periodi di intenso impegno con un compito o un processo. Il fatto che alcune persone con autismo abbiano una ridotta consapevolezza dei propri stati interiori, potrebbe rendere più facile per loro entrare in uno stato di flusso – che si pensa sia intrinsecamente rinforzante e gratificante e potrebbe essere più facile per le persone con autismo (in cui ansia e depressione sono comuni. La chiusura mentale, quindi, può contribuire a una visione del mondo originale e potrebbe favorire lo sviluppo di abilità, ma è improbabile, che ciò possa fungere da motore di partenza per il talento

Lo stile cognitivo focalizzato sui dettagli

Il suggerimento è che l’attenzione ai dettagli e la tendenza verso la memoria basata suwiltshire1 esempi, piuttosto che l’estrazione del prototipo, è il motore di partenza per il talento nei soggetti savant. Prendi l’esempio del talento musicale; i musicisti savants sembrano universalmente avere l’orecchio assoluto, il che è un grande vantaggio (almeno in alcuni aspetti) della memoria musicale e delle prestazioni. Il tono assoluto, è stato sostenuto, è facile da acquisire nei primi tre o quattro anni di vita dei bambini perché, in questa fase, la musica viene elaborata con più attenzione alle note esatte e minore attenzione alle relazioni tra le note, cioè la melodia. Le persone con autismo mostrano prestazioni migliori, indipendentemente dall’età, su test di memoria per il tono, e il tono assoluto sembra essere più comune nell’autismo rispetto a gruppi comparabili. L’argomentazione è che i pregiudizi di elaborazione incentrati sui dettagli, che nell’autismo durano per tutta la vita, rendano facile per le persone con autismo stabilire rappresentazioni di intonazione continua stabili e durature.

Nel dominio dell’arte, la capacità di occuparsi dei dettagli, di rompere la gestalt in parti, è probabilmente utile per ottenere disegni dall’aspetto realistico. Un trucco utilizzato nell’insegnare un disegno accurato agli studenti normodotati consiste nel copiare le immagini capovolte: l’inversione interrompe in modo sproporzionato l’elaborazione configurale.  riportato che l’abilità nella progettazione di blocchi, che può derivare dalla capacità di vedere le parti all’interno del progetto da copiare, era notevole nei bambini con abilità artistiche e nei bambini con autismo. Anche nell’area del calcolo del calendario, Heavey ha suggerito che il punto di partenza potrebbe essere la scoperta di piccole regolarità giornaliere (  ).

In questo modo abbiamo concluso che non è l’autismo di per sé che predispone al talento, ma piuttosto lo stile cognitivo focalizzato sul dettaglio che è caratteristico, ma non limitato all’autismo. L’attenzione ai dettagli, la codifica della memoria basata su esempi, la rappresentazione veritiera (non distorta dal contesto) si propongono come motore di partenza per il talento. 

Abbiamo anche suggerito che la chiusura mentale, pur non essendo il motore di partenza, possa agire per migliorare il talento. L’influenza sociale ridotta e la preoccupazione per le opinioni altrui, così come il tempo dedicato al talento piuttosto che alla socializzazione, sono ovvi contributi a questo. Un suggerimento più nuovo è che la riduzione della consapevolezza di sé può contribuire all’apprendimento implicito di certe regolarità e aiutare il raggiungimento degli stati di flusso nell’autismo. La combinazione di concentrazione nel dettaglio come motore di partenza e mentalità ridotta come “carburante” possono conferire un sapore speciale, indipendenza e vera originalità al talento nell’autismo, che è davvero difficile da trovare in altri gruppi.

Come sviluppare il talento sin dall’infanzia

Questi sono alcuni suggerimenti importanti da cui i genitori potranno prendere spunto per aiutare i bambini a sviluppare tutti i loro talenti:

1) Raccontare ai bambini fiabe, rime e storie.
2) Cantare con i bambini e ascoltare musica insieme.Ares 4 anni e mezzo marzo 06 (8)
3) Costruire giocattoli per i bambini e giocare con loro.
4) Dedicarsi al momento creativo accompagnandolo con parole e musica.
5) Dare spazio all’arte, permettere ai bambini di disegnare, dipingere e colorare liberamente.
6) Esplorare la natura, conoscere le piante e gli animali, coltivare l’orto.
7)Coinvolgere i bambini nelle faccende domestiche: cucinare, fare biscotti, fare la pasta insieme
9) Trascorrere del tempo all’aria aperta, passeggiare e giocare nel verde

In particolare, sia nella pedagogia steineriana come nel metodo Montessori è molto importante coinvolgere i bambini nelle attività di casa dato che i piccoli sono sempre affascinati dalle azioni degli adulti e vorrebbero tanto imitarli. 

Un altro punto fondamentale è rappresentato dal gioco. Per Rudolf Steiner il gioco è divertimento e il divertimento crea forza di volontà. Questo perché quando i bambini giocano utilizzano tutti gli elementi che formano la volontà. Attraverso le gioie e le sconfitte del gioco i bambini imparano a riconoscere le proprie possibilità e i propri limiti.

Per il benessere del bambino sono importanti tutti i tipi di giochi educativi ma anche i giochi liberi e spontanei basati ad esempio sul movimento del corpo che magari nasce a ritmo di musica. Il gioco deve essere soprattutto libertà. Immaginiamo un bambino di cinque anni che corre a piedi nudi su un prato. 

Come trasformare gli apparenti punti deboli della persona con autismo in punti di forza

  1. Apprendimento e pensiero visivo nel disturbo dello spettro autistico

Il pensiero visivo può essere una forza per i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD). Possono essere utili nelle attività di ricerca visiva, come trovare un triangolo all’interno di un’immagine complessa o trovare una S rossa in un insieme di X rosse e S verdi.

Queste buone capacità visive potrebbero essere dovute al fatto che i bambini con ASD tendono a concentrarsi sui dettagli, piuttosto che sull’intero – per esempio, i dettagli specifici in un’immagine, piuttosto che l’intera immagine.

Inoltre, i bambini con ASD possono essere  studenti visivi. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le informazioni visive durano più a lungo e sono più concrete delle informazioni parlate e ascoltate. Questo potrebbe aiutare i bambini con ASD – che spesso hanno bisogno di più tempo rispetto ai bambini normodotati – per elaborare le informazioni e scegliere quello che stanno per dire.

2) Usare le abilità visive di tuo figlio
Potresti pensare a come presentare le informazioni visivamente e usare le capacità visive di tuo figlio per aiutarlo in altre aree. Per esempio:

  • Metti promemoria visivi dentro casa – se tuo figlio può leggere, questi possono essere scritti, ma possono anche essere soltanto immagini.
  • Scatta foto delle diverse attività di gioco che tuo figlio può fare e mettile su una “bacheca delle attività” come promemoria.
  • Scatta foto dei diversi passaggi coinvolti nelle attività quotidiane, ad esempio imballare una borsa da scuola o lavarsi i denti. Attacca la sequenza su un muro vicino a dove il tuo bambino fa ogni attività.
  • Utilizza gli schemi visivi per l’intera giornata o per attività più piccole.

3) Pensiero basato su regole 

I bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) sono spesso bravi a comprendere e lavorare con le regole. Puoi usare questa forza per aiutare il tuo bambino a sviluppare nuove abilità.

Un modo per farlo è chiarendo le regole su cosa dovrebbe essere fatto e quando. Questo può aiutare a rendere più visibili le regole “nascoste” di interazione sociale e attività quotidiane, a renderle più strutturate e facili da seguire per il bambino. Per esempio:

  • Quando qualcuno arriva alla porta, dì “buongiorno”.
  • Quando è ora di andare a letto, mi lavo i denti.
  • Quando qualcuno saluta devi dire “ciao”

Frasi positive come “Quando questo succede, fai questo …”, funzionano meglio delle frasi negative come “Non fare..”. Potresti parlare con altri genitori o professionisti per avere idee su quali regole includere.

È anche una buona idea presentare le regole visivamente. Potresti creare un “libro delle regole” usando immagini e parole. Leggi il “libro delle regole” per tuo figlio e lascia che lo guardi quando vuole.

Le regole che usano le parole “Se… potrebbe…” possono aiutare il bambino a capire cosa sta succedendo intorno a lui, e anche il modo in cui le altre persone si sentono. Ad esempio, “Se Ares sta ridendo, potrebbe essere felice”.

Queste affermazioni si legano anche alla capacità del bambino di seguire passi e sequenze chiari, in modo da poterli usare quando vuoi che il tuo bambino faccia qualcosa. Ad esempio, “Se metti le scarpe, puoi uscire”. Oppure puoi usare una versione più semplice, ad esempio “Scarpe prima, poi fuori”.

4) Argomenti di speciale interesse 

I bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) possono spesso concentrarsi intensamente e imparare molto sugli argomenti a cui sono particolarmente interessati.

Ecco alcune idee per promuovere l’apprendimento di tuo figlio e le sue abilità sociali e comunicative sfruttando al massimo i suoi interessi speciali:

  • Condividi gli interessi di tuo figlio giocando con lui. Questo può sviluppare le abilità di gioco di tuo figlio se commenta quello che stai facendo, scambia giocattoli, fai i turni e così via.
  • Usa gli interessi di tuo figlio per espandere le sue abilità di calcolo. Ad esempio, potresti usare un gioco specifico per parlare di colori, numeri e dimensioni.
  • Costruisci gli interessi di tuo figlio in attività stimolanti. Ad esempio, se fare il bagno è impegnativo, potresti dare al tuo bambino dei giocattoli di particolare interesse con cui giocare nella vasca da bagno, o se è un adulto inserire immagini del suo argomento speciale intorno al bagno come punto di discussione.
  • Sviluppa le capacità di conversazione di tuo figlio parlandogli del suo interesse speciale. Questo potrebbe dare a tuo figlio una motivazione in più per comunicare e parlare con te. Il tuo bambino potrebbe iniziare con un argomento e tu potresti introdurre gradualmente delle domande e chiedere a tuo figlio di farti anche delle domande.

5) Capacità di memoria meccanica

I bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) sono spesso bravi a imparare a memoria (memoria meccanica). Molti bambini con ASD possono ricordare grandi quantità di informazioni, come conversazioni da film, parole di una canzone, targhe e così via.

  • Puoi incoraggiare il tuo bambino ad usare la memoria virtuale per l’apprendimento di informazioni utili , come il tuo numero di telefono e l’indirizzo, l’alfabeto, le tabelline e gli orari.

 

 

 

 

queste le fonti:
ncbi.nlm.nih.gov
raisingchildren
greenme

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...