Autismo. L’importanza di pianificare il lavoro. 6 esempi pratici di lezioni

Uno degli errori più significativi dei docenti con cui ho avuto a che fare, nel corso degli anni in cui Ares ha frequentato la scuola, è l’assenza quasi totale di pianificazione delle lezioni. Spesso i docenti pensano di avere tutto in testa e di riuscire a concludere in maniera soddisfacente una giornata scolastica. Ma in realtà, senza pianificare il lavoro sulla base di obiettivi ben precisi, si finisce soltanto per perdere del tempo prezioso.

Molti insegnanti, inoltre, pensano che basti quello che hanno scritto nel P.E.I. per avere una programmazione efficiente del lavoro da svolgere. In realtà, nel Programma Educativo Individualizzato si fissano obiettivi a lunga scadenza, ma ogni giorno, quando quell’allievo con autismo arriva a scuola la mattina, il docente, davvero sa già cosa fare, con quali strumenti e basandosi su quali obiettivi?

PIANIFICAZIONE DELLA LEZIONE

Ci sono tantissimi aspetti da prevedere quando si pensa ad una nuova lezione con un allievo autistico: 

  • Quali sono le difficoltà maggiori del mio studente?
  • I materiali di cui dispongo aiutano davvero ad insegnare le abilità che voglio?
  • Lo studente può generalizzare le competenze che ho insegnato?
  • I docenti di ruolo conoscono gli obiettivi che stiamo cercando di insegnare con le lezioni?
  • I genitori conoscono gli obiettivi che stiamo insegnando?

CREARE UN MODELLO DI PIANO DI LEZIONE

Per creare un ottimo piano di lezioni sono necessarie alcune considerazioni fondamentali: 

  1. Qual è l’attività da svolgere, con quali materiali la realizzerò e quali sono gli obiettivi. 
  2. Una volta completato e perfezionato il piano di lavoro, molte delle informazioni delle attività possono rimanere invariate. Quindi basta inserire le parti che cambiano. Ad esempio, i tuoi obiettivi per la prima ora potrebbero non cambiare per gran parte dell’anno, quindi quelli obiettivi rimarrebbero gli stessi. Una volta ottenuto un modello di piano di lezione, sarà sufficiente modificare le parti di settimana in settimana che cambiano, come le singole attività e i materiali. 
  3. Assicurati che i materiali scelti insegnino le abilità giuste: gli studenti con autismo possono non imparare nulla se i materiale scelti non sono quelli adeguati. Bisogna assicurarsi di scegliere materiali che focalizzino la loro attenzione sulle attività su cui vogliamo si concentrino. Assicurati che il resto dello staff con cui lavori utilizzi i materiali che intendi per l’attività.
  4. Assicurati che le attività  e i materiali per l’istruzione siano appropriate all’età dello studente e ovviamente che soddisfino il suo livello di sviluppo.
  5. Scegli materiali e lezioni che promuovano la generalizzazione: gli studenti con autismo hanno difficoltà a imparare le abilità in modo ampio. Ciò influisce sulla loro capacità di applicare le proprie competenze in ambienti diversi, con persone e materiali diversi.  Molte persone pensano che, siccome si lavora per lunghi periodi su una competenza, lo studente sia poi in grado di dimostrare quell’insegnamento in contesti diversi, invece no, non è affatto così, la ripetizioni, da sola, non basta.

Esempi di piani di lezioni

Queste lezioni, al di là del target scelto, possono essere personalizzate a seconda della gravità dell’alunno e realizzate in fasce di età diverse rispetto a quelle indicate, lo deciderete voi. Sono lezioni concepite per l’intera classe (ricordiamo che il docente di sostegno è un appoggio dell’INTERA classe), e tramite queste lezioni si può, non solo coinvolgere gli altri bambini, ma anche collaborare attivamente con i docenti di ruolo, spesso tenuti da parte (o che si tengono da parte da soli) dalle attività con il disabile.

Cosa c’è nella borsa?

Di qualunque allievo con autismo si tratti è probabile che abbia problemi con la comunicazione. Nello specifico, un’area problematica può essere la richiesta di informazioni. Questa sfida potrebbe essere dovuta alla mancanza di una prospettiva condivisa o “Teoria della mente”. Un bambino nello spettro può credere che altri abbiano informazioni che lui o lei conoscono già, e che quindi non ci sia bisogno di fare una domanda su qualcosa. Puoi scegliere come target la domanda facendo un gioco come “Cosa c’è nella borsa?”

Questo gioco crea una situazione in cui il bambino deve fare una domanda per scoprire cosa c’è dentro la borsa. Questa è un’ottima scelta se hai un budget limitato, dal momento che i materiali sono cose che probabilmente hai già in casa o in classe. Per tenere impegnati i bambini, prendi in considerazione l’idea di utilizzare solo articoli relativi alle loro aree di intenso interesse: 

Fascia d’età target: dalla scuola materna alla seconda elementare, piccolo gruppo di bambini con autismo

Obiettivo: rafforzare l’abilità di porre domande appropriate.

Materiale necessario: • Borsa in tessuto opaco • 10 piccoli oggetti facilmente identificabili, come un libricino, una matita, una spilla, ecc.

Strategia didattica: 1. Inizia parlando dei motivi per cui le persone fanno domande, come mantenere una conversazione o raccogliere informazioni. 2. Spiega che giocherai a un gioco di indovinelli con la classe. 3. Metti un oggetto nella borsa e chiudila. Passa la borsa, permettendo a ogni bambino di tastare l’oggetto attraverso il tessuto. 4. Dopo che tutti hanno tastato l’oggetto, chiedere ai bambini informazioni oppure chiedi di indovinare il contenuto di la borsa facendo delle domande. 5. Ripeti con un altro oggetto. Nel caso di bambini non verbali: avere una foto di tutti gli oggetti presenti nella borsa e chiedere al bambino di toccarti per attirare la tua attenzione, quindi di darti l’immagine che rappresenta l’oggetto che ha scoperto.

Ho bisogno di aiuto!

Molti bambini nello spettro lottano continuamente con l’uso funzionale del linguaggio; in altre parole, potrebbero avere difficoltà a usare il linguaggio per comunicare i loro bisogni. Questa abilità è molto importante per le persone con autismo, ma può essere difficile da insegnare. Spesso questi bambini sono anche autosufficienti. È essenziale creare situazioni in cui il bambino sarà in grado di ottenere l’oggetto desiderato solo chiedendo aiuto. Alla fine, i bambini impareranno a proporre questa abilità in altre situazioni.

Il piano di lezione “Ho bisogno di aiuto” illustra le situazioni in cui al bambino manca un pezzo essenziale di un puzzle o di un gioco. Per continuare il gioco, il bambino deve chiedere aiuto ad un adulto. I bambini non verbali possono usare un segnale manuale o una carta per esercitarsi con questa abilità. Per questa attività avrai bisogno di alcuni giochi specifici o semplicemente di un puzzle.

Fascia d’età target: classi da due a cinque, piccolo gruppo di bambini con autismo Obiettivo: rafforzare il concetto di chiedere assistenza quando necessario.

Materiale necessario: • Semplici puzzle con un pezzo mancante • Altri giochi o giocattoli con parti mancanti

Strategia didattica: 1. Inizia spiegando il concetto di chiedere aiuto. Dimostra qual è il linguaggio appropriato da usare, ad esempio: “Ho un problema. Per favore, aiutami” 2. Spiega che giocherai e creerai un puzzle. Dillo ai bambini che quando hanno bisogno di aiuto, possono chiederlo. 3. Quando un bambino chiede aiuto, dagli subito il pezzo mancante del gioco o del puzzle. Nel caso di bambini non verbali: insegnate ai bambini a sollevare le mani per chiedere richiamare l’attenzione e quindi usare una foto o un gesto per richiedere assistenza.

Semaforo rosso per indicare lo spazio personale

Le abilità sociali, come il concetto di spazio personale, potrebbero non essere intuitive per i bambini con autismo. Poiché lo spazio personale varia a seconda dell’individuo e della situazione, questa può essere un’area di particolare difficoltà. Aiutare i bambini con autismo a diventare più consapevoli dello spazio personale può dare loro un vantaggio durante le interazioni sociali.

Il gioco dello spazio personale Semaforo rosso è un ottimo modo per insegnare quest’abilità. Puoi giocare in una palestra aperta o in classe o anche nel parco giochi esterno. Crea un semaforo rosso per ogni bambino. Se lavori con bambini più grandi, puoi aggiungere un semaforo verde per fornire un ulteriore chiarimento sullo spazio invece appropriato. Poiché il gioco si basa sull’elaborazione visiva delle informazioni, dove i bambini nello spettro sono molto forti, il gioco diventa ideale per insegnare questa importante abilità.

Fascia d’età target: scuola materna fino al secondo anno
Obiettivo: rafforzare il concetto di spazio personale appropriato.
Materiale necessario:
• Un foglio con disegnato un semaforo rosso per ogni bambino
Strategia didattica: 1. Spiegare il concetto di spazio personale al gruppo. Puoi aiutare a definire chiaramente ciò che è spazio appropriato, in genere di circa due piedi in qualsiasi direzione (destra, sinistra, dietro, davanti). Parla di come persone diverse
hanno esigenze diverse quando si tratta di spazio personale.
2. Consegna a ogni bambino due carte, una che rappresenta un semaforo rosso e l’altra un semaforo verde.
3. Spiega ai bambini che quando dici “Vai”, devono muoversi liberamente. Ogni volta che qualcuno un bambino si avvicina troppo all’altro, quel bambino devono mostrare il semaforo rosso. L’altro bambino dovrebbe quindi bloccarsi.
4. Quando vedi un bambino che solleva il semaforo, vai oltre e indaga. Parla della
quantità di spazio personale necessaria per quel bambino.
Nel caso di bambini non verbali: questo gioco non si basa su abilità verbali, ma
i bambini con livelli di funzionamento inferiori possono aver bisogno di ad esempio, il proprio assistente.

Crea un autoritratto

Molti bambini con autismo hanno difficoltà ad imparare ad afferrare correttamente la matita, a produrre una grafia leggibile e a disegnare immagini rappresentative. Un autoritratto può essere un ottimo modo per praticare queste abilità in modo gratificante e aiuta anche i bambini ad imparare alcune espressioni facciali di base.

Questa è una grande lezione se hai un budget limitato. Tutto ciò di cui avrai bisogno è di alcuni prodotti per disegnare e di una foto di ogni bambino. I bambini avranno bisogno di quantità variabili di aiuto, a seconda dell’età e del livello di sviluppo. I bambini più piccoli o quelli con gravi ritardi motori possono aver bisogno dell’assistenza durante questa attività.

Fascia d’età target: prescolare fino al secondo anno, aula intera o piccolo gruppo
di bambini con autismo
Obiettivo: praticare la presa della matita, le abilità di pre-scrittura e il controllo motorio.
Materiale necessario:
• Carta
• Pennarelli
• Foto di ogni bambino
Strategia didattica:
1. Dai a ogni bambino una foto di se stesso. Parla degli aspetti che dovrebbe
considerare quando si disegna un autoritratto. Scrivi una lista di controllo alla lavagna per aiutare ai bambini così si assicurano che includano tutte le parti del corpo e le caratteristiche del viso.
2. Distribuisci la carta e i materiali per disegnare e indica ai bambini di disegnare se stessi.. con l’aiuto della loro foto.
Mentre lavorano, spostati nella classe correggendo la presa della matita. Alcuni
bambini possono richiedere l’assistenza mano-mano per creare i loro ritratti.
3. Dai ad ogni bambino idee da aggiungere al suo ritratto.
Nel caso di bambini non verbali: questa attività non richiede partecipazione verbale,
ma alcuni bambini potrebbero aver bisogno di ulteriore aiuto da parte di un assistente.

Pubblica un libro

Poiché le abilità motorie possono essere una sfida per i bambini con autismo, è molto importante coinvolgerli in un progetto che ritengono interessante. Per utilizzare questo programma di lezioni gratuite, parla con ciascun bambino per determinare la sua area di interesse speciale. Può trattarsi di treni, dinosauri, letteratura classica, storia o qualsiasi argomento divertente. Quindi collabora con il bambino per creare una storia di narrativa o di non fiction basata su quest’area di interesse.

L’obiettivo di questo piano di lezione è di migliorare le capacità motorie attraverso la scrittura e il disegno per realizzare il libro. Puoi anche combinare questo piano di lezione con le materie di scienza, con la lettura o con qualsiasi altro argomento. I bambini più piccoli o quelli con ritardi significativi potrebbero aver bisogno di assistenza nella creazione di questo progetto.

Fascia d’età target: seconda elementare fino alla quinta elementare, piccoli gruppi

Obiettivo: applicare e migliorare le abilità di scrittura a mano e le abilità motorie.
Materiale necessario:
• Carta
• Pennarelli
• Penne
Strategia didattica:
1. Chiedi a ogni bambino di scrivere una storia semplice su qualche argomento che lui o lei ama. Possono scegliere un argomento che rappresenti un interesse speciale, come i treni, gli strumenti musicali, ecc.
2. Quindi, chiedi ai bambini di dividere la storia in pagine. Per ogni pagina, devono
scrivere chiaramente la storia in basso e disegnare un’illustrazione per quella pagina nella parte superiore.
3. Infine, unisci le pagine insieme per creare un libro. I bambini possono condividere i loro libri con la classe se lo desiderano.
I bambini non verbali, se trovano difficoltà, possono creare un’immagine per accompagnare una storia scritta da un adulto.

Crea un fumetto sulle abilità sociali

Per i bambini con autismo, può essere molto utile avere uno script pianificato da utilizzare durante le interazioni sociali. Questo aiuta a compensare le difficoltà che possono incontrare nell’elaborazione di informazioni sociali o non verbali. Puoi scegliere come target qualsiasi abilità sociale importante in questo tipo di lezione, sebbene questo piano di lezioni gratuito sia progettato per mostrare interesse a un compagno di giochi ferito.

La creazione di un fumetto si basa su molti dei punti di forza classici dei bambini con autismo, compresa l’elaborazione visiva. Tuttavia, questo tipo di attività funziona bene anche per altre disabilità poiché il bambino sta creando la storia disegnando le immagini e scrivendo le parole.


Fascia d’età target: seconda elementare fino alla quinta elementare, piccolo gruppo
Obiettivo: stabilire script di competenze sociali relativi alle interazioni tra pari.
Materiale necessario:
• Tre fogli bianchi di carta per ogni bambino
• Occorrente per disegnare inclusi pennarelli, penne, pastelli e colori
Strategia didattica:
1. Inizia leggendo questa storia a un piccolo gruppo di bambini: “Sara
sta saltando la corda e cade giù. Lei inizia a piangere. Non c’è nessun altro con te. Cosa fai?”
2. Discutete su come Sara si sentirà in questa situazione.
3. Aiuta ai bambini a scambiare idee su ciò che possono dire o fare per aiutare. Scrivi
le idee, e poi discutete i meriti di ciascuno.
4. Chiedete ai bambini di fare un fumetto su questa interazione, mostrando Sara
e loro stessi. Aiutali a trovare un linguaggio sociale appropriato per la situazione e indicategli che devono scrivere i dialoghi all’interno delle “nuvole” dei loro fumetti 

Bambini non verbali: aiuta questi bambini a comunicare attraverso l’uso di immagini e gesti

 

 

 

 

 

 

 

 

(questi esempi di lezioni li ho tradotti dal sito lovetoknow, che offre piani gratuiti, a differenza di altri siti, dove bisogna iscriversi o pagare). Inoltre, può essere difficile trovare piani di lezione gratuiti incentrati su aree di particolare difficoltà per i bambini nello spettro. Alcuni spunti per la realizzazione dei piani sono stati presi dal sito autismclassroomresources

 

Annunci