Autismo. Cosa fare se il bambino non risponde al proprio nome?

 

Mio nipote di 4 anni ha l’autismo, non risponde e non viene – o nemmeno guarda – quando lo chiamiamo. Puoi darmi qualche consiglio per insegnargli a rispondere?

Sono molte le domande di tantissimi parenti che hanno una persona con autismo in casa, domande collegate fra di loro:  I familiari: (“Come faccio a sapere che ci stiamo connettendo se lui non mi guarda?”) E anche gli insegnanti: (“perché non sembrano ascoltarmi come fanno gli altri bambini?” ).

Non abbiamo risposte complete a queste domande. Sappiamo che molte persone affette da autismo imparano in modo diverso e hanno particolari difficoltà con il dare e avere delle interazioni sociali.

Ci sono alcune strategie comportamentali che i terapisti e le persone che lavorano con il bambino possono portare avanti per valutare e personalizzare alcuni approcci che incoraggino questa abilità.

Quando insegni un’abilità stimolante – in questo caso insegnando a tuo nipote a rispondere al suo nome – ti suggerisco di tenere presente le seguenti differenze tra “non posso fare” e “non lo farò”.

Non si può fare:  in molti casi, le persone che hanno l’autismo non riescono davvero a capire cosa ci si aspetta da loro, in particolare nelle situazioni  sociali. Non possono farlo (ancora) perché nessuno ha insegnato loro in un modo che, per loro, abbia senso.

Non lo farò:  allo stesso tempo, qualcuno nello spettro autistico potrebbe non valutare le interazioni e le risposte sociali come fanno le altre persone. Quindi a lui o lei può mancare la motivazione per rispondere nel modo in cui ci aspettiamo.

Nel caso di tuo nipote, potrebbe non rispondere al suo nome a causa di uno o entrambi questi problemi. Quindi ecco alcuni passi per affrontare queste sfide: in questo caso insegnargli a rispondere al proprio nome:

Preparazione

Ti suggerisco di iniziare decidendo alcuni giorni e momenti specifici in cui puoi concentrarti a praticare questa abilità con tuo nipote.

Se sospetti che tuo nipote non capisca il valore di rispondere al suo nome, vogliamo trovare qualcosa che abbia un valore, da offrire come motivazione. Suggerisco qualcosa che puoi dargli subito per premiare i suoi sforzi – qualcosa che sai gli piace tanto. Ad esempio, potresti premiarlo con attenzione positiva (abbraccio, battito di cinque, lode, ecc.) O una breve attività che gli piace (solletico, pezzo di torta, ecc.) O un giocattolo preferito che non è sempre disponibile per lui.

Insegnare con motivazione e successo gratificante

Una volta che sei pronto, ti suggerisco quanto segue:

1. Cerca un’opportunità per avvicinarlo mentre è moderatamente occupato con un’altra attività. (Probabilmente è meglio evitare una situazione in cui è profondamente assorbito da qualcosa, come un video preferito.)

2. Dì il suo nome

toccare la spalla

Dopo aver pronunciato il nome del bambino, tocca immediatamente la sua spalla e, se necessario, guida gentilmente il suo viso per guardarti.

3. Dopo aver pronunciato il suo nome, toccalo velocemente sulla sua spalla e sollevagli delicatamente la testa per affrontarti. Vi consiglio di non esigere un contatto visivo diretto, in quanto può essere davvero scomodo per alcune persone affette da autismo.

4. Non appena guarda verso di te (anche inavvertitamente), fornisci l’attività o l’oggetto gratificante insieme a elogi immediati come “bellooo, bravissimooo, che hai risposto al tuo nome”.

5. Permettigli di tornare alla sua precedente o ad un’altra attività. E, in più occasioni, ripeti la stessa pratica.

La cadenza con la quale ripeterai questi passaggi dipende da quanto tempo passi con tuo nipote e da quanto tempo puoi dedicare alla pratica. Ad esempio, se hai avuto un giorno intero con tuo nipote potresti essere in grado di ripetere questi passaggi da 10 a 20 volte o più. Se hai solo un’ora, un buon ritmo potrebbe essere un minuto o due tra ogni volta che chiami il suo nome. Se vedi un netto calo di interesse, ti suggerisco di prenderlo come segno di pausa – in particolare se all’inizio il bambino era entusiasta della nuova attività.

Continua a esercitarti finché non vedi che risponde al suo nome prima che tu debba toccarlo o guidarlo a guardarti.

Usiamo questa strategia frequentemente nella nostra clinica. Nella maggior parte dei casi, vediamo che i bambini iniziano a rispondere ai loro nomi entro poche ore dalla pratica o dopo 20 a 60 tentativi. Se tuo nipote non sembra essere troppo entusiasta, prenditi una pausa e riprendi a farlo la prossima volta. Alcuni bambini hanno semplicemente bisogno di più pratica.

Abbiamo anche riscontrato che alcune semplici modifiche possono spesso aiutare a migliorare i tempi di risposta. Ad esempio, guarda intorno alla stanza o alla situazione in cui vi trovate e considera ciò che può essere in competizione per quanto riguarda l’attenzione di tuo nipote. Potrebbe non guardare te perché troppo interessato ad altre cose nella stanza. Valuta di trovare un posto con meno persone e cose di interesse.

Aumenta la distanza, persone e luoghi

Prima di tutto, ti suggerisco di confermare che tuo nipote sia pronto per questi prossimi passi, avvicinandoti a lui e chiamando il suo nome –  senza  toccarlo o guidando la sua faccia. Aspetta qualche secondo, ancora in piedi e vicino, per vedere se si gira a guardare verso di te. Se non lo fa, segui le indicazioni fisiche di prima.

Se sta rispondendo in modo abbastanza coerente senza la necessità di un gesto fisico, suggerisco quanto segue:

1. Prova l’esercizio sopra descritto in luoghi diversi, ad esempio, quando sei a tavola o in cucina insieme, o anche fuori, nel giardino oppure in un negozio. Non esitare ad elogiare e premiare anche la minima svolta nella tua direzione.

2. Includi altre persone in questo esercizio. Vogliamo che tuo nipote risponda al suo nome con quante più persone e in quanti più posti possibili. Di nuovo: lode e ricompensa.

3. Quando tuo nipote risponde al suo nome in posti diversi e con altre persone, prova ad aumentare la distanza in cui chiami il suo nome. Inizia da pochi passi, avanzando verso la stanza e poi attraverso il giardino. Ricordati di fornire sempre lodi e incoraggiamenti immediati per ogni risposta.

4. Continuare a praticare aumentando la distanza – ma sempre in sicurezza – in posti nuovi e con nuove persone (fidate).

In chiusura, vorrei ribadire quanto apprezzo la tua domanda, come grande esempio dell’importanza del coinvolgimento della famiglia nell’aiutare i bambini con autismo a costruire le competenze fondamentali di cui avranno bisogno per avere successo nella vita. Aiutando tuo nipote ad imparare a rispondere al suo nome in diverse situazioni, contribuirai a preparare il terreno per altre importanti abilità sociali, maggiore sicurezza e, soprattutto, migliori relazioni.

 

Psicologo Kenneth Shamlian, direttore del programma di trattamento comportamentale presso l’Università di Rochester Medical Center. L’Università di Rochester è tra i 13 siti nella  rete di trattamento dell’autismo parla di autismo . Autismspeaks
Annunci