Come motivare in classe le persone con autismo

Le persone con autismo non hanno la capacità di gestire, come gli altri, la frustrazione che implica imparare qualcosa che non gli piace affatto. Affrontare argomenti, a volte noiosi, che non suscitano nessun interesse, ma che si imparano perché devono impararsi, agli studenti con autismo crea ansia e angoscia. Ecco perchè con questo genere di allievo ci vuole il doppio della motivazione. Ma come si può motivare un alunno con autismo?

I docenti di sostegno, oggi più che mai, sono chiamati a rispondere in maniera adeguata ai differenti bisogni dell’alunno con autismo, senza essere supportati né, molto spesso, avere una formazione specifica. Gli allievi con autismo richiedono tanta energia e attenzione, ma soprattutto richiedono strategie di gestione specifiche per stabilire una relazione positiva che ne favorisca gli apprendimenti.

Motivare le persone che hanno il disturbo dello spettro autistico è una sfida essenziale ma molto difficile. È essenziale perché, per definizione, hanno un ristretto repertorio di interessi e abilità necessarie per vivere e far fronte alla comunità. Senza esperienze pianificate e positive, questi individui spesso diventano sempre più vittime del loro autismo man mano che invecchiano. Con esperienze di successo, ognuno può diventare un vincitore che vive, lavora e gioca nella comunità. È difficile, almeno in parte, perché le persone che hanno l’autismo sono particolarmente vulnerabili ai fattori chiave che influiscono sulla motivazione.

La motivazione di un individuo è fortemente influenzata da: storia dell’apprendimento, stili di apprendimento, incentivi interni ed esterni per svolgere compiti, aspettative di successo o fallimento con un compito particolare, significato e intenzionalità del compito dal punto di vista dello studente e variabili ambientali circostanti che influenzano l’attenzione e la realizzazione.

In generale, i compiti e le attività che gli studenti associano al successo passato tendono a stimolare l’interesse. Il successo genera successo! Le sfide che innescano i ricordi delle passate angosce e fallimenti tendono a stimolare reazioni di evitamento e risposte di autoconservazione. Sebbene il fallimento occasionale sia spesso visto come una sfida da parte degli studenti che sono fortemente motivati ​​ad imparare attraverso la risoluzione dei problemi, il fallimento ripetuto promuove sentimenti di futilità e frustrazione in studenti fragili che mancano di fiducia in se stessi e possono mancare di competenze per la risoluzione dei problemi legati alle attività.

Se applicate con diligenza, le strategie proattive spesso si dimostrano efficaci nel suscitare reazioni positive, produttive e di orgoglio nella realizzazione personale. 

Ecco alcune strategie orientate al successo per supportare la motivazione delle persone che hanno il disturbo dello spettro autistico:

  •  Innanzitutto, conosci l’individuo: che tipo di comunicazione usa prevalentemente?
    Motoria: dirige la manipolazione fisica di una persona; Gestuale: indica, mostra, guarda lo spostamento fisico di un oggetto che vuole indicare; Con utilizzo di oggetti: passa un oggetto ad un’altra persona per comunicare quello di cui ha bisogno; Attraverso vocalizzazioni: utilizza suoni, compreso il pianto per comunicare (ad esempio urla per attirare l’attenzione di un’altra persona); Con supporto visivo:  utilizza foto bidimensionali per comunicare, ad es. utilizza foto per indicare parti del corpo, oppure  utilizza foto di azioni o di  eventi per comunicare il suo bisogno; Con illustrazioni: utilizza illustrazioni bidimensionali che rappresentano oggetti, azioni o eventi  per comunicare ciò che desidera, ad es. il bambino passa all’insegnante l’illustrazione di “ un bambino che va in bagno” per indicare che vorrebbe andare al bagno; Verbale: utilizza il linguaggio per  comunicare; Usa gesti “referenziali”: dice si, no, batte le mani.
  • Mantenere un elenco aggiornato dei punti di forza e degli interessi dell’individuo. Includere preoccupazioni o fisse che possono essere considerate “bizzarre” o strane. Usa questi punti di forza e interessi come base per espandere gradualmente il repertorio individuale di abilità e interessi.
  • Osserva compiti o attività che creano frustrazione e ansia acuta per l’individuo. L’attenzione a questi fattori può evitare episodi che perpetuano l’insicurezza, erodono la fiducia, alimentano la sfiducia nell’ambiente e generalmente portano a comportamenti di evitamento.
  • Presta attenzione ai problemi di elaborazione e di stimolazione che possono essere collegati a difficoltà cognitive e/o motorie inerenti all’autismo dell’individuo. Dare il tempo individuale per rispondere.
  • Struttura un ambiente di supporto. Sia l’ambiente sociale che quello fisico dovrebbero incoraggiare e supportare il successo delle attività del compito.
  • Insegnare in ambienti naturali che contengono spunti e rinforzi che suggeriscono e mantengono comportamenti appresi quando possibile.
  • Assicurati che tutti gli interessati incoraggino e sostengano lo sforzo indipendente ogni volta che è possibile. La volontà di comportarsi in modo indipendente invece di dipendere da altri, è importante affinchè l’individuo elogi propri sforzi piuttosto che elogiare fattori esterni.
  • Pianificare attività stimolanti (nella media: nè troppo stimolanti, nè troppo poco stimolanti). Pianifica modi per ridurre l’impatto dei distrattori ambientali che interferiscono con l’avvio e il completamento delle attività.
  • Utilizzare strategie didattiche che supportano risultati di successo.
  • Parlare in modo chiaro
  • Assemblare materiali o insegnare allo studente ad assemblare materiali, in sequenze appropriate all’attività.
  • Insegnare nuovi compiti fornendo esempi o modelli in modo che lo studente abbia una visione chiara delle sequenze di attività e dei risultati attesi.
  • Incorporare compiti di apprendimento in argomenti e attività preferiti
  • Variare i compiti e le attività frequentemente anziché richiedere noiose ripetizioni. Al contrario, cogliere le opportunità per espandere l’apprendimento quando l’interesse è alto.
  • Pianificare e presentare attività a un livello appropriato di difficoltà per l’individuo coinvolto.
  • Fornire istruzioni o informazioni visivamente anziché verbalmente per diminuire la distrazione e rendere le informazioni più facili da usare per la persona.
  • Introdurre attività non familiari in un ambiente sicuro in modo che la familiarità acquisita in seguito catturi l’attenzione dell’individuo in ambienti più difficili. Per esempio, se durante le lezioni la classe scientifica discuterà delle stelle, i genitori potrebbero osservare un cielo notturno con il loro figlio / figlia. Questo fornisce un collegamento familiare alle esperienze scolastiche successive. A volte questo processo di familiarizzazione viene definito “insegnamento di comportamenti cardine”. I comportamenti appresi diventano cruciali nel motivare l’individuo a partecipare a compiti in una varietà di situazioni.
  • Assegna all’individuo modelli specifici da osservare e imitare quando si svolgono attività di gruppo come ad esempio gli esercizi di gruppo. Quando si trovano in situazioni di gruppo più fluide, assegnare o aiutare l’individuo a scegliere un ruolo specifico da svolgere. Insegnare all’individuo come eseguire i ruoli scelti.
  • Pianificare risultati di successo che possono essere raggiunti “qui e ora” piuttosto che in un momento più lontano. Piuttosto che spingere per una risposta perfetta, rinforzare tutti i tentativi diretti.
  • Crea una struttura che motivi sequenze di eventi in cui l’attività meno familiare, meno preferita, è seguita dall’esperienza familiare preferita (prima _____, poi _____.). Struttura breve, esperienze di successo con attività meno preferite e in seguito strutture più lunghe per il recupero dell’equilibrio con esperienze preferite, più facili da tollerare. Questa strategia funziona particolarmente bene per gli studenti molto titubanti e che hanno un repertorio di interessi estremamente limitato.
  • Per gli studenti con un repertorio più ampio di interessi e abilità, costruisci lo slancio motivazionale iniziando con attività altamente preferite, garantite dal successo e alternando con compiti e attività meno preferite e più impegnativi durante il giorno. Questa strategia funziona anche per le persone che sono così fortemente eccitate da eventi preferiti previsti che non possono concentrarsi su altri compiti fino a quando non viene affrontata la necessità altamente stimolante.
  • Concentrati sull’apprendimento privo di errori. Insegnare (magari tramite video o con immagini) alla persona che esegue il compito la prima volta. Non permettere che si frustri.
  • Evitare che lo studente annulli o smonti i prodotti che percepisce come finiti.  E non farlo neanche te! Cancellare il lavoro o smontare i prodotti finiti spesso non ha senso per la persona con autismo e potrebbe chiedersi: “Perché farlo?”. Pianifica modi per correggere o ripetere lavori che non comportino la cancellazione di ciò che è stato fatto.
  • Offrire scelte che attirino l’attenzione e che stimolino il coinvolgimento personale.
  • In generale, accentuare il positivo; togliere il negativo.

Infine, è bene ricordare che il fallimento, il sarcasmo, il ridicolo e l’apparente mancanza di fiducia da parte di coloro che vivono e lavorano con persone con Disturbi dello Spettro Autistico diminuiscono la motivazione e perpetuano cicli di impotenza e di crisi nervose. 

La motivazione deriva da esperienze che insegnano alle persone come interagire con ambienti sociali e fisici in modi che si traducono in risultati positivi. 

Non può esistere motivazione senza:

  • alti livelli di rinforzi;
  • una continua varietà di prompts (aiuti), che poi si sfumano.
  • supporti visivi
  • linguaggio chiaro
  • novità nell’insegnamento

 

 

 

 

Contributo di Rozella Stewart
Riferimenti e per ulteriori letture
Butera, G., & Haywood, HC (1995). Educazione cognitiva di bambini piccoli con autismo. In E. Schopler e GB Mesibov
(a cura di), Apprendimento e cognizione nell’autismo (pp. 269-292). New York, NY: Plenum Press.
Charlop, MH, Kurtz, PF, e Casey, FG (1990). Usando i comportamenti abberant come rinforzi per i bambini autistici. Journal of Applied Behavior Analysis, 23, 163-181.
Dyer, K., Dunlap, G., & Winterling, V. (1990). Effetti del processo decisionale sui gravi problemi comportamentali degli studenti con handicap gravi. Journal of Applied Behavior Analysis, 23, 515-524.
Frea, WD (1995). Capacità di comunicazione sociale in bambini con autismo ad alto funzionamento. In RL Koegel & LK Koegel (a cura di), Insegnare ai bambini con autismo: strategie per iniziare interazioni positive e migliorare le opportunità di apprendimento (pagine 53-66). Baltimora, MD: Paul H. Brookes Publishing Co.
Koegel, RL, Koegel, LK, Frea, WD, & Smith, AE (1995). Interventi emergenti per i bambini con autismo: implicazioni longitudinali e di stile di vita. In RL Koegel & LK Koegel (a cura di), Insegnare ai bambini con autismo: strategie per iniziare interazioni positive e migliorare le opportunità di apprendimento (pagine 1-15). Baltimora, MD: Paul H. Brookes Publishing Co.
Koegel, RL, Koegel, LK, e Parks, DR (1995). Insegna all’individuo: modello di generalizzazione. In RL Koegel & LK Koegel (a cura di), Insegnare ai bambini con autismo: strategie per iniziare interazioni positive e migliorare le opportunità di apprendimento (pp. 67-77). Baltimora, MD: Paul H. Brookes Publishing Co.
Moes, D. (1995). Educazione dei genitori e stress genitoriale. In RL Koegel & LK Koegel (a cura di), Insegnare ai bambini con autismo: strategie per iniziare interazioni positive e migliorare le opportunità di apprendimento (pagine 79-93). Baltimora, MD: Paul H. Brookes Publishing Co.
Smith, MD, Belcher, RG, & Juhrs, PD (1995). Una guida per l’occupazione di successo per le persone con autismo. Baltimora, MD: Paul H. Brookes Publishing Co.
Stuart, R. (1996). Motivare gli studenti che hanno disturbi dello spettro autistico. The Reporter, 1 (3), 1-3.
Annunci

Ti è sembrato utile questo articolo? Lascia un commento