Come insegnare al bambino a giocare da solo

 

 

Tengo tanto a questo articolo perchè giocare da soli, da piccoli, è alla base di quello che poi sarà il tempo libero dei nostri ragazzi adolescenti e adulti. Ora che Ares ha finito la scuola e ha più tempo libero a casa, io riesco a vivere serena, a lavorare, a scrivere per voi, proprio perchè Ares sa stare da solo senza dipendere da nessuno. Ogni tanto rompe le scatole un po’ a tutti ma in quel caso lo fa per avviare una comunicazione, per dirti: “smettila, occupati di me”. Ma in linea di massima lui sa cosa deve fare anche senza l’aiuto di un adulto, e questo, signori miei, è una cosa GRANDIOSA. 

Se non si insegna a un bambino il gioco in solitario, nel tempo diventerà sempre più dipendente da noi e quando arriverà la fine del Liceo, e nostro figlio avrà più tempo libero, non saprà come usarlo o semplicemente dipenderà totalmente da noi per divertirsi. Quindi leggete con attenzione ma, soprattutto, mettete in pratica questi consiglio ORA che i vostri figli sono piccolini perchè dopo potrebbe essere già tardi.

Oltre ad apprendere abilità di gioco sociale (fondamentali per il linguaggio e l’interazione), è essenziale che i bambini autistici imparino a giocare da soli.

PERCHÉ È IMPORTANTE INSEGNARE A UN BAMBINO autistico A GIOCARE DA SOLO?

Il tuo bambino ha bisogno di imparare a fare attività indipendenti! Ciò è fondamentale per lo sviluppo cerebrale. Imparando a impegnarsi in attività indipendenti, tuo figlio sarà meno annoiato, impegnato in comportamenti meno distruttivi e/o non funzionali e avrà meno tendenza a impegnarsi in comportamenti eccessivamente ripetitivi.

COME GENITORE, HAI BISOGNO CHE TUO FIGLIO autistico IMPARI A GIOCARE DA SOLO

Hai bisogno di tempo per te stesso. Hai anche bisogno di tempo per pulire, lavare i piatti, sederti, prendere un caffè e l’elenco potrebbe continuare all’infinito… Non puoi e non dovresti occupare ogni momento del tempo di tuo figlio. Soprattutto quando il tuo bambino cresce (dai 4 anni in su), è importante che impari a occupare il tempo in modo divertente e funzionale!

PASSI PER INSEGNARE A UN BAMBINO AUTISTICO A GIOCARE DA SOLO

1. ARRICCHISCI IL TUO AMBIENTE.

Per poter insegnare a tuo figlio a giocare da solo, dovrai organizzare lo spazio. Inizia creando un angolo dedicato ai giochi o ai passatempi. Può essere una scatola, un cesto, qualunque contenitore con all’interno giochi. Oppure, potreste fare come faccio io: ho un posto specifico a casa, su una mensolina, dove Ares sa che trova parole crociate, ecc. 

2. ORGANIZZA OGNI SCATOLA O CESTINO PER ATTIVITÀ.

Ogni scatola o cestino dovrebbe contenere un’attività.

3. Crea una lista di possibili attività da realizzare durante il tempo libero

Io ho attaccato la lista in un posto ben visibile da Ares, in modo che lui la veda, e ad un orario specifico, la guardi e scelga cosa vuole fare. Queste attività sono state concordate con Ares ed, ad esempio: colorare i vasi, è una sua iniziativa, che ho inserito nel cartello. Tutto quello che serve per realizzare queste attività, Ares sa perfettamente dove trovarlo.

4. ETICHETTA OGNI SCATOLA O CESTINO CON UNA FOTO CHIARA CHE MOSTRI L’ATTIVITÀ ALL’INTERNO.

Questa foto consentirà al bambino di scegliere l’attività che desidera svolgere e di riporre l’attività una volta completata.

5. INSEGNA PRIMA A TUO FIGLIO A INTERAGIRE CON I MATERIALI impostando un PROGRAMma.

Ciò significa che prima che tu possa aspettarti che il tuo piccolo prenda un cestino di giocattoli e giochi in modo appropriato da solo, dovrai dedicare del tempo per insegnare la funzione di quei materiali a tavola o sul pavimento in una sessione di gioco/lavoro programmata. Prepara una scatola con 5-7 giocattoli all’interno. Metti da parte 5-10 minuti e mostra a tuo figlio come usare i giocattoli in modo divertente e appropriato.

6. MOSTRA A TUO FIGLIO COSA TI ASPETTI DAL SUO GIOCO INDIPENDENTE.

Il tuo bambino sarà entusiasta di conoscere il gioco indipendente in quanto apre un nuovo mondo di possibilità. Tuttavia, all’inizio potrebbe non sembrare così. Il tuo bambino potrebbe resistere al fatto che gli venga mostrato come giocare in modo indipendente e in modo funzionale.

Lui o lei potrebbe provare a lasciare la situazione quando stai mostrando i passi verso il gioco indipendente funzionale. Questo potrebbe scoraggiarti, invece no, devi andare sempre avanti con il tuo obiettivo.

Non preoccuparti, presto sarà più facile e più gratificante sia per te che per tuo figlio. Nel frattempo, continua. Continua a mostrare cosa intendi per gioco funzionale e indipendente .

7. premia tuo figlio con lodi e premi!

Quando tuo figlio inizia a giocare in modo indipendente, assicurati di prestare attenzione! Fai molte lodi. Entra nello spazio di gioco di tuo figlio (camera da letto, soggiorno, ecc.) e racconta a tuo figlio quale ottimo lavoro sta facendo giocando da solo.

Questo è molto importante anche se tuo figlio non parla. Quando si insegna a un bambino autistico a giocare da solo, è davvero importante insegnare le abilità passo dopo passo e offrire molti rinforzi di qualità!

Ricorda: solo perché un bambino non parla, non significa che non possa sentirti e capire quello che stai dicendo. I bambini autistici hanno spesso difficoltà ad esprimersi verbalmente, ma hanno un alto livello di comprensione ricettiva. Fai molte lodi verbali. Di sicuro farà sentire te e il tuo piccolo alla grande!

 

 

 

 

 speciallearninghouse
foto pexels