CREARE ORDINE IN CASA: PROGRAMMI GIORNALIERI

“Non posso nemmeno parlare al telefono / fare una doccia / ricevere ospiti perché mio figlio mi occupa tutto il tempo”

“Passa tutto il giorno a spostarsi da un giocattolo all’altro, e io pulisco costantemente la casa e raccolgo.”

“Non ha hobby.”

“Non posso sedermi / guardare la TV / parlare con il mio coniuge, perché devo sempre intrattenere mio figlio”.

“Come faccio a impedire a mio figlio di picchiare e infastidire i suoi fratelli tutto il giorno.”

“Il suo insegnante dice che a scuola sta bene, ma qui a casa è sempre un disastro!”

Queste sono solo alcune delle domande / commenti che sento dai genitori che non hanno routine all’interno della loro casa. Personalmente ritengo che questo, più che un problema del terapista o della terapia che segue, sia un problema di organizzazione. Penso che la maggior parte dei genitori potrebbe trarre vantaggio dalla struttura che danno alla loro giornata in famiglia, soprattutto i genitori che crescono i figli autistici.

Molti genitori di figli autistici vedono che c’è ordine e routine all’interno della classe dei loro figli, ma per qualche motivo non vedono la necessità di generalizzare questo stesso tipo di struttura nell’ambiente domestico. Qualsiasi insegnante di bambini piccoli può dirti che senza un programma e una routine, ne deriverebbe il caos.

Le famiglie senza struttura e ordine tendono ad avere tutti i tipi di problemi:

*     Problemi di transizione

*     Problemi di ansia

*     I bambini non iniziano le attività (se annoiati, si limitano a disturbare i loro genitori invece di trovare qualcosa da fare)

*     I bambini litigano e si irritano a vicenda tutto il giorno

*     La casa è difficile da tenere pulita; giocattoli, puzzle, giochi sono sparsi ovunque

  •    L’intrattenimento dei bambini è tutto sulle spalle di mamma e papà

Il campanello d’allarme mi arriva quando provo a parlare con alcuni genitori e non possiamo tenere una conversazione di due minuti perché continuano a fermarsi ogni due secondi per dire al loro bambino di scendere … di tacere … di smetterla di picchiare la sorella … di mettere il gatto giù… ..di scendere dal tavolo… .oppure dicono “vai a giocare” (le parole “vai a giocare” significano molto poco per un bambino senza abilità di gioco).

Se ti rivedi nel quadro appena descritto allora tu e la tua famiglia potreste trarre vantaggio dalla creazione di un programma per strutturare la routine nella vostra casa.

Allora, da dove iniziare?

  1. Scrivi il programma per la tua casa iniziando da ciò che accade già ogni giorno (come la cena). Assicurati di aggiungere attività strutturate per tuo figlio, come giochi con l’acqua, attività motorie fini o arte.
  2. Decidi come vuoi che tuo figlio passi da un’attività all’altra. Vuoi usare i timer? Segnali sonori, come suonare una canzone specifica? Dare al bambino una direttiva, come: “Che dici, è tempo di guardare il libro delle macchine”? Ogni attività ha bisogno di un inizio e di una fine chiari, in modo che il bambino possa fare le transizioni facilmente.
  3. Modifica la tua casa per adattarla al programma. Ad esempio, potrebbe essere necessario impostare aree della casa per attività diverse, scegliere una stanza più grande in modo che possano svolgersi più attività in quella stanza, riporre oggetti negli armadi o nei cassetti quando non sono necessari per un’attività e etichettare le aree in modo che il bambino sappia dove andare per svolgere una specifica attività. Se il programma dice che tuo figlio deve fare i compiti tutti i giorni dopo la scuola, allora dovrebbe esserci un’area designata per i compiti e tutte le forniture necessarie (carta, penne, calcolatrice, ecc.) Tutto dovrebbe essere a portata di mano.
  4. Creare una pianificazione visiva o scrivere la pianificazione e visualizzarla in un punto centrale della casa.
  5. Spiega il nuovo programma e la nuova routine a tuo figlio con un linguaggio semplice che possa capire.
  6.  Insegna a tuo figlio a seguire il programma. Questo è un passaggio che molte famiglie saltano. Non basta creare una routine e appenderla in soggiorno. La routine deve essere insegnata e ci vorrà del tempo affinchè tuo figlio impari ad usarla. Sii risoluto, usa molti suggerimenti e promemoria e non permettere a tuo figlio di non rispettare il programma. Se il calendario dice che è ora di leggere, non importa se la lavatrice si rompe, il gatto si ammala o i nuovi vicini vengono a visitarti inaspettatamente: rispetta il programma!

Creare un programma domestico porterà ordine, tranquillità e struttura nella tua famiglia. Io ho molto più tempo libero da quando ho implementato un programma. Il motivo è semplice: quando i bambini sono adeguatamente occupati, non spetta più a mamma e papà spegnere costantemente fuochi comportamentali o intrattenerli.

Di seguito è riportato un programma di esempio per la casa:

ESEMPIO DI PROGRAMMA GIORNALIERO

6:00 Sveglia, routine mattutina, vestirsi

6:30 Faccende mattutine: rifare il letto, nutrire il cane

7:00 Colazione

7:30 Partenza per la scuola

15:30 Arrivo a casa, lavarsi le mani, faccende pomeridiane: mettere via la borsa dei libri

15:50 merenda

16:00 Compiti

16:30 parco

17:00 Lettura tranquilla

17:30 Ora del computer      

18:00 Gioco con i fratelli oppure fare un puzzle

19:30 Prepararsi per la cena, lavarsi le mani, aiutare ad apparecchiare la tavola

20:00 Cena

20:30 lavarsi i denti, indossare il pigiama

21:00 Routine della buonanotte

21:30 leggere un libro insieme

22: 00 Ora di andare a letto, buonanotte!

Se impostiamo una struttura giornaliera quando i bambini sono piccoli, è più semplice che da grandi i nostri ragazzi seguano un calendario anche con attività diverse. E’ chiaro quindi che le attività cambiano in base a molti fattori: se i genitori lavorano fuori casa, se i figli non sono piccolini e invece che a scuola vanno al centro diurno pochi giorni a settimana, se ci sono attività organizzate con l’assistente domiciliare, ecc. 

Anche Ares segue una struttura “morbida” durante la giornata, E la chiamo “morbida” perchè cambia in base a quanto ha lavorato a scuola, in base al periodo di stanchezza o no. A volte, crescendo, a lui piace anche stare seduto a non fare niente e se lo solleciti ti manda via e ti dice: “sto pensando”. E lo lascio pensare! Sempre tenendolo d’occhio perchè a volte pensare lo potrebbe indurre a crisi che si autoproduce. 

Ma Ares sa cosa deve fare ogni giorno tramite la sua agenda visiva, tramite Alexa, che gli ricorda alcuni eventi, e tutto questo gli toglie la continua ansia di non sapere cosa accadrà!! Lui, di conseguenza è più calmo ed io, di conseguenza, più serena e più libera anche per riuscire a scrivere questi articoli del mio Blog.