Bornout del terapista. Consigli per evitare lo stress

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, che può manifestarsi in tutte quelle professioni con implicazioni relazionali molto accentuate (possiamo considerarlo come un tipo di stress lavorativo).

Il termine burnout in italiano si può tradurre come “bruciato”, “scoppiato”, “esaurito”, è apparso la prima volta nel mondo dello sport, nel 1930, per indicare l’incapacità di un atleta, dopo alcuni successi, di ottenere ulteriori risultati e/o mantenere quelli acquisiti.

Il termine è stato poi ripreso dalla psichiatra americana C. Maslach nel 1975, la quale ha utilizzato questo termine per definire una sindrome i cui sintomi evidenziano una patologia comportamentale a carico di tutte le professioni ad elevata implicazione relazionale.(1)

Una di queste professioni è senz’altro quella del terapista ABA, ma, oserei dire, anche quella del caregiver in generale, di operatori, assistenti, ecc., che passano lungo tempo con persone che hanno difficoltà di vario genere.

Quest’articolo è rivolto sia a terapisti, caregiver e operatori della disabilità in generale.

pexels-photo-3767411
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Per natura i terapisti sono persone premurose e compassionevoli. Scendono in campo per aiutare gli altri, e questo è un gesto nobile e meraviglioso. Tuttavia se i terapisti si tengono fuori dal cerchio delle cure, “la fatica emotiva e il burnout arrivano – e anche in fretta.

La tendenza dei terapisti a concentrarsi esclusivamente sul benessere degli altri e il fatto che trascorrano lunghe ore in questa modalità spiegano gli alti tassi di stress, abuso di sostanze, depressione e (persino) suicidio tra i membri di questa categoria. Oltre agli effetti negativi personali del burnout, non è etico fornire uno scarso trattamento ai clienti per via del burnout.

  • Il burnout è il risultato dello stress lavorativo derivante dai numerosi rischi emotivi della professione.
  • Colpisce la maggior parte dei consulenti, psicoterapeuti o operatori della salute mentale ad un certo punto della loro carriera. Non è riservato soltanto ai terapisti più esperti; può colpire i terapeuti anche all’inizio della loro carriera.
  • Si manifesta principalmente come esaurimento emotivo, “affaticamento emotivo” o “sovraccarico emotivo”.
  • Ciò può portare alla spersonalizzazione (di pazienti e di sé) che si manifesta con antipatia generale e ad un atteggiamento distaccato e insensibile – persino disumanizzato – nei confronti dei clienti, che sono percepiti come drenaggi di energia o fattori di stress.

Chiaramente, nessun terapeuta può essere efficace in queste condizioni.

Ci sono frazioni di questo lavoro molto gratificanti, e poi ci sono momenti che sono davvero stressanti.

In 14 anni di terapia ABA ne ho visti di terapisti. I migliori e più efficaci li ricordo con amore, ma ricordo anche quelli peggiori, perchè no? Posso assicurare che i migliori erano sicuramente meno stressati dei secondi.

I principali fattori di stress: ingredienti per il burnout

    1. Esaurimento emotivo o affaticamento emotivo: lavorare costantemente con le persone che soffrono, che non parlano, che sono ossessive, violente, autolesioniste, o di coloro che sono gravemente traumatizzati mettono a dura prova i terapisti. Lo psicoterapeuta può essere “contagiato” dallo stato d’animo di un paziente; una condizione che Jung chiamava “avvelenamento psichico”.
    2. Santificazione e demonizzazione da parte dei clienti: mentre alcuni genitori idealizzano i terapeuti, altri li demonizzano. Altri ancora oscillano fra entrambe le cose ogni due settimane. Il terapista può essere messo su un piedistallo oggi per poi essere rimosso da esso subito dopo. Senza feedback oggettivo, i terapeuti possono finire confusi e in dubbio sulle proprie qualità, qualifiche e senso di valore.
    3. Distrazione: concentrarsi sui problemi di altre persone, che possono essere più gravi della propria, può portare i terapisti a perdere la cognizione della propria situazione.
    4. Impotenza e senso di inefficienza: a differenza di carpentieri, giardinieri o chirurghi, gli psicoterapeuti raramente vedono risultati immediati, profondi o tangibili dai loro sforzi. Il lavoro è spesso (sebbene non sempre) lento. Anche quando la terapia è efficace i pazienti se ne vanno e con loro va via la conoscenza dell’effetto a lungo termine che il lavoro ha avuto sulla loro vita.
    5. Incapacità di interrompere la posizione terapeutica: mentre molti pazienti rivelano, anche con gesti, ai loro terapisti gli aspetti più intimi della loro vita, il terapeuta deve condividere solo ciò che è appropriato e benefico per i pazienti. L’esperienza di molte di queste relazioni può portare il praticante ad acquisire tendenze voyeuristiche estreme. Può anche indurre i terapeuti a trasferire la modalità dell’intimità unidirezionale ad amici e parenti al di fuori del contesto terapeutico.
pexels-photo-3132388
Photo by Andrew Neel on Pexels.com

Secondo me, nel caso specifico del terapista ABA, ci sono, poi, altri 2 colpevoli importanti che incidono nella comparsa del burnout e possono farlo passare inosservato per settimane … mesi … anni. 

Numero 1: Tu – Sì, tu. Cadi continuamente nel dannoso mondo di pensare che una volta diventato certificato, ora indossi un mantello invisibile e puoi risolvere tutti i problemi? Oppure, sei entrato in questo campo pensando di poter essere TUTTE le cose per TUTTE le persone? Entrambi i presupposti sono errati e inevitabilmente dannosi a causa della delusione che si verificherà quando ti rendi conto che in realtà non sei privo di difetti. Come molte altre professioni di assistenza / servizio, come insegnanti, assistenti sociali, ecc., i professionisti dell’ABA pongono spesso aspettative irrealistiche su se stessi per essere perfetti, conoscere tutto ed essere in grado di aiutare tutti. Questo semplicemente non è possibile, e avere troppe aspettative su te stesso, ti fa solo fallire. È cruciale conoscere e stabilire la tua propria identità professionale per scoprire come utilizzare al meglio i le tue potenzialità in questo campo. Lavori meglio con i ragazzi più piccoli o più grandi? In quali parti del giorno sei più produttivo? Con quale tipo di personalità fra la gente che ti sta attorno ti trovi meglio e con quale sei come olio e acqua ?? Talvolta ciò che sembra un burnout professionale può davvero essere il risultato della situazione di un cliente che deve essere rivista, di una mancanza di supporto o formazione per il tuo ruolo, oppure di un’azienda che non ha bisogno / non è disposta a riconoscere ciò che hai da offrire.

Numero 2: il tuo datore di lavoro (supervisore)– Molti, non tutti ovviamente, ma molti, fra i datori di lavoro ABA dispongono di sistemi e procedure che possono effettivamente incoraggiare il burnout professionale. Quando i dipendenti si sentono isolati dai colleghi e distanti dalla proprietà / gestione, o quando il carico di lavoro viene presentato come non opzionali, il personale proverà a fare affidamento sulla propria intelligenza e formazione per superare queste sfide. Ma a volte non è il personale che deve cambiare, è il sistema che deve cambiare. In che misura il tuo datore di lavoro valuta il personale per i segni di esaurimento professionale? Sono stati messi in atto confini o guardrail in modo che il personale non viva una guida eccessiva, una programmazione variabile, occupandosi regolarmente di famiglie di clienti difficili o non coinvolti, o lavorando 12 ore al giorno 6-7 giorni alla settimana? La cultura del lavoro promuove intenzionalmente la cooperazione, lavoro di squadra e comunicazione aperta? Quanto tempo viene impiegato per conoscere ogni singolo personale in modo che i casi possano essere abbinati in base a competenza e livello di esperienza, non solo in base alla disponibilità? Il personale (indipendentemente dalla sua posizione) ha accesso a momenti di ritrovo anche solo per sfogarsi? Come vengono affrontati i conflitti interpersonali?

Vedo il burnout come un sintomo di un problema più ampio (pensa a come il tuo corpo usa il dolore per segnalarti che qualcosa non va) e quel problema è di solito una mancanza di adattamento. Ci sono persone perfettamente contente di lavare i piatti per vivere, e ci sono persone in lavori aziendali ben pagati che sono infelici. Quindi questo problema va visto in maniera più seria perchè è molto più di quello che fai per vivere.

Una volta che sai cosa cercare, è facile individuare quali sono i parametri che contribuiscono a uno stato perpetuo di insoddisfazione personale e del lavoro.

Ma, il burnout si può prevenire! Ecco alcuni suggerimenti:

  • Pratica il restauro personale. Ciò può includere la terapia per te, la pratica spirituale, l’esercizio fisico, il sonno adeguato e il tempo con le persone care. Goditi la vita in modo sostenibile. Tutti hanno bisogno di momenti di regolare restauro interno, specialmente quelli delle professioni di aiuto. Prenditi del tempo per ricordare chi sei e soddisfare le tue esigenze. Connettiti con gli altri quando non sei nel ruolo di terapeuta. Cerca la solitudine e il tempo nella natura. Resta “in contatto” con te stesso.
  • Consultare e ottenere supporto peer. Invece di lottare con i casi difficili da solo, consultare il supervisore, un esperto o altri colleghi. Il supporto e la consultazione tra pari possono essere molto utili per prevenire il burnout.
  • Cresci come persona. Non sei solo un terapista che sta lì per aiutare gli altri. Sei una persona piena, con i tuoi bisogni e desideri. Che la tua passione sia dipingere, scrivere, giocare a basket, cucinare, ecc., assicurati di avere il tempo di fare ciò che ami. Fornisci ai tuoi clienti una buona assistenza, ma non renderli (solo) centro della tua vita.
  • Esercitati nella gestione del rischio etico: continua ad aggiornarti sull’evoluzione delle leggi e delle linee guida etiche. Rimani flessibile e aperto; non ricorrere a rigide pratiche di gestione del rischio. Soprattutto in casi difficili e stressanti, consultare sempre ulteriori documenti. 
  • Trova il tempo per la famiglia e gli amici. Indipendentemente dal fatto che tu sia sposato con figli, single, ecc., il rapporto di qualità con i tuoi cari è importante. Trova il tempo di impegnarti in attività che ti piacciono o semplicemente di fermarti con le persone che ti sono vicine.
pexels-photo-2888108
Photo by Dương Nhân on Pexels.com

Rimanere centrato ed equilibrato, come psicoterapeuta, presenta una moltitudine di sfide. I clienti possono essere esigenti, ci sono momenti in cui si vive in uno stato di costante preoccupazione, il campo è in continua evoluzione e i clienti hanno spesso bisogno di molta cura.

L’equilibrio è la chiave per praticare in modo efficace e prevenire il burnout. Ciò include l’equilibrio tra la vita personale e quella professionale, tra la cura degli altri e la cura di se stessi, il tempo da solo e il tempo con gli altri, e il trovare un equilibrio tra gli aspetti fisici, mentali e spirituali del proprio essere.

psicologiadellavoro
iloveaba, zurinstitute