Autismo Sensoriale. L’odore della paura e delle persone familiari e non familiari

Vi segnalo questi interessanti studi che parlano delle reazioni diverse e, persino opposte agli odori prodotti dal corpo umano, da parte di alcuni soggetti con autismo. Questi odori sono quelli che non siamo consapevoli di odorare, ma che sono, tuttavia, una parte della comunicazione non verbale che si svolge tra le persone e che hanno dimostrato di influenzare i nostri stati d’animo e il nostro comportamento. Le loro scoperte potrebbero fornire una finestra unica sull’autismo, incluso, sui malfunzionamenti dello sviluppo alla base del disturbo. 

Per quanto mi riguarda sono sempre stata convinta che Ares non trovi con facilità la differenza fra odori gradevoli e odori sgradevoli. Ecco perché se cercate nel sito troverete un articolo su come ho impostato in maniera, quasi maniacale, il modo in cui Ares va al bagno sin da piccolo. L’accuratezza del mio progetto sulla correttezza nel defecare nella tazza è direttamente proporzionale alla possibilità reale che possa verificarsi un contatto di Ares con le feci, che poi potrebbe generare (per via dell’odore) in un gioco sensoriale “pericoloso” (manipolazione, ecc.). Da sempre cerco di stimolare in lui la ricerca degli odori gradevoli, oltre che mantenendolo sempre pulito e profumato (e facendoglielo notare), incitandolo anche ad annusare più spesso odori gradevoli, nel tentativo di “educare” il suo olfatto.

L’odore della paura

I ricercatori nel laboratorio del Prof. Noam Sobel, Capo del Dipartimento di Neurobiologia del Weizmann Institute of Science stanno indagando, tra le altre cose, sugli odori che annunciano emozioni come la felicità, la paura o l’aggressività verso gli altri. Sebbene questo senso non sia il nostro senso primario, come in molti altri mammiferi, continuiamo a leggere e reagire in modo subliminale a certi odori. Ad esempio, “odorare la paura“, anche se non possiamo rilevare consapevolmente il suo odore, è qualcosa che possiamo fare senza pensarci. Poiché questa è una forma di comunicazione sociale, Sobel e i membri del suo laboratorio si sono chiesti se questo odore potesse essere ‘alterato’ in un disturbo come l’autismo.

Per condurre i loro esperimenti, i membri di Sobel e del laboratorio Yaara Endevelt-Shapira e Ofer Perl, insieme ad altri membri del suo laboratorio, hanno escogitato una

Screenshot_20181211-113719
Ares nei pali di equilibro del Parco Avventura

serie di esperimenti con un gruppo di partecipanti ad alto funzionamento che si è offerto volontario per lo studio. Per cominciare, i ricercatori hanno testato l’abilità di entrambi gli autistici con quelli di controllo nell’identificare gli odori che possono essere rilevati coscientemente, compresi gli odori umani come il sudore. Non c’era alcuna differenza significativa tra i gruppi in questa fase, il che significa che il senso dell’olfatto nei partecipanti autistici non era significativamente diverso da quello dei controlli.

Due gruppi sono stati poi esposti a “l’odore della paura” o a un odore di controllo. L’odore della paura era il sudore raccolto da persone che prendevano lezioni di paracadutismo, e il controllo dell’odore era il sudore delle stesse persone, solo che questa volta era stato raccolto quando stavano solo esercitando – senza provare paura.

È qui che sono emerse le differenze: sebbene nessuno dei due gruppi abbia rilevato delle differenze tra i due odori, i loro corpi hanno reagito a ciascuno in un modo diverso. Nel gruppo di controllo, l’odore del sudore indotto dalla paura produceva aumenti misurabili nella risposta alla paura, ad esempio nella conduttività della pelle, mentre il sudore quotidiano non lo faceva. Negli uomini autistici, il sudore indotto dalla paura abbassava le loro risposte di paura, mentre l’odore di “sudore calmo” faceva il contrario: aumentava i loro livelli misurabili di ansia.

Successivamente, il gruppo creò manichini robotici parlanti che emettevano odori diversi attraverso le loro narici. Questi manichini davano ai volontari, che non erano a conoscenza dell’aspetto olfattivo dell’esperimento, diversi compiti da svolgere. L’utilizzo dei manichini ha permesso ai ricercatori di avere il controllo completo sui segnali sociali – basati sugli odori o altro – che i soggetti hanno ricevuto. I compiti erano progettati per valutare il livello di fiducia che i volontari inserivano nei manichini – e anche qui il comportamento dei volontari autistici era l’opposto del gruppo di controllo: mostravano più fiducia nel manichino che emetteva la paura odore e meno in quello che puzzava “più calmo”.

In esperimenti continuativi, i ricercatori hanno chiesto se altri “odori sociali” subliminali hanno un impatto diverso nell’autismo rispetto ai gruppi di controllo. In uno, i volontari sono stati esposti a forti rumori improvvisi durante le loro sessioni mentre allo stesso tempo erano anche esposti a un componente potenzialmente calmante dell’odore corporeo denominato hexadecanal. Un’altra risposta di paura automatica – lampeggiante – è stata registrata usando elettrodi sopra i muscoli dell’occhio. In effetti, la risposta lampeggiante nel gruppo di controllo era più debole quando erano esposti al hexadecanal, mentre per quelli nel gruppo autistico questa risposta era più forte con hexadecanal.

In altre parole, i volontari autistici dell’esperimento non mostravano l’incapacità di leggere i segnali olfattivi dell’odore, ma piuttosto li interpretavano male. Sobel e il suo gruppo pensano che questa differenza inconscia possa indicare una connessione più profonda tra il nostro senso dell’olfatto e lo sviluppo iniziale. La ricerca negli ultimi anni ha rivelato i recettori dell’odore, come quelli nei nostri passaggi nasali, in altri luoghi nel nostro corpo – dal nostro cervello al nostro utero. È stato poi suggerito che questi svolgono un ruolo nello sviluppo, tra le altre cose. E’ dunque possibile che il rilevamento di segnali chimici sottili possa andare storto in fasi cruciali dello sviluppo del cervello nell’autismo. “Stiamo ancora ipotizzando, a questo punto,” dice Sobel.”

Odori piacevoli e odori sgradevoli

I bambini affetti da autismo potrebbero percepire gli odori in modo differente. Non riuscirebbero, infatti, a distinguere tra quelli piacevoli e quelli sgradevoli. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology dai ricercatori del Weizmann Institute of Science di Rehovot, che hanno sviluppato un test in grado di diagnosticare la presenza del disturbo tramite l’individuazione degli odori.

IMG-20170501-WA0029
Ares nel Roseto di Roma

Durante la ricerca, gli esperti hanno fatto indossare un dispositivo, collegato a due tubi, a un gruppo di bambini, fra i quali ce n’erano alcuni autistici. Il tubo rosso inviava al loro naso odori differenti, alcuni piacevoli, altri sgradevoli. Il tubo verde, invece, registrava i cambiamenti nelle modalità di respirazione dei partecipanti.

Nel corso l’esperimento, gli autori hanno osservato che mentre l’intensità del respiro dei bambini non autistici variava a seconda del tipo di aroma, quella dei bimbi affetti dal disturbo restava inalterata. Inoltre, è emerso che il programma informatico cui era collegato il dispositivo era in grado d’individuare la presenza dell’autismo con un’accuratezza dell’81%.

Gli scienziati sono anche riusciti a dimostrare che quanto più a lungo i bambini inalavano gli odori sgradevoli, tanto più gravi erano i sintomi che presentavano del disturbo. “I bambini affetti da autismo non mostravano nessuna modulazione respiratoria -, spiega Liron Rozenkrantz, che ha partecipato alla ricerca -, annusavano l’aroma dello shampoo allo stesso modo in cui sentivano l’odore del pesce marcio”.

di Nadia Comerci s.p.

Le persone con autismo usano regioni cerebrali diverse rispetto a quelle tipiche per distinguere i profumi di individui familiari e non familiari. 

Nel mese di Maggio di quest’anno, alla riunione annuale della 2018 International Society for Autism Research a Rotterdam, Paesi Bassi, è stato presentato uno studio non pubblicato, che dimostrerebbe che le persone con autismo usano regioni cerebrali diverse rispetto a quelle tipiche per distinguere i profumi di individui familiari e non familiari e che usano molto di più del loro cervello per rilevare gli odori.2018Olfaction844

Nello studio, 30 adulti con autismo e 28 normotipici, di età media di 25 anni, hanno effettuato, sia un test di identificazione degli odori, che il programma di osservazione diagnostica dell’autismo, un test standard per l’autismo.

I ricercatori hanno chiesto a un caro amico o parente dei partecipanti di indossare una maglietta per 12 ore. Hanno tagliato poi le ascelle delle camicie e hanno messo il tessuto in dei barattoli. I barattoli sono stati caricati in un dispositivo di erogazione di profumo chiamato olfattometro.

I partecipanti avevano il cervello scansionato mentre annusavano aria inodore, un altro profumo di deodorante, il profumo del deodorante, più l’odore della persona conosciuta, o il profumo del deodorante più l’odore di una persona sconosciuta.

Quando le persone tipiche sentono l’odore di un profumo, l’attività cerebrale aumenta in un’area: una regione che percepisce l’odore chiamata corteccia piriforme. Al contrario, gli odori non causavano un aumento dell’attività cerebrale di questa regione nel cervello dell’autismo. Eppure circa la metà del cervello autistico diventa attivo in assenza di profumo, suggerendo che le persone con autismo cercano gli odori quando non ci sono, afferma Valentina Parma , che ha presentato il lavoro. Parma è una borsista post dottorato indipendente presso la Scuola Internazionale di Studi Avanzati di Trieste. .

Parma e i suoi colleghi hanno scoperto che entrambi i gruppi utilizzano reti cerebrali dedicate per distinguere l’odore umano dal deodorante, ma le persone con autismo coinvolgono più regioni in ciascun caso.

“Ci vuole uno sforzo maggiore per un individuo autistico per determinare “qual è quell’odore?”, dice Parma.

Quando esposti a profumi umani, tutti i partecipanti si impegnano nella corteccia postcentrale e nella corteccia postmediale. Ma le persone tipiche usano principalmente la corteccia postcentrale per distinguere gli odori familiari dagli sconosciuti, mentre quelli con autismo usano la corteccia postmediale.img-20170501-wa0024.jpg

“Ancora una volta, entrambi i gruppi sono in grado di distinguere gli odori comuni e quelli del corpo, ma lo fanno seguendo diversi calcoli neurali”, afferma Parma. “E, in generale, il gruppo con autismo si attiva di più.”

I ricercatori dicono che vorrebbero indagare su come l’esposizione a odori familiari e non familiari influisce sul funzionamento delle terapie dell’autismo.

Per ulteriori approfondimenti sulle relazioni annuali del 2018 della Società Internazionale del Autism Research fare clic qui 

.

 

 

 

 

 

Materiali forniti da Weizmann Institute of Science
Sciencedaily
spectrumnews

 

 

 

Annunci

One Comment

Ti è sembrato utile questo articolo? Lascia un commento