Autismo e tic nervosi

 

 

 

I tic nervosi possono presentarsi sotto diverse forme: schiarirsi la gola ripetutamente, ad esempio.  E mentre tuo figlio ripete di continuo questo gesto, ti chiedi se si tratta di una caratteristica dell’autismo, una condizione di comorbidità o qualcos’altro… 

Alcuni comportamenti ripetitivi come le stereotipie (un movimento non funzionale, rituale e ritmico) sono associati ai disturbi dello spettro autistico, ad esempio quando un bambino agita ritmicamente la mano davanti al viso.

Ma non tutti i movimenti ripetitivi sono stereotipie. Potrebbe esserci di più nel comportamento, poiché potrebbe esserci una connessione tra l’autismo e la sindrome di Gilles de la Tourette. Ci sono anche altre condizioni e alcuni farmaci che possono causare tic.

Per i bambini, le definizioni e la classificazione delle condizioni di tic possono essere irrilevanti, piuttosto l’impatto del comportamento sulla loro vita scolastica, sociale e quotidiana può essere la loro principale preoccupazione. Se il mondo potesse solo capire che un tic non è qualcosa che possono facilmente fermare a piacimento, e che sentirsi imbarazzati per il comportamento potrebbe in effetti peggiorare le cose… diciamo che sarebbe un passo avanti.

Le persone che hanno dei tic descrivono l’impulso iniziale o premonitore come simile a un prurito, una sensazione spiacevole che si accumula all’interno. Una volta eseguito il tic, si sperimenta un sollievo temporaneo. 

Molte persone, specialmente bambini, hanno questo genere di tic poiché i tic transitori non sono in realtà così rari. Sebbene la maggior parte di noi abbia alcune idee vaghe sui tic comportamentali, la nostra idea di tic riguarda principalmente le contrazioni facciali, oppure dei sussulti delle spalle. C’è invece molto di più sui disturbi da tic e i bambini con questa condizione hanno spesso bisogno di intervento e supporto.

Cos’è un tic?

I disturbi da tic sono condizioni dello sviluppo neurologico che spesso emergono durante l’infanzia e possono essere in comorbilità con il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), l’autismo o il disturbo ossessivo compulsivo (DOC).

Un tic potrebbe essere descritto come un movimento di breve durata o un suono che interrompe il comportamento normale. I tic sono movimenti o vocalizzazioni involontari, che si verificano improvvisamente e ripetutamente. Sebbene il tic o il comportamento sia solitamente ripetitivo, non è ritmico. 

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.; DSM-5; American Psychiatric Association, 2013) include tre tipi di disturbi da tic utili per la diagnosi: Sindrome di Tourette, Disturbo persistente (denominato anche cronico) da tic motorio o vocale. e Disturbo da tic provvisorio. Ai fini della classificazione è importante notare se il tic del tuo bambino autistico è presente da più o meno di un anno. 

In questo articolo verranno discussi i diversi tipi di disturbi da tic, non per facilitare l’autodiagnosi, ma per aiutare ad avvisare i genitori dei sintomi che potrebbero richiedere un’ulteriore valutazione e un’eventuale diagnosi da parte di un professionista. Il tuo bambino autistico potrebbe avere l’ADHD o altre comorbidità e questo potrebbe causare confusione sui sintomi. Per questo è importante ricercare una diagnosi accurata che tenga conto della storia del bambino e delle condizioni coesistenti.

sindrome di Tourette

La sindrome di Tourette (o disturbo di Tourette come viene anche chiamato) è una condizione complessa dello sviluppo neurologico. Alcuni criteri devono essere soddisfatti per una diagnosi di sindrome di Tourette: per esempio, tuo figlio dovrebbe avere due o più tic motori e almeno un tic vocale.

Esempi di tic motori possono includere quanto segue: 

  • Contrazione della testa
  • Sbattere le palpebre o sobbalzare gli occhi
  • Tirare fuori la lingua
  • Alzata di spalla
  • Smorfie facciali
  • Contrazione del naso

Esempi di tic vocali possono includere quanto segue:

  • schiarirsi la gola
  • annusare
  • grugnito
  • tosse
  • Urla 

Tic vocali complessi potrebbero anche significare che un bambino ripete le proprie parole o quelle degli altri. Ripetere ciò che dicono gli altri è indicato come ecolalia ed è un sintomo sia dell’autismo che della sindrome di Tourette.

Un altro tic vocale complesso è la coprolalia che comporta l’occorrenza involontaria di vocalizzazioni inappropriate o oscene. Ciò può causare gravi interruzioni in molte aree della vita di una persona. Meno del 20% degli individui con la sindrome di Tourette presenterà questo sintomo nel corso della propria vita (Freedman, 2009). Che sia dovuto alla rappresentazione dei media o solo a un riflesso dell’umanità, il tic comportamentale di pronunciare parolacce è diventato lo stereotipo di Tourette. Sebbene sembri essere la parte del disturbo di Tourette di cui la maggior parte delle persone vuole saperne di più, è ancora poco compreso e sono necessarie ulteriori ricerche.

Oltre ad avere due o più tic motori e almeno un tic vocale come illustrato dagli esempi sopra, il bambino dovrebbe iniziare a mostrare tic prima di raggiungere l’età di 18 anni. Il bambino avrebbe dovuto avere tali tic per un anno e non avrebbe dovuto assumere farmaci che potrebbero essere la causa di tale comportamento (tic).

Anche se sono presenti molti di questi sintomi, i genitori potrebbero ancora chiedersi se tali sintomi possano essere attribuiti all’autismo o se il loro bambino abbia la sindrome di Tourette oltre a essere nello spettro. Uno studio (Darrow et al., 2017) ha concluso che tassi più elevati di disturbo dello spettro autistico (ASD) tra i bambini con sindrome di Tourette possono essere dovuti alla difficoltà nel distinguere tic complessi e sintomi DOC dall’autismo.

Gli autori hanno inoltre concluso che è essenziale un attento esame dei sintomi specifici dell’autismo (Darrow et al., 2017). Ecco perchè è fondamentale una diagnosi accurata (professionale).

Disturbo persistente da tic motori o vocali

Sebbene questa condizione condivida alcuni criteri diagnostici con la sindrome di Tourette, come l’esordio prima dei 18 anni e la persistenza dei tic per più di un anno, i tic motori e/o vocali multipli non sono requisiti diagnostici. Un singolo tic o più tic motori o vocali (non entrambi) soddisferebbero i criteri diagnostici per un disturbo persistente da tic motori o vocali.

Il disturbo persistente da tic motori o vocali è una condizione meno grave della sindrome di Tourette. Il successivo disturbo da tic, spesso descritto come la condizione da tic più comune e meno grave, è chiamato disturbo da tic transitorio o provvisorio.

Disturbo da tic provvisorio 

Per soddisfare i criteri diagnostici del DSM-5 per un disturbo da tic provvisorio, dovrebbe verificarsi prima che il bambino compia 18 anni e il bambino non dovrebbe mai soddisfare i criteri diagnostici della sindrome di Tourette e del disturbo da tic vocale o motorio persistente.

Molti bambini sviluppano un tic che poi scompare senza alcun trattamento o attenzione. Può anche cessare e tornare per un periodo di tempo. 

Lo stress e l’ansia aggravano i tic o no?

Uno studio di Conelea et al. (2014) ha scoperto che la frequenza dei tic durante l’intero esperimento non aumentava durante i periodi di frequenza cardiaca più elevata, come ci si potrebbe aspettare. Gli autori hanno concluso che i risultati suggeriti (che indicano che le esacerbazioni da tic potrebbero non essere collegate a una maggiore eccitazione fisiologica) significano che sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo.

stereotipie

Quando vengono esaminati diversi disturbi da tic, diventa evidente quanto debba essere difficile la diagnosi, soprattutto se sono presenti anche condizioni come l’ADHD o il DOC. In un bambino autistico, i tic possono anche essere confusi con le stereotipie.

Le stereotipie mostrate dai bambini autistici possono essere distinte dai tic in quanto sono ritmiche e sembrano prive di scopo. Inoltre non ha l’impulso premonitore che precede un tic e il successivo sollievo una volta che il tic viene eseguito. Inoltre, le stereotipie di solito hanno un esordio più precoce rispetto ai tic. Le stereotipie compaiono spesso prima che il bambino raggiunga l’età di tre anni, mentre i tic che compaiono principalmente quando il bambino ha circa sei anni.

Esempi di stereotipie nell’autismo sono il battito delle mani e il dondolio del corpo. Quando osservi un certo comportamento ripetitivo nel tuo bambino autistico può essere difficile stabilire se si tratta di un tic o di una stereotipia; anche se accerti che il comportamento è correlato a un tic nervoso, avrai comunque bisogno di un professionista per determinare se il bambino ha la sindrome di Tourette o un altro disturbo da tic. Per una diagnosi accurata e un intervento precoce, fornisci al tuo medico quanti più dettagli possibili sull’insorgenza e le caratteristiche del comportamento ripetitivo.

In che modo i tic influenzano un bambino?

La maggior parte delle persone che condividono la propria esperienza su un tic parla di una sensazione specifica che precede un tic. Uno studio di Reese et al. (2014) ha presentato l’esperienza di fenomeni sensoriali (auto-riferiti) prima di un tic di adolescenti e adulti con sindrome di Tourette o disturbo da tic cronico.

Le sensazioni più comunemente provate che precedono un tic sono state descritte come “energia che aveva bisogno di uno sfogo”, “sensazione interiore di eccitazione e sentimenti di tensione” (Reese et al., 2014). La maggior parte dei partecipanti a questo studio ha riferito che i sentimenti o le sensazioni, descritti sopra, scompaiono dopo che hanno fatto o completato un tic.

È difficile immaginare questo accumulo interno, più volte al giorno, soprattutto per un bambino. Una sensazione di pressione, di energia repressa, che può essere alleviata soltanto da un tic socialmente stigmatizzato. E con questo rinforzo negativo il ciclo comportamentale continua.  

Molte persone autistiche raccontano di un bisogno di tossire soppresso in chiesa, ad esempio, con occhi che lacrimavano e la gola in fiamme. Il fatto di lasciar scappare la tosse in quello spazio grande, silenzioso e sacro, era raccapricciante ed euforico in egual misura.

L’idea di avere un bisogno che può essere alleviato solo attraverso un comportamento che può essere disapprovato deve essere terrificante per un bambino. Soprattutto in un ambiente scolastico in cui molti bambini spesso prendono di mira comportamenti ritenuti diversi. 

Gli studi hanno scoperto che i bambini con sindrome di Tourette hanno subito più bullismo, vittimizzazione e persecuzione rispetto ai bambini senza la condizione (Charania et al., 2021). Altri studi hanno anche scoperto che i bambini con sindrome di Tourette avevano maggiori probabilità di sperimentare sfide scolastiche come dover ripetere un anno (Claussen et al., 2018).

Naturalmente la sindrome di Tourette è la più grave di tutte le condizioni da tic; molti tic infantili sono temporanei, molti scompaiono senza intervento dopo meno di tre mesi. Un’ulteriore notizia incoraggiante è che esiste una promessa terapeutica negli interventi comportamentali per le condizioni di tic cronico.

Soppressione dei tic

Uno studio (Kim et al., 2019) ha esaminato la soppressione dei tic nei bambini con tic di recente insorgenza. Lo studio è stato intrapreso per determinare se la capacità di sopprimere un tic predicesse la gravità dei tic in futuro.

Lo studio (Kim et al., 2019) ha scoperto che i bambini che avevano tic solo da pochi mesi potevano sopprimerli. La soppressione ha avuto particolare successo quando i bambini hanno ricevuto una ricompensa immediata. Lo studio può essere prezioso in termini di controllo inibitorio sui tic nel primo periodo di insorgenza. 

Risultato positivo

Studi come quelli di cui sopra sottolineano l’importanza di un intervento precoce in condizioni come la sindrome di Tourette in comorbidità con l’autismo. Un ulteriore studio (Bennett et al., 2020) ha dettagliato il successo quando il Comprehensive Behavioral Intervention for Tic Disorders (CBIT) è stata adattata per l’uso nei bambini piccoli. 

Il trattamento e l’intervento precoce possono prevenire il decorso cronico dei sintomi del tic, ecco perché i genitori non dovrebbero mai minimizzare il ruolo dei comportamenti interferenti e ripetitivi, pensando che siano sempre un altro sintomo dell’autismo.

(l’immagine di copertina è di Pexels)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riferimenti:
Yolande Loftus, BA, LLB
autismparentingmagazine
Associazione Psichiatrica Americana. (2013). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.). https://doi.org/10.1176/appi.books.9780890425 596
Bennett, SM, Capriotti, M., Bauer, C., Chang, S., Keller, AE, Walkup, J., Woods, D. e Piacentini, J. (2020). Sviluppo e sperimentazione aperta di un intervento psicosociale per bambini piccoli con tic cronici: lo studio CBIT-JR. Terapia comportamentale , 51 (4), 659-669. https://doi.org/10.1016/j.beth.2019.10.004
Charania, SN, Danielson, ML, Claussen, AH, Lebrun-Harris, LA, Kaminski, JW e Bitsko, RH (2021). Vittimizzazione e atti di bullismo tra bambini statunitensi con e senza sindrome di Tourette. Giornale di pediatria dello sviluppo e del comportamento: JDBP , 10.1097/DBP.0000000000000975. Pubblicazione online anticipata. https://doi.org/10.1097/DBP.0000000000000975
Claussen, AH, Bitsko, RH, Holbrook, JR, Bloomfield, J. e Giordano, K. (2018). Impatto della sindrome di Tourette sulle misure scolastiche in un campione rappresentativo a livello nazionale. Giornale di pediatria evolutiva e comportamentale: JDBP , 39 (4), 335-342. https://doi.org/10.1097/DBP.000000000000550
Conelea, CA, Ramanujam, K., Walther, MR, Freeman, JB e Garcia, AM (2014). Esiste una relazione tra la frequenza dei tic e l’eccitazione fisiologica? Esame in un campione di bambini con tic concomitanti e disturbi d’ansia. Modifica del comportamento , 38 (2), 217-234. https://doi.org/10.1177/0145445514528239
Darrow, SM, Grados, M., Sandor, P., Hirschtritt, ME, Illmann, C., Osiecki, L., Dion, Y., King, R., Pauls, D., Budman, CL, Cath, DC , Greenberg, E., Lyon, GJ, McMahon, WM, Lee, PC, Delucchi, KL, Scharf, JM, & Mathews, CA (2017). Sintomi dello spettro autistico in un campione di disturbo di Tourette. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry , 56 (7), 610–617.e1. https://doi.org/10.1016/j.jaac.2017.05.002
Freeman, RD, Zinner, SH, Müller-Vahl, KR, Fast, DK, Burd, LJ, Kano, Y., Rothenberger, A., Roessner, V., Kerbeshian, J., Stern, JS, Jankovic, J. , Loughin, T., Janik, P., Shady, G., Robertson, MM, Lang, AE, Budman, C., Magor, A., Bruun, R., & Berlin, CM, Jr (2009). Coprofenomeni nella sindrome di Tourette. Medicina dello sviluppo e neurologia infantile , 51 (3), 218-227. https://doi.org/10.1111/j.1469-8749.2008.03135.x
Kim, S., Greene, DJ, Robichaux-Viehoever, A., Bihun, EC, Koller, JM, Acevedo, H., Schlaggar, BL e Black, KJ (2019). La soppressione dei tic nei bambini con tic di recente insorgenza prevede l’esito del tic a 1 anno. Giornale di neurologia infantile , 34 (12), 757-764. https://doi.org/10.1177/0883073819855531
Reese, HE, Scahill, L., Peterson, AL, Crowe, K., Woods, DW, Piacentini, J., Walkup, JT e Wilhelm, S. (2014). L’impulso premonitore al tic: misurazione, caratteristiche e correlati negli adolescenti più grandi e negli adulti. Terapia comportamentale , 45 (2), 177-186. https://doi.org/10.1016/j.beth.2013.09.002