Legame fra disturbi dello sviluppo, bambini ambidestri e mancini

Capita che alcuni genitori notino che i loro figli con ritardi nello sviluppo non abbiano una mano dominante quando completano tutte le attività. Ad esempio, alcuni bambini possono scrivere con la mano sinistra, ma usare le forbici con la mano destra. Questa mancanza di una mano dominante o di un lato dominante aumenta la possibilità che un bambino possa anche avere un disturbo dello sviluppo, ADHD o altre difficoltà che rendono l’apprendimento più impegnativo più avanti nella vita. 

Non è insolito sentir parlare di più ampia distribuzione di mancini o ambidestri nella popolazione con Disturbo dello Spettro Autistico. Uno studio dell’American Psychiatric Association, ha individuato un maggior numero di bambini autistici ambidestri o mancini rispetto alla popolazione generale, la quale usa la mano destra in circa il 90 per cento. 

Qual è il legame tra ambidestri e ritardi nello sviluppo?

I ritardi nello sviluppo sono spesso il primo segno, nei bambini, di problemi di apprendimento o di attenzione. Questi ritardi, combinati con l’evidenza di una dominanza mista (quindi di entrambe le mani), aumentano notevolmente le possibilità che il bambino sviluppi una disabilità o un disturbo dell’apprendimento. Tuttavia, anche se un bambino sperimenta ritardi nello sviluppo e ambiguità nell’uso delle mani, potrebbe non essere formalmente diagnosticato un disturbo dell’apprendimento fino a quando non entra a scuola e inizia ad avere problemi in classe.

Uno studio del 2010 pubblicato su Pediatrics ha rilevato che i bambini ambidestri avevano maggiori probabilità di avere ADHD e difficoltà di apprendimento rispetto ai loro coetanei mancini e destrorsi. I bambini a predominanza mista avevano anche maggiori probabilità di avere forme più gravi di ADHD rispetto ai bambini destri con ADHD. Gli autori dello studio hanno anche notato che studi precedenti indicano che i bambini con mani miste hanno anche maggiori probabilità di avere la dislessia.

I ricercatori dietro lo studio, dell’Imperial College di Londra e di altre istituzioni europee, suggeriscono che i loro risultati possono aiutare gli insegnanti e gli operatori sanitari a identificare i bambini che sono particolarmente a rischio di sviluppare determinati problemi.

Lo studio ha esaminato quasi 8.000 bambini, 87 dei quali erano ambidestri, e ha scoperto che i bambini ambidestri di 7 e 8 anni avevano il doppio delle probabilità dei loro coetanei destrorsi di avere difficoltà con la lingua e di avere un rendimento scolastico scarso .

Quando hanno raggiunto i 15 o 16 anni, gli adolescenti ambidestri avevano il doppio del rischio di avere sintomi di disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD). Era anche probabile che presentassero sintomi più gravi di ADHD rispetto alle loro controparti destre.

Gli adolescenti hanno anche riferito di avere maggiori difficoltà con il linguaggio rispetto a coloro che erano mancini o destrorsi. 

La dott.ssa Alina Rodriguez, ricercatrice principale dello studio della School of Public Health presso l’Imperial College di Londra, ha dichiarato: “La mano mista è intrigante – non sappiamo perché alcune persone preferiscono usare entrambe le mani quando la maggior parte delle persone usa solo una. Il nostro studio è interessante perché suggerisce che alcuni bambini ambidestri incontrano maggiori difficoltà a scuola rispetto ai loro amici mancini e destrorsi. Pensiamo che ci siano differenze nel cervello che potrebbero spiegare queste difficoltà, ma è necessario fare più ricerca.

Come il cervello causa una dominanza mista

È probabile che i bambini che mostrano lateralità incrociata abbiano cervelli squilibrati o che non si sviluppino adeguatamente. Se un bambino non mostra lo stesso lato dominante quando si tratta di usare la mano, il piede, l’occhio e l’orecchio, è probabilmente dovuto a quella che chiamiamo sindrome da disconnessione funzionale. Un cervello correttamente funzionante comunica tra entrambi gli emisferi, così come all’interno di ciascun emisfero, alla velocità della luce. Nel caso di dominanza mista, la velocità del cervello è rallentata a causa di problemi di comunicazione nel cervello o di un tempo di elaborazione più lungo. Ad esempio, se l’occhio e l’orecchio dominanti si trovano su lati opposti, i circuiti visivi devono saltare dall’altra parte del cervello per connettersi ai circuiti di ascolto e possono spiegare perché alcune persone non possono leggere e ascoltare allo stesso tempo.

Sfide associate alla dominanza mista

I bambini che non sviluppano un’adeguata dominanza cerebrale durante il completamento delle attività – chiamate lateralizzazione cerebrale – possono scoprire di avere difficoltà a sviluppare determinate abilità . Una mancanza di sviluppo dell’emisfero sinistro potrebbe portare a ritardi nella padronanza del vocabolario, della grammatica e della padronanza della lingua. Una mancanza di sviluppo dell’emisfero destro può causare problemi con la lettura e la metafora.

La sinestesia, ossia la fusione, in un’unica sfera sensoriale, delle percezioni di sensi distinti, dovuta al sincronismo funzionale di due organi di senso o due facoltà cognitive, si osserva più frequentemente in soggetti ambidestri o mancini.

Le persone ambidestre sono più influenzabili dal punto di vista emotivo rispetto ai destrimani o ai mancini: in base a uno studio della Montclair State University (New Jersey) il loro umore si farebbe più facilmente contagiare dalle situazioni esterne. Una possibile spiegazione potrebbe essere cercata nel maggiore sviluppo, in questi soggetti, del corpo calloso – il “ponte” di fibre nervose che permette ai due emisferi cerebrali di comunicare – che favorirebbe il contagio emotivo e la suggestionabilità. (rivista focus).

I genitori che notano che i loro bambini hanno ritardi nello sviluppo e mostrano segni di dominanza mista dovrebbero osservare i propri figli alla ricerca dei primi sintomi di altre sfide. Identificando correttamente queste complicazioni, i genitori possono mettere insieme rapidamente la giusta miscela di risorse e aiuto professionale per aiutare i loro figli a superare le difficoltà di apprendimento senza rimanere indietro rispetto al loro gruppo di coetanei. 

L’ambidestria non è una condizione sempre svantaggiosa. Essere in grado di utilizzare entrambe le mani, o i piedi, con uguale abilità può essere d’aiuto in molti campi, dall’arte alla musica, allo sport.

Curiosità: Leonardo Da Vinci era ambidestro e scriveva e dipingeva con entrambe le mani, sia la sinistra, per lui la principale, sia la destra. La conferma, definitiva, di questa peculiare caratteristica del genio del Rinascimento arriva dalle analisi dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze sul ‘Paesaggio’ noto come ‘8P’ (il suo numero di inventario agli Uffizi), considerato il primo disegno noto del grande artista e scienziato toscano e certamente il suo primo lavoro datato (5 agosto 1473). L’annuncio della scoperta è stato dato nel 2019 nel corso di una conferenza stampa da Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi.

 

 

 

 

 

 

 

alcune fonti: brainbalancecenters, focus