5 modi per avviare l’educazione sessuale nei bambini autistici

Tutti i bambini crescono. Nessuna diagnosi ferma la pubertà sul nascere. Nessuna persona, indipendentemente dalle sue capacità e bisogni, ha l’immunità dagli ormoni impetuosi dell’adolescenza. La società ha la tendenza a etichettare gli individui con disturbo dello spettro autistico come asessuali, senza nessun desiderio sessuale. Anche se questo è il caso di alcuni individui – e non c’è niente di sbagliato in questi orientamenti o caratteristiche – questa è una generalizzazione radicale. Più preoccupante, però, è che le persone autistiche siano state soprannominate da alcuni membri della società come predatori sessuali. Opinioni ignoranti come queste incoraggiano tristemente un sistema che nega la conoscenza, l’espressione e la sicurezza sessuale.

 

Dai un’occhiata a queste statistiche dell’ISTAT, secondo la FISH:
  • (2 mln 66 mila sono le donne con disabilità secondo ISTAT) Come rileva l’ISTAT la violenza sulle donne è un fenomeno ampio e diffuso.
  • E critica appare la situazione delle donne con disabilità o con problemi di salute: ha subìto violenze fisiche o sessuali circa il 36% delle donne con disabilità a fronte del 30% delle donne senza limitazioni funzionali.- In particolare, il rischio di subire stupri o tentati stupri è più che doppio per le donne con limitazioni gravi: il 10,0% contro il 4,7% delle donne senza limitazioni o problemi di salute.
  • Anche la violenza psicologica da parte del partner attuale o passato presenta valori più elevati tra le donne in cattiva salute o con limitazioni funzionali. Facendo riferimento solo al partner attuale, subisce violenze psicologiche il 31,4% delle donne con disabilità contro il 25,0% delle donne che non hanno limitazioni. Il rischio aumenta anche in caso di stalking.
  • Hanno subìto comportamenti persecutori durante o dopo la separazione dal partner il 21,6% delle donne con limitazioni funzionali gravi, il 19,3% di quelle con limitazioni non gravi e il 18,4% di chi ha malattie croniche o problemi di salute di lunga durata (contro circa il 14% di chi non ha limitazioni o problemi di salute).
  • I fattori primari che contribuiscono includono la mancanza di educazione sessuale e isolamento sociale
  • le donne disabili in particolare, subiscono diverse forme di discriminazione (FISH)

Alcune caratteristiche di molte persone autistiche, come la limitata consapevolezza sociale o le scarse capacità di comunicazione, le mettono a un rischio particolarmente elevato di vittimizzazione. Molte persone autistiche desiderano avere legami personali e compagnia, ma la maggior parte non riceve mai una formazione sui comportamenti socio-sessuali. 

Queste sono alcune raccomandazioni di una ricerca sull’educazione sessuale, con un’aggiunta della mia esperienza personale, che sintetizzano cinque modi per avviare l’educazione sessuale (Couwenhoven, 2007; Gerhardt e Schulman, 2017; Schwartz e Robertson, 2019; Stein, 2010; Travers , 2018).

Non è necessario attendere la pubertà per iniziare: l’educazione sessuale inizia ora!

1. i nomi giusti

La base della consapevolezza e dell’autonomia del corpo inizia con la conoscenza, appunto, del proprio corpo. L’anatomia facilita la conoscenza delle parti private, il che crea un trampolino di lancio verso la comprensione dei comportamenti pubblici e privati ​​(Couwenhoven, 2007; Travers, 2018).

  • Scopri cosa sa tuo figlio del suo corpo. Puoi usare un’immagine, delle bambole o il proprio corpo per indicare ed etichettare ogni parte. Prendi nota delle parti che tuo figlio non conosce e usale come punto di partenza per insegnare
  • Usa i termini scientifici per le parti del corpo (seno, pene, ecc.). I bambini non sono mai troppo piccoli per conoscere il proprio corpo. Il Dr. Nienow dice che l’uso di termini anatomici è “corretto”, “potenziante” e “non ambiguo” (Nienow, nd, Seven Steps to Teaching Children Body Autonomy ). Un termine infantile per una parte privata può indurre involontariamente gli adulti a respingere gli avvertimenti di abuso o comportamento non sicuro. Al fine di ridurre la confusione, utilizzare e rafforzare i termini corretti (Gerhardt e Schulman, 2017).
    • Se cambi tuo figlio o lo aiuti a vestirsi, usa questa opportunità per nominare le parti intime
    • Dimostra il linguaggio corretto: “Questo è il mio pene”.

2. Privacy

Quando insegni le parti del corpo, insegna anche che ci sono parti private e pubbliche del tuo corpo. Privato significa che appartengono solo a te (Stein, 2010). Nel suo programma, Couwenhoven (2007) discute l’insegnamento della seguente semplice distinzione: ciò che è coperto è privato, ciò che è scoperto è pubblico. Ad esempio, spazzolare i capelli è un’attività pubblica, indossare la biancheria intima non lo è.

  • Stabilisci routine per la privacy all’interno della tua casa e rispettale. Se assisti tuo figlio in bagno, chiudi la porta del bagno. Se possibile, lascia la stanza mentre tuo figlio usa il bagno o girati per indicare che andare in bagno è un’attività privata
  • Stabilire un linguaggio per comunicare la necessità di privacy. Potresti usare la frase “Ho bisogno di privacy”, un’immagine, un simbolo, un oggetto o qualunque modalità funzioni meglio per tuo figlio. Per rafforzare il linguaggio della privacy, ogni adulto che lavora con tuo figlio dovrebbe essere informato su come tuo figlio richiede la propria privacy.

3. Dare avvertimenti, ascoltare le risposte

Troppo spesso nell’educazione specifica degli autistici, noi genitori o insegnanti interveniamo immediatamente per sollecitare, insegnare o aiutare. Sebbene la reattività immediata possa accelerare l’acquisizione di abilità o il completamento delle routine, può anche aumentare l’accettazione da parte di tuo figlio del fatto che qualcuno possa toccarlo senza permesso.

  • Avvertilo!. Piuttosto che aiutarlo subito in un’attività privata, prenditi un momento per comunicare cosa intendi fare. “Mi piacerebbe aiutarti a chiudere la cerniera del maglione, posso farlo?”; “Ti toccherò la mano, va bene?” Aspetta segnali come un cenno del capo, un “sì” verbale o una pausa. Mentre ti impegni nel prompt (aiuto) o nell’azione, attendi e rispondi ai segnali di tuo figlio. Se possibile (cioè se non è una routine vitale per la salute o la sicurezza), fermati al primo segnale di disagio come allontanarsi, scuotere la testa o gridare “no”.
  • Linguaggio dimostrativo. Il contatto forzato insegna ai bambini che non sono loro a controllare il proprio corpo (Couwenhoven, 2007). Invece di dire “Dai un abbraccio alla nonna” potresti dire (“Puoi salutare la nonna con un saluto, un cinque o un abbraccio se vuoi”). Non chiedere a tuo figlio di abbracciare, baciare o qualsiasi tipo di contatto fisico se non lo desidera. Se tuo figlio sembra a disagio o turbato dal contatto fisico come un abbraccio, rispondi di conseguenza allontanandoti. Puoi usare una frase del tipo: “Sembra che tu non voglia un abbraccio in questo momento; va bene “o” Grazie per avermi fatto sapere che avevi bisogno di spazio “. La nonna potrebbe essere delusa, ma tuo figlio imparerà gli indizi per dare e ricevere il consenso.

4. Il contesto è importante

Jason, un adulto autistico, prendeva autonomamente i mezzi pubblici. Un giorno salì sul retro dell’autobus, si sedetti sul sedile e iniziò a masturbarsi. Una bambina e sua madre salirono sull’autobus e si sedettero a pochi posti da Jason. È stato denunciato alla polizia e, interrogato, ha detto che lo stava facendo in “privato”. Quando gli è stato chiesto di spiegare, Jason ha descritto “che poteva toccarsi in privato e in privato è quando non lo vede nessuno.”

L’esempio sopra illustra un problema comune quando si insegna ai bambini autistici a discriminare tra azioni appropriate per gli spazi pubblici e quelle riservate al privato. Troppo spesso, toccare se stessi o gli altri in modo inappropriato dà il via al processo di educazione sessuale. Piuttosto che aspettare che si stabilisca un modello di comportamento inappropriato, insegna esplicitamente il concetto di privacy e la sua relazione con il contesto (Couwenhoven, 2007; Gerhardt e Schulman, 2017).

La maggior parte delle attività si svolge in spazi designati. Si mangia a tavola, si dorme in camera da letto, si usa la tazza in bagno. Insegnare ai bambini dove si verificano le cose può aiutare a prevenire comportamenti sessuali inappropriati e anche potenziali aggressioni.

  • Insegna subito il contesto. Cambia sempre i vestiti in bagno o in camera da letto. Sii preciso su chi lo può fare e su chi non aiuta tuo figlio a vestirsi.
  • Il contatto con parti intime dovrebbe avvenire solo nel contesto della salute o dell’igiene (Couwenhoven, 2007; Travers, 2018). Inoltre, qualsiasi cosa che abbia a che fare con la salute o l’igiene dovrebbe avvenire solo nel contesto di un bagno e di una struttura medica o clinica con personale specifico. Lavora con tuo figlio utilizzando esempi, aiuti visivi e giochi di ruolo per facilitare la comprensione di chi, cosa e dove.
    • Esempio:
      • Appropriato: un medico in uno studio medico tocca i genitali durante un pap test
      • Inadeguato: un medico ti tocca i genitali in macchina

5. Più apertura, meno vergogna

Potresti sentirti a disagio nel parlare di educazione sessuale. Sebbene il disagio sia comprensibile, tuo figlio ha bisogno di queste informazioni e troverà altri modi per accedervi se non attraverso di te. Uno studio di Kelly, Crowley e Hamilton (2009) che indaga sulle esperienze di relazioni e sessualità di individui con disabilità ha scoperto che la maggioranza dei loro partecipanti riceveva informazioni sul sesso e sul romanticismo attraverso programmi televisivi, riviste o video. 

  • Stabilire una comunicazione aperta rispondendo alle domande e offrendo informazioni. Se tuo figlio ritiene che determinati argomenti siano vietati, sarà meno probabile che venga da te per ottenere risposte o aiuto
  • Chiedere aiuto. Non hai bisogno di farlo da solo: esistono sessuologi, psicologi dell’età evolutiva, terapisti.

È naturale sentirsi sopraffatti quando si pensa a come guidare il proprio bambino nell’educazione sessuale e nella sicurezza. Puoi farlo e ci sono strumenti là fuori per aiutarti. Ricorda, l’educazione sessuale non è un lusso per le persone autistiche; è una necessità.

 

Leggi anche: PAGINA SULLA SESSUALITA DI AUTISMOCOMEHOFATTO

 

Di  Rachel Schwartz, PhD, BCBA-DRiferimentiCouwenhoven, T. (2007). Insegnare ai bambini con sindrome di Down i loro corpi, i confini e la sessualità: una guida per genitori e professionisti . Bethesda: Woodbine House.Gerhardt, P., & Schulman, R. (2020, 4 agosto). Notizie ed eventi. Estratto l’11 agosto 2020 da https://researchautism.org/sexuality-education-is-a-necessity/Kelly, G., Crowley, C. & Hamilton, C. (2009). Diritti, sessualità e relazioni in Irlanda: “Sarebbe bello essere fidati”. British Journal of Learning Disabilities, 37 (4) 4, 308-315.Nienow, S. (nd). Sette passi per insegnare ai bambini l’autonomia corporea. Estratto il 6 agosto 2020 da https://www.rchsd.org/2019/12/seven-steps-to-teaching-children-body-autonomy/Schwartz, RJ e Robertson, RE (2019). Una rassegna della ricerca sull’educazione sessuale per adulti con disabilità intellettiva. Sviluppo della carriera e transizione per individui eccezionali , 42 (3), 148-157.Shapiro, J. (2018, 9 gennaio). Per alcuni con disabilità intellettive, porre fine agli abusi inizia con il sesso Ed. Estratto il 6 agosto 2020 da https://www.npr.org/2018/01/09/572929725/for-some-with-intellectual-disabilities-ending-abuse-starts-with-sex-edStein, S. (2010, 16 marzo). Benvenuto in Insegnare ai genitori che insegnano ai bambini. Estratto il 6 agosto 2020 da http://teachingparentsteachingkids.info/index.php?option=com_contentTravers, J (2018) Sexuality Education . Austin: Pro-Ed.

Dichiarazione di non responsabilità: qualsiasi somiglianza con persone reali, vive o morte, o eventi reali è puramente casuale.

Questo articolo è stato pubblicato nel numero 113 – Transitioning to Adulthood