Autismo. Come creare i comportamenti problema

Si sentono spesso insegnanti, genitori, operatori, ecc. affermare: “Il bambino sta diventando così aggressivo” oppure “Questi comportamenti sono venuti fuori dal nulla!”.
E’ come se, all’improvviso, da soli, per qualche ragione casuale, i comportamenti problematici si siano presentati o intensificati, magicamente.

Può succedere? Hmmmm, forse.

pexels-photo-3569879
Photo by Nicolette Attree on Pexels.com


* I comportamenti autolesionistici possono avere una causa medica sottostante e non rilevata.
* Un’interruzione della vita significativa (cambio di scuola, morte di un genitore, l’assenza di una figura importante) può portare a ciò che la maggior parte delle persone chiama comportamenti “di recitazione”, in un bambino che in precedenza non aveva avuto precedenti casi di aggressività.
* A volte comportamenti molto vecchi possono rinascere, per ragioni che non sono sempre chiare.

Tuttavia, dopo un’attenta analisi, una manipolazione sistematica dell’ambiente (controllo delle variabili), un accurato colloquio con il caregiver e un’osservazione diretta, il colpevole di questi scenari è spesso:  LA NOSTRA CREAZIONE del comportamento problema.
Per essere più specifici, qualcuno / qualche variabile ha creato uno scenario che rafforza i comportamenti problematici. Praticamente il 100% delle volte nessuno intendeva creare il comportamento problema, ma a prescindere, il comportamento problema ora è qui. Oramai si è creato.

Parlo molto nel mio blog su come intervenire sul comportamento problematico o su come ridurre l’intensità del comportamento problematico, ma ciò che molte persone devono sapere è “Che aspetto ha creare effettivamente un comportamento problematico?” (quindi uno può fare il contrario, ovviamente!).

  1. Mancanza di coerenza– Vuoi creare alcuni comportamenti problematici proprio? Il tuo primo passo deve essere l’incoerenza. Regole incoerenti, aspettative, conseguenze e ascolto di una regola dalla mamma e di una regola diversa da quella del papà, possono far aumentare rapidamente il comportamento problematico. Pensa alle conseguenze coerenti e ai comportamenti problematici come all’olio e l’acqua.
  1. Mancanza di “ricompensa/rinforzo” per i comportamenti appropriati- Concentriamoci sul comportamento problematico per un momento. Quando l’individuo NON fa capricci, sputa, butta cose o calcia, cosa succede?? Ricevono la stessa (o maggiore) attenzione degli adulti quando sono calmi? No? Quindi è per questo che il comportamento problematico sta andando alle stelle.
  1. Lo sforzo è troppo alto rispetto al rinforzo– Questo è un modo elegante di descrivere cosa devo fare per ottenere ciò che voglio. Laveresti la mia macchina per 10 euro? Può essere. Ma dubito che la laveresti per 0,10 centesimi. Un centesimo probabilmente non è abbastanza prezioso per fare il lavoro di lavare una macchina sporca. Dal punto di vista di tuo figlio / cliente, è ciò che stai offrendo loro come VALORE per ciò che stai chiedendo loro di fare?

    pexels-photo-783941
    Photo by mohamed Abdelgaffar on Pexels.com
  1. Le abilità di base vengono trascurate o ignorate– A volte ciò che sembra un comportamento problematico può effettivamente essere un deficit di abilità. Di che cosa sto parlando ?? Dell’acquisizione di abilità. Quando il tuo bambino / studente/ non ha la capacità di eseguire un’abilità, invece di dire “Non so come farlo, puoi aiutarmi?”, può avere molte più probabilità di rompere una matita, correre fuori dall’aula, mordere, ecc.
  1. Il trattamento non è basato sulla funzione, cos’è??- Non è possibile progettare il trattamento sulla base di opinioni, interventi non basati su prove, preferenze del terapeuta / insegnante, ecc. L’intervento basato sulle funzioni cerca di capire il “perché” alla base del comportamento problematico, e quindi fornisce allo studente / bambino un modo più appropriato per ottenere quel “perché” trovato.
  1. Aspetta, aspetta e aspetta per intervenire–   Ecco uno scenario:  David ha 3 anni. Odia andare al supermercato con i suoi genitori. Se lo portano, urlerà, si rifiuterà di sedersi nel carrello e si colpirà alla testa. Si va avanti veloce e David arriva all’età di 10 anni. Ora è più grande e più forte. Odia ancora andare al supermercato, ma ora odia anche andare al Bowling o al barbiere. Se un genitore lo porta comunque, si butta per terra e sbatte la testa contro il pavimento. Quindi cosa è successo? Il comportamento problema è cresciuto e si è ampliato nel tempo, poiché David ha imparato modi più efficaci per ottenere ciò che vuole (lasciare il negozio). È di vitale importanza intervenire tempestivamente ed efficacemente sui comportamenti problematici. Prima riesci ad affrontare le barriere dei comportamenti problematici, prima puoi insegnare nuove abilità e modi migliori di comunicare con gli altri, attraverso le impostazioni e a seconda delle singole età.

fonte: iloveaba  Tameika Meadows, BCBA
Annunci