Tutti i benefici dei probiotici nel trattamento dell’autismo

Etimologia e scoperta dei probiotici

Il concetto di probiotico (dal greco: “pro-bios” a favore della vita) nacque nel lontano 1908, quando il premio Nobel Elie Metchnikoff avanzò l’ipotesi che la longevità dei contadini bulgari fosse collegata all’elevato consumo di latte fermentato.

Quali sono i requisiti di un buon probiotico?

Affinché possa essere definito probiotico, un batterio deve possedere un certo numero di caratteristiche e proprietà specifiche, riassumibili nei seguenti punti:

  • dev’essere normalmente presente nel nostro intestino;
  • deve resistere all’azione digestiva di succo gastricoenzimi intestinali e sali biliari;
  • non deve dare reazioni immunitarie o altrimenti nocive;
  • dev’essere in grado di aderire alle cellule intestinali e colonizzarle;
  • deve avere un effetto benefico per la salute umana, grazie all’antagonismo nei confronti di microrganismi patogeni e alla produzione di sostanze antimicrobiche.

Dal momento che vengono in gran parte inattivati dai processi digestivi, i fermenti lattici contenuti negli yogurt commerciali, salvo diversa precisazione, non possono essere considerati a tutti gli effetti dei probiotici. (tratto da https://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/probiotici.html) Se volete continuare ad approfondire il concetto di probiotici potete cliccare QUI.

I migliori probiotici per l’autismo

Molti esperti di autismo sostengono che diversi tipi di alimenti e diete possono trattare efficacemente oppure aiutare bambini e adulti con disturbo dello spettro autistico. Alcuni ricercatori sull’autismo credono anche che esista un forte legame tra il funzionamento del cervello e l’intestino. Ma con l’enorme numero di alimenti e di diete raccomandate là fuori, come si può determinare cosa funziona meglio per i propri figli piccoli o adulti con autismo? In questo articolo, discutiamo le varie teorie, così come l’efficacia dei probiotici o dei cosiddetti “batteri amici”.

L’autismo e i problemi di stomaco sono una combinazione molto familiare nei bambini con autismo. Nel loro studio sull’autismo , i ricercatori guidati dal dott. Paul Ashwood dell’Università della California, l’Istituto di ricerca medica dei neurosviluppi dello sviluppo (MIND) di Davis hanno identificato prove che collegano l’autismo a cambiamenti nel cervello, stress gastrointestinale (GI), disfunzione immunitaria e gravi comportamenti ripetitivi . Secondo il Dr. Ashwood, hanno scoperto che i bambini con autismo hanno elevati livelli di cellule dendritiche, che sono considerati i “generali” del sistema immunitario. Ha affermato che le cellule dendritiche svolgono un ruolo chiave nella risposta immunitaria del corpo ai microrganismi, compresi i germi che causano malattie e i normali batteri digestivi.

Diversi scienziati, nel frattempo, hanno scoperto alcuni rari cambiamenti genetici o mutazioni legate all’autismo. Tuttavia, hanno anche trovato una combinazione complessa e diversa di rischio genetico e fattori ambientali  che influenzano lo sviluppo  precoce del cervello di un bambino e che aumentano ulteriormente il rischio di ritardi nello sviluppo o di autismo.

Tra le teorie più discusse figurano fattori di rischio ambientale, età avanzata sia del padre che della madre al momento del concepimento, peso alla nascita molto basso, malattia materna durante la gravidanza, prematurità estrema della nascita e difficoltà durante la nascita, in particolare i tempi in cui il cervello del bambino è privo di ossigeno.

Autismo, probiotici e salute digestiva

Sulla base di vari studi, le persone con autismo spesso hanno condizioni di salute digestive anormali come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). I bambini con autismo hanno anche riscontrato un numero elevato di batteri patogeni chiamati Clostridia, così come i batteri meno conosciuti chiamati Sutterrella. Numerosi studi hanno dimostrato che i microrganismi probiotici hanno effetti positivi sulla salute dell’apparato digerente di adulti e bambini. Questi microrganismi sani sono contenuti negli integratori di probiotici che possono essere usati per trattare l’autismo, incluso il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), in particolare nei bambini.

Il Dipartimento della Salute degli Stati Uniti (DOH) e il National Institute of Health (NIH) hanno affermato che la salute dell’intestino e l’autismo sono correlati. Secondo l’agenzia, lo sviluppo postnatale di un bambino dipende in gran parte dal microbioma o dall’equilibrio degli organismi nel suo tratto digestivo. Ogni bambino dovrebbe avere un intestino sano per sviluppare una corretta funzione immunitaria, regolare l’infiammazione e supportare uno sviluppo sano e corretto. Per avere un intestino sano, le migliaia di ceppi di batteri buoni dovrebbero vivere in equilibrio con i “batteri cattivi”. Nel caso in cui i batteri cattivi superino i batteri buoni nell’intestino, si verifica la condizione chiamata disbiosi. Un certo numero di ricercatori sull’autismo considerano la presenza di un intestino malato come uno dei fattori causali dell’autismo, incluso l’ADHD.

Uno studio del 2017 condotto da ricercatori del Centro Nisonger del Centro medico Wexner dell’Ohio State University ha anche mostrato che i bambini con autismo sembrano avere una bassa quantità di batteri Faecalibacteria sani nelle loro feci. Questo risultato è in qualche modo simile ai risultati di vari studi che mostrano un numero ridotto di microbi nell’intestino dei bambini autistici. Tuttavia, lo studio ha anche dimostrato che la quantità appropriata di batteri sani in individui con disturbi gastrointestinali e autismo potrebbe essere ripristinata consumando una miscela di batteri sani che potrebbe essere somministrata attraverso polvere mescolata con il cibo. I ricercatori hanno in programma di valutare l’efficacia dei probiotici nell’alleviare i sintomi gastrointestinali nei bambini autistici, così come la sua efficacia nel controllare l’ ansia dei bambini e l’ipersensibilità agli stimoli. 

La connessione autismo-intestino-cervello

Per anni gli scienziati hanno riconosciuto che molti disturbi e malattie sono influenzati dalla connessione intestinale. L’autismo è stato recentemente aggiunto a questa lista crescente di disturbi che sono pesantemente influenzati dal ciclo retroattivo intestino cervello.

Il mal di stomaco, insieme al nervosismo è un esempio del cervello che colpisce l’intestino, ma l’intestino lavora a sua volta per influenzare il cervello. Nei bambini con autismo, i ricercatori sospettano che uno squilibrio di batteri intestinali sani e malsani potrebbe contribuire ai sintomi dell’autismo.

Sindrome da intestino debole

Questo è anche considerato un fattore di rischio per i bambini con autismo che hanno difficoltà intestinali. Attualmente, quello che viene definito come permeabilità intestinale ha dei sintomi ben precisi: stitichezza, gonfiore, eccesso di gas, diarrea, carenze nutrizionali, allergie ed una esasperazione dei problemi comportamentali. 

La connessione intestino cervello, l’autismo e l’uso dei probiotici sono stati ulteriormente studiati presso l’Arizona State University Biodesign Institute. Lo studio ha mostrato un legame tra le sostanze chimiche prodotte dai batteri intestinali e il comportamento dei bambini con autismo. Nel loro studio, gli scienziati hanno esaminato i prodotti di scarto batterico nei campioni di feci dei bambini con autismo. Hanno trovato concentrazioni sostanzialmente diverse di sette dei 50 composti chimici identificati nei campioni. Secondo il coautore dello studio Dae-Wook Kang, la maggior parte dei batteri intestinali sono buoni in quanto aiutano nella digestione degli alimenti, nella produzione di vitamine e nella protezione contro i batteri nocivi. Tuttavia, se non distribuiti efficacemente, i batteri nocivi possono rilasciare metaboliti tossici o disturbare un equilibrio nei metaboliti che può colpire l’intestino e l’intero corpo, incluso il cervello. Questa teoria dei batteri intestinali autistici è ancora in fase di test, ma finora è risultata valida quando testata sui topi.

Nel frattempo, i ricercatori del Microbiome Center del Children’s Hospital di Houston, Texas, hanno identificato un legame tra il microbioma intestinale dei batteri intestinali, il disturbo del tratto gastrointestinale e i problemi comportamentali nei bambini con autismo. Una delle scoperte chiave è che i campioni di feci di bambini autistici contenevano quattro organismi che erano precedentemente associati all’autismo. Gli organismi sono i Sarcina ventriculi, Barnesiella intestihominis, Clostridium bartlettii e Clostridium bolteae. Un altro risultato notevole è la presenza del batterio Haemophilus parainfluenzae nelle feci di un bambino con autismo durante un periodo di tre giorni in cui il bambino ha sperimentato diarrea, dolore, e diversi comportamenti problema, compreso l’autolesionismo. I risultati dello studio sono stati presentati dal genetista microbico del centro, Ruth Ann Luna, al 2016 dell’International Meeting for Autism Research (IMFAR).

In che modo i probiotici e la dieta aiutano a trattare problemi digestivi come la sindrome dell’intestino irritabile

Una dieta corretta e il mantenimento della salute dell’intestino possono essere efficaci nel controllare sia i sintomi dell’autismo, sia la Sindrome dell’intestino irritabile, che è un disturbo digestivo che colpisce l’intestino crasso. Tra i sintomi comuni dell’intestino irritabile ci sono dolore addominale, crampi, stitichezza, diarrea e gonfiore.

L’intestino irritabile è principalmente causato dal cosiddetto riflesso gastrocolico, che informa al colon di essere pronto a digerire il cibo. Le persone con questo disturbo spesso attivano il loro riflesso gastrocolico troppo presto, creando così spasmi muscolari e dolore acuto. Per prevenire efficacemente questa condizione, gli individui con autismo dovrebbero consumare cibi facilmente digeribili in modo da non attivare il riflesso gastrocolico.

Questi alimenti sono anche considerati efficaci come trattamento per l’autismo. Inoltre, molte famiglie hanno scoperto che l’uso di un probiotico supplementare per il trattamento dell’autismo aiuta ad aumentare la flora intestinale sana e i sintomi dell’autismo possono a volte ridursi.

Cibo che dovrebbe essere evitato

Ecco alcuni cibi che dovrebbero essere consumati con moderazione o totalmente evitati da bambini e adulti con autismo e Sindrome dell’Intestino Irritabile:

Fibre insolubili

Le fibre insolubili sono fibre che sono molto più difficili da digerire rispetto alle fibre solubili, quindi si raccomanda che vengano consumate con moderazione in quanto sono ancora necessarie per mantenere la salute. Tra i cibi con fibre insolubili ci sono verdure verdi come spinaci, lattuga, cavoli e cavoli, alimenti contenenti grano integrale, crusca di frumento e cereali integrali, frutta come ananas, fagiolini, peperoni, cipolle, broccoli, cavolfiori e pomodori.

Grassi

Il grasso non è raccomandato per le persone con intestino irritabile perché rende il sistema digestivo troppo duro. Gli individui con questo disturbo che mangiano cibi grassi di solito soffrono di diarrea o stitichezza. Tra i cibi grassi ci sono cibi fritti, carne e latticini, condimenti per insalate, pasticcini, ciambelle e cornetti.

Prodotti gassosi

Prodotti gassosi come bibite dovrebbero essere evitati perché possono causare gonfiore e crampi. La coca cola, ad esempio, contiene anche molta caffeina che dovrebbe essere off limits.

Caffè e alcol

Il caffè e l’alcool dovrebbero essere evitati perché sono noti per essere stimolanti del tratto gastrointestinale. Il caffè, in particolare, contiene caffeina che stimola il colon.

Dolcificanti artificiali

I prodotti dolcificanti artificiali come il sorbitolo sono generalmente considerati dannosi per le persone con autismo e per quelli con l’intestino irritabile. Gli ingredienti utilizzati per fornire consistenza e stabilità a determinati prodotti come carragenina e gomma di guar sono anche noti per causare stress intestinale. Tra i prodotti con questi ingredienti ci sono prodotti caseari come il gelato.

Migliori ceppi probiotici per l’autismo

Poiché la maggior parte dei bambini con autismo soffre di problemi gastrointestinali e di qualche forma di intestino irritabile, si raccomanda loro di consumare cibi con fibre solubili per ridurre efficacemente i loro sintomi o trattarli completamente. Due dei ceppi probiotici più comunemente raccomandati per l’autismo e l’intestino irritabile sono il Lactobacillus e il Bifidobacterium.

Alimenti raccomandati come trattamento dell’intestino irritabile e autismo

Ecco alcuni alimenti suggeriti per bambini con autismo e disturbi gastrointestinali:

  • Patate, carote, patate dolci e patate dolci
  • Zucche, rape, barbabietole e zucche
  • Pasta
  • Fiocchi d’avena
  • Pane bianco come pane francese o pasta madre
  • Riso e cereali di riso
  • Banane, mango, papaia e salsa di mele
  • Erbe come menta piperita, camomilla e finocchio
  • Alimenti ricchi di probiotici come yogurt, kefir e verdure coltivate come il kimchi (piatto tradizionale coreano, fatto di verdure fermentate con spezie e frutti di mare salati)

Benefici dei cibi ricchi di probiotici per bambini con autismo

Gli alimenti probiotici per bambini con autismo sono importanti per garantire un buon assorbimento dei nutrienti, mantenere la salute dell’apparato digerente e sostenere il sistema immunitario del corpo. Oltre a queste funzioni, ci sono altri benefici per la salute che i probiotici offrono al corpo umano:

  • Efficace nel mantenere il peso ideale o come una dieta per ridurre il peso quando obesi.
  • Ottimo nel mantenere un sistema immunitario più forte.
  • Migliore digestione del cibo.
  • Migliora la produzione di vitamina B12 nel corpo, con conseguente aumento di energia.
  • Proteggi il corpo dal freddo e dall’influenza.
  • Prevenire l’alito cattivo in quanto i probiotici aiutano a eliminare o distruggere il lievito che causa il cattivo alito chiamato Candida.
  • Mantiene una pelle sana e giovane perchè i probiotici possono aiutare a prevenire malattie della pelle come l’eczema e la psoriasi.
  • Aiuta a prevenire e curare la sindrome dell’intestino permeabile (nei bambini con autismo, i sintomi dell’intestino permeabile possono presentarsi come regressione nell’usco corretto del bagno), dolori acuti allo stomaco e malattia infiammatoria intestinale.
  • Efficace nell’alleviare l’ansia e la depressione .
  • Può abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.
  • Può prevenire e curare le ulcere e le infezioni del tratto urinario.
  • Aiuta a migliorare la salute vaginale.

Svantaggi o effetti collaterali dei probiotici

Anche se possono essere considerati generalmente sicuri per il consumo da parte di individui sani, potrebbero esserci effetti collaterali dopo il consumo di probiotici (questi microrganismi vivi). Tra i presunti effetti collaterali ci sono gas mite e gonfiore. Si dice che alcune marche di probiotici causino una sovrastimolazione del sistema immunitario. Si dice anche che altre marche abbiano un effetto negativo sulle vie metaboliche del corpo come il metabolismo dei carboidrati.

Gli individui che sono immunocompromessi, gravemente malati e affetti da alcuni problemi intestinali sono invitati a chiedere consiglio ai loro medici prima di consumare probiotici. Si consiglia inoltre di avere cautela con i neonati, bambini piccoli e donne in gravidanza. Si consiglia di non somministrare probiotici ai neonati prematuri. Il consumo di probiotici da parte di alcuni tipi di pazienti come quelli con sangue nelle feci, pazienti sottoposti a cardiochirurgia e pazienti con disfunzione pancreatica dovrebbe essere autorizzato dai loro medici.

Conclusione:

A volte può essere difficile per le famiglie gestire la salute di un bambino in quanto l’autismo può essere molto complesso e ci sono più sintomi interconnessi. Tuttavia, i vari progressi nella ricerca medica che hanno portato alla scoperta di probiotici per l’autismo e una migliore conoscenza del funzionamento e dello scopo del microbioma nel corpo, tra gli altri, sono segni positivi verso un trattamento completo ed efficace. Queste nuove scoperte dovrebbero essere adottate per aiutare i bambini con autismo nella gestione dei sintomi più comuni e nel miglioramento della loro qualità di vita .

Trovare i migliori probiotici per un bambino con autismo può essere un processo di prova ed errori e gli integratori dovrebbero essere considerati alla pari di un farmaco. Per questi motivi, l’uso di un probiotico per il trattamento dell’autismo dovrebbe essere controllato sempre dal medico curante

 

 

 

 

 

fonte: autismparentingmagazine

 

 

 

Annunci