3 semplici modi per fare attività fisica

 

L’attività fisica è una parte importante della vita e del benessere di tutti. Gli esperti concordano sul fatto che i bambini sotto i 18 anni dovrebbero svolgere un minimo di 60 minuti di attività fisica ogni giorno. Gli adulti dovrebbero avere 30 minuti di attività fisica cinque giorni alla settimana. Studi recenti hanno rivelato, tuttavia, che le persone scelgono la televisione o un dispositivo elettronico invece di uscire e fare esercizio. Sfortunatamente, a volte può essere difficile per le persone con disturbo dello spettro autistico partecipare all’attività fisica. Come possiamo migliorare queste statistiche?
Con la diagnosi di disturbo dello spettro autistico arrivano varie barriere sociali e cognitive. Molte persone autistiche hanno difficoltà nelle situazioni sociali. Possono avere difficoltà a comunicare i propri bisogni o a comprendere le espressioni degli altri. Una gita in palestra, la partecipazione a sport di squadra o anche una passeggiata nel parco può essere un compito travolgente. Possono anche avere difficoltà a elaborare le istruzioni o a comprendere concetti astratti. L’atto di correre su un tapis roulant o partecipare a una lezione di esercizi di gruppo può facilmente sovraccaricare i sensi. Quindi, come possiamo aiutare a rimuovere queste barriere? Cosa possiamo fare per alleviare alcuni di questi ostacoli?

Sviluppa una familiarità

Il primo passo per facilitare una nuova attività è la familiarità. Tutto diventa più semplice quando sappiamo cosa aspettarci. Ad esempio, immagina di essere a scuola e il tuo insegnante entra e dice a tutti che c’è un test tra cinque minuti e che sei l’unico a sostenerlo. Non sai cosa copre il test, quanto dura e perché sei l’unico a sostenerlo. Saresti nervoso, ansioso o preoccupato? Saresti in grado di concentrarti nello studio per quei cinque minuti prima del test, senza sapere cosa dovresti studiare? Bene, la maggior parte delle persone nello spettro deve affrontare questo stesso scenario con quasi tutte le nuove attività nelle loro vite. Ora confronta il tuo processo di pensiero e le tue emozioni se sapessi esattamente quali argomenti avrebbe trattato il tuo test, e hai trascorso una notevole quantità di tempo a studiare giorni prima, quindi ti senti preparato. Ti sentiresti meno nervoso, ansioso o preoccupato? Probabilmente si!

Quindi, seguiamo questo stesso concetto quando introduciamo una nuova attività fisica ai nostri figli o alunni nello spettro. Se stai pianificando una semplice passeggiata nel quartiere o una visita al parco, pianificalo in anticipo. Parla con la persona coinvolta di quale percorso vuoi fare e quando lo vuoi fare.

Se si tratta di andare, ad esempio al parco, parla dei bambini che giocano lì e magari fai anche una breve passeggiata al parco. Indica tutte le cose fantastiche che potreste fare quei giorni. Se invece hai deciso di andare in palestra, fai prima un giro della struttura e indica le diverse attrezzature che potete utilizzare. Queste azioni aiutano a capire cosa aspettarsi quando è il momento di farle. Assicurati di includere le date esatte in cui prevedi di partecipare a queste attività. Inserisci i giorni accordati nel calendario visivo.

Fai un giro di prova

Il secondo passo per facilitare una nuova attività è la pratica. Fare una corsa di prova al parco o alla palestra aiuta le persone nello spettro a sentirsi a proprio agio con l’idea di fare qualcosa di nuovo. La tua corsa di pratica potrebbe limitarsi a girare attorno al parcheggio o una breve passeggiata nel parco giochi. L’obiettivo è quello di trovare risposte positive da parte di nostro figlio o alunno autistico. Potrebbe essere d’aiuto aggiungere commenti positivi mentre facciamo una corsa di prova. Ad esempio, mentre fai un giro al parco sottolinea tutto il divertimento e le cose fantastiche a cui i bambini possono partecipare. Prenditi del ​​tempo per sederti su un’altalena e dimostra quanto può essere divertente. Le prime visite alla tua nuova attività dovrebbero essere piene di esperienze e commenti positivi.

Fai un piccolo discorso prima di percorrere la passeggiata

Le conversazioni possono fare molto. Quando possibile, parla della tua prossima uscita e escogita un piano insieme. Se la tua visita è alla palestra parla prima, durante e dopo di quello che farete. Discuti delle cose che vedi e di quanto sei entusiasta di farle. Cosa hai intenzione di indossare? La conversazione può creare eccitazione con i commenti e l’approccio giusti. Oltre a creare eccitazione, queste conversazioni possono anche aiutare a sviluppare un piano e una struttura per la tua visita. 

Tutti gli individui dello spettro rispondono in modo diverso a queste strategie. Preparati a ripetere ogni passaggio più di una volta quando necessario. Prenditi il ​​tuo tempo per introdurre un nuovo evento o attività per aumentare il successo. Rimani positivo e di supporto durante questo processo. Ci vuole tempo per implementare nuovi rituali ed eventi nella routine quotidiana di qualcuno, ma ne vale la pena.

La mia esperienza con Ares

Io ho adottato esattamente queste stessi principi per far sì che Ares pratichi attività fisica. Ne ho parlato in QUESTO articolo e anche in QUESTO.

In casa ho il tapis roulant (a breve anche una piccola palestra) e quindi tutti i giorni, prima della merenda (che a quel punto diventa il premio), Ares fa 20 minuti di esercizi, sul tapis roulant oppure sulla cyclette. In principio erano 5 minuti, che poi sono diventati 10, poi 15 e così via fino a 20′.

Ho anche introdotto, dopo la fine della scuola dell’obbligo, le passeggiate visive, per sancire il concetto di passeggiata senza uno specifico scopo. Questo perché se Ares passeggiava prima, voleva farlo con l’obiettivo di prendere un gelato, una pizza e non per il piacere di passeggiare. Ora invece, con l’introduzione delle passeggiate visive, Ares ha trovato il piacere di camminare. L’importante è sempre dirgli prima dove si va, qual è il percorso e quando finisce la camminata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di  Alfred Chavira autismparentingmagazine