Gestione della sessualità negli autistici ad alto funzionamento

Comportamento ipersessuale e parafilico negli autistici ad alto funzionamento

Esattamente come i neuro tipici, gli individui con disturbi dello spettro autistico mostrano l’intera gamma di comportamenti sessuali. Tuttavia, a causa dei sintomi principali del disturbo, inclusi deficit nelle abilità sociali, ipo e ipersensibilità sensoriali e comportamenti ripetitivi, alcuni individui autistici potrebbero sviluppare comportamenti e interessi sessuali quantitativamente superiori alla media oppure non normativi.

Gli individui autistici sembrano avere più fantasie e comportamenti ipersessuali e parafilici di quanto suggeriscano gli studi sulla popolazione generale. Però, questa incoerenza è principalmente guidata dalle osservazioni dei maschi autistici Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le donne autistiche sono solitamente più socialmente adattate e mostrano meno sintomatologia autistica.

Molti studi suggeriscono che gli individui autistici cercano relazioni sessuali e romantiche simili alla popolazione normo tipica  ,  e hanno l’intero spettro di esperienze e comportamenti sessuali.  –  Tuttavia, ci sono ancora molti stereotipi e credenze sociali sugli individui autistici, che si riferiscono a loro come non interessati alle relazioni sociali e romantiche e come asessuali.  ,  , 

La maggior parte della ricerca finora esistente si è concentrata sugli uomini e pochi studi hanno affrontato questioni specifiche di genere riguardanti i domini sociali, emotivi e cognitivi, e ancora meno studi esistono che esaminano la sessualità in modo indipendente in uomini e donne autistiche.  ,  ,  ,  Le poche osservazioni cliniche  e il piccolo insieme di studi sistematici indicano che le donne autistiche potrebbero presentare deficit sociali e comunicativi meno pronunciati e avere interessi speciali più compatibili con gli interessi dei loro gruppi di pari.  – Inoltre, le donne autistiche sembrano applicare strategie di coping, come imitare le abilità sociali dei loro coetanei normo tipici, risultando quindi socialmente più discrete. Per quanto riguarda i problemi legati alla sessualità, le donne autistiche sembrano avere livelli più scarsi di funzionamento sessuale complessivo, si sentono meno bene nelle relazioni sessuali rispetto agli uomini autistici e sono anche a maggior rischio di diventare vittime di aggressioni o abusi sessuali.

E’ stato riscontrato che i maschi autistici si impegnano maggiormente in attività sessuali solitarie,  –  ,  ,  e hanno un maggiore desiderio di relazioni sessuali e romantiche ; tuttavia, ci sono alcune prove che le donne autistiche, nonostante abbiano un desiderio sessuale inferiore, si impegnano più spesso in relazioni diadiche.

Sebbene gli individui autistici cerchino esperienze e relazioni sessuali, lo sviluppo e il mantenimento delle relazioni romantiche e sessuali sono fortemente influenzati dai deficit nelle capacità sociali e comunicative e dalle difficoltà nel comprendere i segnali di interazione non verbali o sottili e con la mentalizzazione (che significa essere in grado di comprendere i propri e stati mentali altrui, ad esempio, le emozioni, i desideri, le cognizioni vissute da tali individui. Inoltre, molti individui autistici non ricevono un’educazione sessuale che prenda le loro peculiarità comportamentali in considerazione, e hanno meno probabilità di ottenere informazioni sulla sessualità dalle fonti sociali.

Un altro punto da considerare sono gli interessi ristretti e ripetitivi, che possono essere non sessuali nell’infanzia, ma che possono trasformarsi in comportamenti sessualizzati e sessuali nell’età adulta. Inoltre, le sensibilità sensoriali frequentemente riportate possono portare a una reazione eccessiva o insufficiente agli stimoli sensoriali nel contesto dell’esperienza sessuale. Negli individui ipersensibili, i tocchi fisici morbidi possono essere vissuti come spiacevoli; d’altro canto, gli individui iposensibili possono avere problemi a eccitarsi e a raggiungere l’orgasmo attraverso comportamenti sessuali. Presi insieme, i sintomi principali dell’autismo combinati con una conoscenza sessuale limitata e una minore facilità ad avere esperienze romantiche e sessuali potrebbero predisporre alcuni individui autistici a sviluppare comportamenti sessuali impegnativi o problematici,  ,  come comportamenti ipersessuali e parafilici.

Per la proposta undicesima edizione dell’International Classification of Diseases (ICD-11), si sta prendendo in considerazione la seguente definizione per la diagnosi del disturbo del comportamento sessuale compulsivo  :

Il disturbo del comportamento sessuale compulsivo è caratterizzato da impulsi sessuali persistenti e ripetitivi che sono vissuti come irresistibili o incontrollabili, che portano a comportamenti sessuali ripetitivi, insieme a indicatori aggiuntivi come le attività sessuali che diventano un fulcro centrale della vita della persona al punto da trascurare la salute e cura personale o altre attività, sforzi infruttuosi per controllare o ridurre i comportamenti sessuali o continuare a impegnarsi in comportamenti sessuali ripetitivi nonostante le conseguenze avverse (ad esempio, interruzione della relazione, conseguenze sul lavoro, impatto negativo sulla salute). L’individuo sperimenta un aumento della tensione o dell’eccitazione affettiva immediatamente prima dell’attività sessuale e dopo il sollievo o la dissipazione della tensione.

Per quanto riguarda le parafilie, il DSM-5 distingue ora tra parafilie e disturbi parafilici, mirando così a una destigmatizzazione di interessi e comportamenti sessuali non normativi che non arrechino disagio o menomazione all’individuo o danno agli altri.  Nel DSM-5, le parafilie sono definite come “qualsiasi interesse sessuale intenso e persistente diverso dall’interesse sessuale nella stimolazione genitale o nell’accarezzamento preparatorio con partner umani fenotipicamente normali, fisicamente maturi, consenzienti” (vedi riquadro 1 per un elenco di disturbi parafilici inclusi nel DSM-5).  Sebbene i criteri proposti per i disturbi parafilici nell’ICD-11 assomiglino a quelli del DSM-5, una delle principali differenze tra questi due manuali diagnostici è la rimozione dei disturbi parafilici diagnosticati principalmente sulla base di comportamenti consenzienti che non sono di per sé associati a disagio o compromissione funzionale. Ciò ha portato all’esclusione dall’ICD-11 di feticismo, masochismo sessuale e disturbo travestito,  ,  comportamenti che sono stati segnalati in individui autistici.

Alcuni dei disturbi parafilici inclusi negli attuali manuali diagnostici sono:

Disordine esibizionistico

• Eccitazione sessuale attraverso l’esposizione dei propri genitali o organi sessuali a una persona non consenziente.

Disturbo feticistico*

• Eccitazione sessuale attraverso il gioco con oggetti non viventi.

Disturbo frotteuristico

• Eccitazione sessuale attraverso lo sfregamento dei propri organi sessuali contro una persona non consenziente.

Disturbo da masochismo sessuale*

• Eccitazione sessuale legata, picchiata o fatta subire in altro modo dolore fisico o umiliazione.

Disturbo da sadismo sessuale

• Eccitazione sessuale infliggendo sofferenza o dolore psicologici o fisici a un partner sessuale.

Disturbo da travestimento*

• Eccitazione sessuale attraverso il vestirsi e l’agire in uno stile o in un modo tradizionalmente associato al sesso opposto.

Disturbo voyeuristico

• Eccitazione sessuale dal guardare gli altri quando sono nudi o impegnati in attività sessuali.

Disturbo pedofilico

• Attrazione sessuale primaria o esclusiva per i bambini in età prepuberale.

*Condizioni riflesse che si basano su comportamenti consenzienti e di solito non coinvolgono altri non consenzienti e non sono di per sé associate a disagio o compromissione funzionale. Il gruppo di lavoro sulla classificazione dei disturbi sessuali e sulla salute sessuale ha proposto di rimuovere queste condizioni dall’ICD-11.

Finora, solo pochi studi hanno valutato i comportamenti ipersessuali o parafilici in individui autistici, e la maggior parte di loro sono segnalazioni di casi di individui autistici che mostrano masturbazione eccessiva, comportamenti esibizionistici, fantasie pedofile, fantasie feticistiche, comportamenti di sadomasochismo, o altre forme di parafilie. Tuttavia, a nostra conoscenza, tutti gli studi precedenti sui comportamenti ipersessuali e parafilici sono stati condotti in maschi e nella maggior parte dei casi con individui autistici con deficit cognitivo.

Cosa possiamo fare noi genitori

Come abbiamo letto fin qui, gli adolescenti autistici si sviluppano sessualmente allo stesso modo degli altri adolescenti, ma potrebbero aver bisogno di ulteriore aiuto per sviluppare le abilità sociali e la comprensione che accompagnano lo sviluppo sessuale.

Tuo figlio sarà più o meno interessato al sesso e alla sessualità, proprio come gli altri bambini della stessa età. Anche tuo figlio può sviluppare relazioni romantiche, che potrebbero o meno essere sessuali.

Alcuni adolescenti sono attratti sessualmente da persone del sesso opposto, alcuni sono attratti da persone dello stesso sesso e alcuni sono bisessuali.

L’attrazione sessuale e l’identità sessuale non sono la stessa cosa. I giovani attratti dallo stesso sesso potrebbero o meno identificarsi come gay, lesbiche o bisessuali. Potrebbero identificarsi come eterosessuali.

La sessualità di tuo figlio potrebbe essere diversa dalla tua o dalle tue aspettative. Ma se riesci ad accettare la sessualità di tuo figlio, hai guadagnato tanto nel percorso per il suo sviluppo sano e per il tuo rapporto con tuo figlio.

Sentimenti sessuali e adolescenti autistici

Molti adolescenti autistici possono avere difficoltà a comprendere i sentimenti sessuali, in se stessi e negli altri.

Puoi sviluppare la comprensione di tuo figlio aiutandolo a scomporre i sentimenti sessuali in pensieri, sensazioni corporee e comportamento. Ad esempio, se tuo figlio è attratto sessualmente da qualcuno, potrebbe avere:

  • pensieri: pensare molto alla persona
  • sensazioni corporee –  sensazione di formicolio allo stomaco o erezioni quando è vicino alla persona
  • comportamento: cerca di trovare modi per stare vicino alla persona.

Potresti usare storie sociali supporti visivi per parlare con tuo figlio dei sentimenti sessuali.

Può anche essere difficile per gli adolescenti autistici esprimere sentimenti sessuali. Se tuo figlio trova difficile questo aspetto, potrebbe essere più propenso a fare cose inappropriate o rischiose o ad entrare in relazioni malsane. Queste idee possono aiutare:

  • Pratica le interazioni sociali con tuo figlio usando il gioco di ruolo. Ad esempio, potresti fare un gioco di ruolo parlando con qualcuno al parco o a una festa o chiedendo a qualcuno di andare al cinema. Puoi anche simulare cosa fare se la persona risponde “sì” o “no” alla richiesta di andare al cinema.
  • Stabilisci alcune regole chiare su come invitare qualcuno a un appuntamento. Ad esempio, ‘Puoi chiedere a qualcuno di uscire una volta. Se dice che non è libero, puoi chiederglielo un’altra volta. Se ti dice di nuovo di no, anche se ti offre una scusa, non dovresti chiedere di nuovo.
  • Stabilisci dei limiti sul comportamento appropriato. Ad esempio, inseguire qualcuno in giro o contattarlo spesso online non va bene.

L’orientamento sessuale di una persona ha a che fare con l’attrazione romantica o sessuale. È diverso dalla loro identità di genere, che è il senso che una persona ha di chi è: maschio, femmina, entrambi o nessuno dei due.

Relazioni sessuali e salute sessuale per adolescenti autistici

Quando tuo figlio autistico attraversa la pubertà e impara a conoscere i sentimenti sessuali, dovrai parlare con lui delle relazioni sessuali.

È importante che tuo figlio sappia che i rapporti sessuali sono una parte normale della vita, ma tuo figlio non deve avere rapporti sessuali se non lo desidera. Non deve fare sesso per essere popolare o perché i suoi coetanei dicono che dovrebbe.

Tuo figlio ha anche bisogno di conoscere i segnali sessuali di altre persone. Quando tuo figlio sa come interpretare i segnali sessuali di altre persone, può aumentare la sua fiducia, proteggersi ed evitare di danneggiare gli altri involontariamente.

Spiegare i segnali sessuali può aiutare. Ad esempio, “Qualcuno potrebbe essere interessato a fare sesso se ti ha baciato o ti ha toccato e poi ti ha invitato nella sua camera da letto. Se vuoi fare sesso con questa persona, devi chiedere sempre il suo consenso. Non devi fare nulla che l’altra persona non voglia fare.

E se tuo figlio è sessualmente attivo, questi passaggi essenziali possono proteggere la sua salute sessuale:

  • Preservativi: assicurati che tuo figlio sappia come usare il preservativo per proteggersi dalla gravidanza e dalle infezioni sessualmente trasmissibili. Puoi utilizzare supporti visivi per mostrare a tuo figlio come indossare il preservativo. Esercitarsi su un oggetto di forma adeguata può aiutare tuo figlio a imparare a farlo correttamente.
  • Clamidia: è importante che tuo figlio venga testato per questa condizione. Di solito è asintomatico ed è molto comune nei giovani di entrambi i sessi.
  • Genitali: assicurati che tuo figlio sappia come pulire i propri genitali, cercare assistenza medica e parlare con assistenti o professionisti di fiducia se ha bisogno di aiuto.

Tu e tuo figlio potete ottenere consigli sulla sessualità e sulla salute sessuale dal medico di famiglia, ad esempio. Puoi anche dire a tuo figlio che può chiederti qualsiasi cosa. Ma se pensi che tuo figlio possa sentirsi più a suo agio parlandone con qualcun altro, anche un fratello, un amico o un altro membro della famiglia potrebbe essere un’opzione.

Consenso e sicurezza per adolescenti autistici

In ogni situazione sessuale intima, le cose più importanti per tuo figlio sono il consenso e la sicurezza :

  • Consenso significa che tuo figlio ha bisogno di sentirsi a posto per qualsiasi tipo di attività sessuale. Anche l’altra persona deve essere d’accordo.
  • Tuo figlio ha  il diritto di dire “no” . Tutti i giovani hanno il diritto di controllare ciò che accade ai loro corpi e tuo figlio non dovrebbe mai sentirsi costretto a fare qualcosa che non gli sembra giusto.
  • Sicurezza significa che l’esperienza è rispettosa e non violenta.

Proteggere gli adolescenti autistici dagli abusi sessuali: tocco buono e tocco cattivo

Le persone autistiche possono essere vulnerabili agli abusi sessuali perché non sempre riconoscono quando qualcosa non va. Quindi potresti dover insegnare esplicitamente a tuo figlio la differenza tra tocco buono e tocco cattivo.

Ad esempio, il buon tocco è qualcosa che amici e familiari potrebbero fare per dimostrare che si prendono cura l’uno dell’altro. Questi tocchi potrebbero includere una stretta di mano per salutare, un abbraccio o un bacio. Un brutto tocco è qualcosa che ti fa sentire sbagliato o a disagio, come un estraneo che ti chiede un bacio.

Potrebbe anche essere necessario spiegare che un tocco potrebbe essere un tocco positivo per una persona, ma lo stesso tocco potrebbe essere un tocco negativo per qualcun altro. Ad esempio, a una persona potrebbe piacere il solletico (è un bel tocco), mentre a qualcun altro potrebbe non piacere il solletico (è un brutto tocco). Oppure va bene salutare un caro amico o un familiare se li vedi per strada, ma non va bene baciare uno sconosciuto.

I supporti visivi che mostrano un tocco appropriato e inappropriato possono aiutare. Anche le storie sociali potrebbero essere utili.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riferimenti:
ncbi.nlm.nih.
raisingchildren
1. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. ° ed. Washington, DC: Associazione Psichiatrica Americana; . 1994  ]
2. Weintraub K. Il puzzle della prevalenza: l’autismo conta. Natura. 2011; 479 (7371): 22-24. [ PubMed ]  ]
3. Loomes R., Hull L., Mandy WPL. Qual è il rapporto maschi-femmine nel disturbo dello spettro autistico? Una revisione sistematica e una meta-analisi. J Am Acad Psichiatria infantile adolescenziale. 2017; 56 (6):466–474. [ PubMed ]  ]
4. Halladay AK., Bishop S., Constantino JN., et al. Differenze di genere e di genere nel disturbo dello spettro autistico: riassumere le lacune nelle prove e identificare le aree di priorità emergenti. Autismo di Mol. 2015; 6 :1–5. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
5. Stokes MA., Kaur A. Autismo e sessualità ad alto funzionamento: una prospettiva genitoriale. Autismo. 2005; 9 (3):266-289. [ PubMed ]  ]
6. Howlin P., Mawhood L., Rutter M. Autismo e disturbo del linguaggio ricettivo dello sviluppo: un confronto di follow-up nella prima età adulta. II: Esiti sociali, comportamentali e psichiatrici. J Child Psychol Psichiatria. 2000; 41 (5): 561-578. [ PubMed ]  ]
7. Seltzer MM., Krauss MW., Shattuck PT., Orsmond G., Swe A., Lord C. I sintomi dei disturbi dello spettro autistico nell’adolescenza e nell’età adulta. J Autismo Dev Disord. 2003; 33 (6): 565-581. [ PubMed ]  ]
8. Van Bourgondien ME., Reichle NC., Palmer A. Comportamento sessuale negli adulti con autismo. J Autismo Dev Disord. 1997; 27 (2):113-125. [ PubMed ]  ]
9. Rublo LA., Dalrymple NJ. Consapevolezza sociale/sessuale delle persone con autismo: una prospettiva genitoriale. Arch Sex Behav. 1993; 22 (3): 229-240. [ PubMed ]  ]
10. Costanza MM., Lunsky YJ. Conoscenza sociosessuale, esperienza, atteggiamenti e interessi di individui con disturbo autistico e ritardo dello sviluppo. J Autismo Dev Disord. 1997; 27 (4):397-413. [ PubMed ]  ]
11. Ousley OY., Mesibov GB. Atteggiamenti e conoscenze sessuali di adolescenti e adulti con autismo ad alto funzionamento. J Autismo Dev Disord. 1991; 21 (4):471–481. [ PubMed ]  ]
12. Byers ES., Nichols S., Voyer SD. Stereotipi di sfida: funzionamento sessuale di adulti single con disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento. J Autismo Dev Disord. 2013; 43 :2617-2627. [ PubMed ]  ]
13. Byers ES., Nichols S., Voyer SD., Reilly G. Benessere sessuale di un campione comunitario di adulti ad alto funzionamento nello spettro autistico che hanno avuto una relazione romantica. Autismo. 2013; 17 (4):418–433. [ PubMed ]  ]
14. Haracorps D., Pedersen L. Sessualità e autismo: rapporto danese. Disponibile su: http://www.autismuk.com/autisrn/sexuality-and-autism/sexuality-andautism-danish-report/. Pubblicato nel maggio 1992. Copenhagen, Danimarca.  ]
15. Dewinter J., Vermeiren R., Vanwesenbeeck I., Lobbestael J., Van Nieuwenhuizen C. Sessualità nei ragazzi adolescenti con disturbo dello spettro autistico: comportamenti e atteggiamenti auto-riportati. J Autismo Dev Disord. 2014; 45 (3): 731–741. [ PubMed ]  ]
16. Dewinter J., Vermeiren R., Vanwesenbeeck I., Van Nieuwenhuizen C. Ragazzi adolescenti con disturbo dello spettro autistico che crescono: follow-up dell’esperienza sessuale auto-riferita. Eur Psichiatria infantile e adolescenziale. 2016; 25 (9):969-978. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
17. Dewinter J., Vermeiren R., Vanwesenbeeck I., Van Nieuwenhuizen C. Consapevolezza dei genitori dell’esperienza sessuale nei ragazzi adolescenti con disturbo dello spettro autistico. J Autismo Dev Disord. 2015; 46 (2):713-719. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
18. Dewinter J., Vermeiren R., Vanwesenbeeck I., van Nieuwenhuizen C. Autismo e sviluppo sessuale normativo: una revisione narrativa. J Clin infermieri. 2013; 22 (23-24): 3467–3483. [ PubMed ]  ]
19. Koller R. Sessualità e adolescenti con autismo. Disabilità sessuale. 2000; 18 (2): 125-135.  ]
20. Henault I. Sindrome di Asperger e sessualità. Dall’adolescenza all’età adulta. Londra, Regno Unito e Filadelfia, PA: Jessica Kingsley Publishers. 2006  ]
21. Bejerot S., Eriksson JM. Sessualità e ruolo di genere nel disturbo dello spettro autistico: uno studio caso-controllo. PLoS One. 2014; 9 (1):e87961. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
22. Brown-Lavoie SM., Viecili MA., Weiss JA. Conoscenza sessuale e vittimizzazione negli adulti con disturbi dello spettro autistico. J Autismo Dev Disord. 2014; 44 (9):2185-2196. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
23. Byers ES., Nichols S. Soddisfazione sessuale di adulti ad alto funzionamento con disturbo dello spettro autistico. Disabilità sessuale. 2014; 32 (3):365-382.  ]
24. Cottenceau H., Roux S., Blanc R., Lenoir P., Bonnet-Brilhault F., Barthelemy C. Qualità della vita degli adolescenti con disturbi dello spettro autistico: confronto con adolescenti con diabete. Eur Psichiatria infantile e adolescenziale. 2012; 21 (5):289-296. [ PubMed ]  ]
25. Dekker LP., et al. Funzionamento psicosessuale di adolescenti cognitivamente capaci con disturbo dello spettro autistico rispetto ai coetanei con sviluppo tipico: lo sviluppo e il test dell’inventario della transizione adolescenziale – un questionario sul rapporto di sé e dei genitori sul funzionamento psicosessuale. J Autismo Dev Disord. 2017; 47 (6):1716–1738. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
26. Dewinter J., Vermeiren R., Vanwesenbeeck I., Van Nieuwenhuizen C. Ragazzi adolescenti con disturbo dello spettro autistico in crescita: follow-up dell’esperienza sessuale auto-riferita. Eur Psichiatria infantile e adolescenziale. 2016; 25 (9):969-978. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
27. Gilmour L., Schalomon PM., Smith V. La sessualità in un campione di adulti con disturbo dello spettro autistico basato sulla comunità. Res Autism Spectr Disord. 2012; 6 (1):313-318.  ]
28. Hannah LA., Stagg SD. Esperienze di educazione sessuale e consapevolezza sessuale in giovani adulti con disturbo dello spettro autistico. J Autismo Dev Disord. 2016; 46 :3678-3687. [ PubMed ]  ]
29. May T., Pang KC., Williams K. Breve rapporto: attrazione sessuale e relazioni negli adolescenti con autismo. J Autismo Dev Disord. 2017; 47 (6): 1910-1916. [ PubMed ]  ]
30. Mehzabin P., Stokes MA. Sessualità autovalutata in giovani adulti con autismo ad alto funzionamento. Res Autism Spectr Disord. 201 1; 5 (1):614–621.  ]
31. Strunz S., Schermuck C., Ballerstein S., Ahlers CJ., Dziobek I., Roepke S. Relazioni romantiche e soddisfazione relazionale tra adulti con sindrome di Asperger e autismo ad alto funzionamento. J Clin Psychol. 2017; 73 (1):113-125. [ PubMed ]  ]
32. Nichols S. Sessualità sana per le ragazze con ASD. In: Nichols S, Moravcik GM, Tetenbaum P, eds. Ragazze che crescono nello spettro dell’autismo: cosa dovrebbero sapere i genitori e i professionisti sugli anni pre-adolescenziali e adolescenziali. Londra, Regno Unito Filadelfia, PA: Jessica Kingsley Publishers; 2009:204-254.  ]
33. Lai M., Lombardo MV., Pasco G., et al. Un confronto comportamentale di adulti maschi e femmine con condizioni dello spettro autistico ad alto funzionamento. PLoS One. 2011; 6 (6):e20835. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
34. Capo AM., McGillivray JA., Stokes MA. Differenze di genere nell’emotività e nella socialità nei bambini con disturbi dello spettro autistico. Autismo di Mol. 2014; 5 (1):19. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
35. Mandy W., Chilvers R., Chowdhury U., Salter G., Seigal A., Skuse D. Differenze sessuali nel disturbo dello spettro autistico: prove da un ampio campione di bambini e adolescenti. J Autismo Dev Disord. 2012; 42 (7):1304–1313. [ PubMed ]  ]
36. Van Wijngaarden-Cremers PJM., van Eeten E., Groen WB., van Deurzen PA., Oosterling IJ., van der Gaag R. Differenze di genere ed età nella triade principale delle menomazioni nei disturbi dello spettro autistico: una revisione sistematica e meta-analisi. J Autismo Dev Disord. 2014; 44 (3):627–635. [ PubMed ]  ]
37. Pecora LA., Mesibov GB., Stokes MA. La sessualità nell’autismo ad alto funzionamento: una revisione sistematica e una meta-analisi. J Autismo Dev Disord. 2016; 46 (11):3519–3556. [ PubMed ]  ]
38. Stokes M., Newton N., Kaur A. Stalking e funzionamento sociale e romantico tra adolescenti e adulti con disturbo dello spettro autistico. J Autismo Dev Disord. 2007; 37 (10):1969–1986. [ PubMed ]  ]
39. Sindrome di Aston M. Asperger in camera da letto. Rapporto sessuale Ther. 2012; 27 (1): 73-79.  ]
40. Kafka parlamentare. Disturbo ipersessuale: una diagnosi proposta per il DSM-V. Arch Sex Behav. 2010; 39 (2):377-400. [ PubMed ]  ]
41. Krueger R. La diagnosi di comportamento sessuale ipersessuale o compulsivo può essere effettuata utilizzando ICD-10 e DSM-5 nonostante il rifiuto di questa diagnosi da parte dell’American Psychiatric Association. Dipendenza. 2016; 111 (12):2110–2111. [ PubMed ]  ]
42. Turner D., Schöttle D., Bradford J., Briken P. Metodi di valutazione e gestione dell’ipersessualità e dei disturbi parafilici. Curr Opin Psichiatria. 2014; 27 (6):413-422. [ PubMed ]  ]
43. Reid RC., Carpenter BN., Hook JN., et al. Rapporto dei risultati in una sperimentazione sul campo del DSM-5 per il disturbo ipersessuale. J Sex Med. 2012; 9 (11):2868–2877. [ PubMed ]  ]
44. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. ° ed. Washington, DC: Associazione Psichiatrica Americana; 2013  ]
45. Reed GM., Drescher J., Krueger RB., et al. Disturbi legati alla sessualità e all’identità di genere nell’ICD-11: revisione della classificazione ICD-10 sulla base delle attuali prove scientifiche, delle migliori pratiche cliniche e delle considerazioni sui diritti umani. Psichiatria mondiale. 2016; 15 (3):205-221. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
46. Hergüner S., Herguner A., ​​Cicek E. Combinazione di risperidone e paroxetina per comportamenti sessuali inappropriati in un adolescente con autismo e ritardo mentale. Neuropsichiatria dell’arco. 2012; 49 :311-313.  ]
47. Shahani L. Uso del litio per le ossessioni sessuali nel disturbo di Asperger. J Neuropsichiatria Clin Neurosci. 2012; 24 (4): E17. [ PubMed ]  ]
48. Nguyen M., Murphy T. Mirtazapine per la masturbazione eccessiva in un adolescente con autismo. J Am Acad Psichiatria infantile adolescenziale. 2001; 40 (8):868-869. [ PubMed ]  ]
49. Deepmala D., Agrawal M. Uso del propranololo per il comportamento ipersessuale in un adolescente con autismo. Ann Farmacother. 2014; 48 (10):1385–1388. [ PubMed ]  ]
50. Müller JL. Il sadomasochismo e l’ipersessualità nell’autismo sono legati alla lesione dell’amigdaloippocampo? J Sex Med. 2011; 8 (11):3241–3249. [ PubMed ]  ]