Ritardo nel linguaggio vs autismo: la differenza

Hai notato che tuo figlio non parla fluentemente come gli altri ragazzi della sua età. Forse non ha nemmeno detto le prime parole. Questo ritardo nello sviluppo del linguaggio potrebbe essere un segno di disturbo dello spettro autistico? Non necessariamente.

Mentre i ritardi nel linguaggio e le differenze di apprendimento sono spesso un segno distintivo di autismo, un ritardo del linguaggio di per sé non significa che un bambino sia autistico. In effetti, ci sono differenze fondamentali tra i ritardi di comunicazione causati dall’autismo e altri tipi di disturbi del linguaggio.

Educare te stesso sui modelli di sviluppo del linguaggio, monitorare e identificare eventuali anomalie e cercare un aiuto professionale dal tuo pediatra o logopedista può aiutarti a tenerti informato in modo da poter prendere le decisioni terapeutiche più appropriate. Cominciamo con le basi.

Che cosa è considerato un ritardo nel parlare o nel linguaggio?

I ritardi nel linguaggio sono comuni tra i bambini piccoli. Un bambino può avere un ritardo nel linguaggio se non raggiunge le tappe dello sviluppo appropriate tipiche della sua età. Sebbene i ritardi del linguaggio siano spesso confusi e usati in modo intercambiabile, esistono caratteristiche distintive.

Il discorso si riferisce a come i bambini esprimono, articolano e manipolano i suoni usati nelle parole. Ad esempio, una cattiva pronuncia di suoni difficili come / s / e / z / può rendere difficile la loro comprensione. I ritardi nel linguaggio possono essere di natura evolutiva, il che significa che tuo figlio segue schemi tipici del linguaggio ma a un ritmo più lento rispetto ai suoi coetanei. Possono anche essere dovuti a un disturbo del linguaggio motorio (es: aprassia del linguaggio ) che impedisce la loro capacità di coordinare le labbra, la mascella e la lingua per produrre suoni accurati.

Un ritardo nel linguaggio non influisce necessariamente sul “come” i bambini dicono le cose, ma sul “cosa” dicono. Questo è indicato come un disturbo del linguaggio espressivo. Questi bambini possono essere in grado di pronunciare perfettamente suoni e parole, ma hanno difficoltà a trasformarli in frasi coerenti per comunicare le loro idee. Inoltre, un ritardo del linguaggio ricettivo può influenzare il modo in cui i bambini elaborano le informazioni. Spesso hanno difficoltà a comprendere ciò che le persone cercano di dire, ad apprendere nuovi vocaboli e a ricavare un significato dalla comunicazione verbale e scritta.

In che modo i ritardi nel linguaggio differiscono dall’autismo?

Lo sviluppo tipico dell’infanzia, anche prima che le prime parole di un bambino siano pronunciate, generalmente segue fasi simili. Nella loro infanzia i bambini iniziano a sperimentare con la loro voce emettendo suoni balbettanti. Usano una varietà di linguaggio non verbale per comunicare i loro bisogni e stabilire forti connessioni sociali, come stabilire un contatto visivo, indicare e gesticolare. Nel tempo, iniziano a imparare i suoni e li usano per formare le loro prime parole. Alla fine, mentre continuano ad associare la comunicazione a risultati positivi (ovvero ottenere ciò che vogliono), iniziano a mettere insieme le parole in frasi e acquisiscono abilità linguistiche più complesse.

Un bambino che ha un ritardo del linguaggio o nel linguaggio segue in genere gli stessi schemi di sviluppo dei suoi coetanei, ma è più lento a raggiungere questi traguardi. Tuttavia, sono ancora fortemente motivati ​​da risposte sociali, come abbracci e sorrisi. Desiderano costruire forti legami sociali con i loro genitori e coetanei, rispondono positivamente all’attenzione e sono inclini a imitare le azioni delle persone che li circondano.

Oltre al ritardo nel linguaggio, i bambini autistici possono sperimentare ulteriori sfide legate alla loro comunicazione, socializzazione e comportamento. Questi possono interrompere la loro capacità di costruire connessioni sociali significative e relazioni con le persone. Questi possono includere:

Altri problemi di comunicazione

Oltre a parlare in ritardo, ci sono altre sfide legate alla comunicazione che possono essere segni di autismo, tra cui:

  •     Non rispondere al proprio nome
  •     Difficoltà ad attirare l’attenzione di tuo figlio
  •     Sviluppo più lento dei gesti per comunicare i propri bisogni
  •     Borbottare durante il primo anno e poi smettere
  •     Uso ripetitivo di una singola parola o frase
  •     Utilizzo di una voce parlante dal suono robotico

Sfide sociali

Alcuni bambini autistici hanno difficoltà a relazionarsi e ad associarsi con altre persone. I segni possono includere:

  •     Una generale mancanza di consapevolezza sociale
  •     Non rispondere ai segnali sociali, come salutare con la mano
  •     Incapacità di concentrarsi sullo stesso oggetto con qualcun altro (attenzione congiunta)
  •     Difficoltà con le abilità sociali, come condividere, fare a turno e mantenere amicizie
  •     Evitare il contatto con gli occhi
  •     Interessi limitati a particolari giocattoli o attività
  •     Diminuzione dell’interesse a impegnarsi in routine di gioco con gli altri

Sfide comportamentali

L’incapacità di un bambino di esprimersi adeguatamente può portare a un’ampia gamma di possibili problemi comportamentali, tra cui:

  •     Comportamenti ripetitivi o movimenti delle mani e del corpo, come oscillare la testa avanti e indietro o allineare i giocattoli
  •     Avversione a essere toccati o trattenuti
  •     Arrabbiarsi facilmente per ragioni “sconosciute”
  •     Forte attaccamento a determinati oggetti, come giocattoli o a uno spettacolo televisivo
  •     Problemi a restare fermi
  •     Essere facilmente turbato o angosciato quando c’è un cambiamento improvviso nella sua routine quotidiana

quando cercare una valutazione professionale

Per i bambini che non stanno sviluppando abilità linguistiche, o per quelli che sono in ritardo rispetto ai loro coetanei, è importante cercare una valutazione professionale da un medico o da un logopedista

Uno screening e una valutazione dello sviluppo possono aiutarti a determinare se tuo figlio ha un ritardo nel linguaggio, è autistico o entrambi. Una migliore comprensione delle condizioni e dei fattori di rischio di tuo figlio può darti tranquillità e, come accennato, aiutarti a prendere la decisione più informata sul trattamento in futuro.

Fino a poco tempo, l’autismo veniva raramente diagnosticato prima dei 3-4 anni. Tuttavia, la ricerca attuale supporta l’abbassamento dell’età di identificazione, principalmente a causa dell’efficacia dell’intervento precoce. Intorno all’età di 18 mesi e fino a due anni è anche il momento in cui i ritardi nel linguaggio e nel linguaggio diventano più evidenti. Sebbene i genitori possano essere in grado di individuare molti segnali importanti a casa, questo è generalmente il momento più ideale per far valutare professionalmente tuo figlio.

Esistono numerosi strumenti e metodi che il medico o il logopedista utilizzeranno per determinare se il ritardo del linguaggio di un bambino è causato dall’autismo o non è correlato. Questi includono testare ed esaminare le sue abilità sociali (cioè, contatto visivo, segnali emotivi, riconoscimento del nome), risposte fisiche (cioè capacità di indicare, usare oggetti per giocare) e comprensione del linguaggio (cioè, identificare oggetti, comprendere le direzioni di base).

Come la logopedia può migliorare le capacità di comunicazione

È importante ricordare che non esistono due bambini uguali. I problemi di comunicazione, proprio come i sintomi dell’autismo, possono variare notevolmente da persona a persona.

Gli esperti del linguaggio vocale, insieme ad altri assistenti come insegnanti, consulenti e psicologi, svolgono un ruolo chiave nel piano di trattamento di un bambino. I logopedisti sono esperti nella diagnosi e nel trattamento delle sfide legate alla comunicazione che si presentano con l’autismo. Aiutano a sviluppare un piano di trattamento individualizzato specializzato per le esigenze specifiche di ogni bambino che può migliorare la loro comunicazione verbale e non verbale. Aiutano le persone a esprimersi, a migliorare le loro relazioni personali e sociali e a funzionare meglio nelle attività quotidiane.

Anche se il tuo bambino autistico non è verbale o gli è stato diagnosticato più tardi nella vita, è importante non perdere la speranza. Questo non significa che non sarà in grado di diventare un adulto colto e articolato. In effetti, gli studi hanno dimostrato che i bambini autistici di quattro e cinque anni con gravi ritardi nel linguaggio sono passati dall’essere non verbali all’acquisizione di abilità linguistiche con un trattamento adeguato. Tuo figlio è destinato a grandi cose: potrebbe semplicemente aver bisogno di un po’ più di aiuto per arrivarci.

Detto questo, ecco alcune delle capacità di comunicazione che possono essere migliorate con l’intervento di un logopedista., lavorando a stretto contatto con i bambini, le loro famiglie / tutori e altri assistenti per contribuire al suo miglioramento:

Comunicazione verbale

I logopedisti possono aiutare i bambini autistici ad articolare e verbalizzare meglio suoni e parole. Questo può fornire ai bambini le strategie e i meccanismi per esprimere meglio i loro pensieri, idee e sentimenti. Man mano che i bambini diventano comunicatori più efficaci, ciò può anche aiutare a ridurre i problemi comportamentali.

Pragmatica sociale

Questa abilità riguarda come e quando i bambini usano la comunicazione in contesti sociali. Ad esempio, mentre un bambino autistico può sapere come pronunciare la parola “ciao”, potrebbe non capire che questa parola è usata come saluto (e quindi può inserirla a caso in una frase). I logopedisti possono aiutare i bambini ad apprendere il contesto sociale appropriato in cui usare determinate parole e frasi. 

Linguaggio del corpo

Le espressioni facciali, i movimenti delle mani e i gesti sono alcune delle parti più espressive del linguaggio. Sfortunatamente, alcuni bambini autistici potrebbero avere difficoltà a interpretare il loro significato. Un logopedista può aiutare ad abbinare le emozioni alle espressioni facciali corrette e a riconoscere i segnali sottili che possono indicare se una persona è felice, triste o arrabbiata.

Prosodia

Questa parola di fantasia significa semplicemente il volume e l’intonazione delle nostre voci in conversazione. Quando parliamo, il suono della nostra voce va naturalmente su e giù. Alcuni bambini autistici hanno una prosodia piatta, che può far sembrare la loro voce robotica e priva di emozioni. Un logopedista può aiutare i bambini a modulare il tono e il volume della loro voce quando parlano.

Grammatica

Alcuni bambini autistici possono fare spesso errori grammaticali o riferirsi a se stessi in terza persona. Un logopedista può aiutare ad affrontare questi problemi comuni e promuovere i tempi verbali corretti.

Abilità sociali

Come accennato, una mancanza di segnali sociali e consapevolezza può essere uno dei segni rivelatori più evidenti dell’autismo nei bambini piccoli. I logopedisti possono aiutare i bambini a riconoscere e sviluppare le proprie capacità di comunicazione sociale, compreso il modo in cui interagiscono con altre persone, il modo in cui si svolgono i turni di conversazione, stare a distanze appropriate quando parlano e altro ancora. 

Capacità di conversazione

Molti bambini autistici possono fare affermazioni semplici e brevi, e possono avere difficoltà a portare avanti una conversazione. Ciò include rispondere al proprio interlocutore, fare interruzioni, avviare il dialogo e impegnarsi nel naturale andirivieni del discorso. I logopedisti possono aiutare i bambini con le loro capacità di conversazione in modo che possano implementare queste pratiche nelle situazioni quotidiane.

Domande

La capacità di formulare domande e comprendere le risposte è la chiave per le interazioni sociali. Praticare il formato domanda-risposta in un ambiente strutturato con un logopedista può aiutare a prepararli per le interazioni quotidiane.

Comunicazione alternativa / aumentativa (CAA)

Per i non verbali, ci sono alcune tecnologie di comunicazione e dispositivi di assistenza che possono aiutare i bambini a esprimere i loro bisogni in modo indipendente. Questi strumenti sono indicati collettivamente come dispositivi di comunicazione alternativi o aumentativi. Il tuo logopedista può consigliarti se uno di questi strumenti è appropriato e come usarli correttamente. Possono includere linguaggio dei segni, dispositivi di output vocale, sistemi di immagini e app di comunicazione su tablet.

Per riassumere, sebbene il ritardo del linguaggio possa venire di pari passo con il disturbo dello spettro autistico, non è assolutamente detto che un ritardo del linguaggio implichi necessariamente autismo. Un ritardo nel linguaggio di per sé non significa che un bambino sia autistico e, lavorando con esperti e facendo le giuste ricerche, puoi assicurarti che tuo figlio riceva il miglior sostegno.

Di  Leanne Sherred, MS, CCC-SLP
le immagini usate sono di Pixabay