Autismo. 5 errori comuni che riguardano il rinforzo

Sappiamo tutti che il rinforzo è una componente chiave dell’apprendimento per i nostri figli. In realtà è una componente chiave dell’apprendimento di tutte le persone.

Esistono i rinforzi positivi e quelli negativi. Spesso però si tendono a confondere i due tipi di rinforzi.

Il concetto generale di rinforzo è abbastanza facile da capire. Il rinforzo si verifica quando un evento o un’azione (chiamata anche “conseguenza”) che segue un comportamento aumenta le possibilità che quel comportamento si verifichi in futuro. La confusione, tuttavia, si verifica con l’introduzione dei termini specifici “positivo” e “negativo”, soprattutto quest’ultimo.

È utile ricordare che sia il rinforzo positivo che quello negativo rafforzano il comportamento. Entrambi rendono più probabile che un comportamento si ripeta in futuro. Differiscono, tuttavia, nel modo in cui rafforzano il comportamento.

Il rinforzo positivo si verifica quando, a seguito di un comportamento specifico, viene aggiunto uno stimolo all’ambiente e, di conseguenza, è più probabile che quel particolare comportamento si ripeta in futuro. Poiché gli stimoli (come lodi verbali, giochi o uno stipendio, ad esempio) sono desiderabili, rafforzano il comportamento che seguono. Sono quindi etichettati come rinforzi positivi.

Il rinforzo negativo si verifica quando, a seguito di un determinato comportamento, viene rimosso uno stimolo dall’ambiente. Di conseguenza, è più probabile che quel particolare comportamento si ripeta in futuro. Poiché gli stimoli (come un odore sgradevole, ripetuti fastidi o un rumore fastidioso) sono indesiderabili, rafforzano il comportamento che porta alla loro rimozione. Questi sono etichettati come rinforzi negativi.

Il concetto di rinforzo negativo è spesso frainteso perché le persone credono che sia l’opposto del rinforzo positivo e lo confondono con la punizione. Le persone possono presumere che il termine “negativo” sia associato ad alcuni comportamenti indesiderabili. Oppure collegano i termini “positivo” e “negativo” a qualche tipo di giudizio sul comportamento. Cioè, il rinforzo positivo deve riferirsi alla promozione di comportamenti positivi o che il rinforzo negativo deve riflettere il rinforzo non intenzionale di comportamenti negativi o socialmente inaccettabili.

Il rinforzo, in pratica, non ha nulla a che fare con il fatto che un comportamento sia considerato appropriato o meno. Se il comportamento, percepito come “buono” o “cattivo”, continua a verificarsi, viene in qualche modo rafforzato.

Fornire un rinforzo può sembrare facile, ma lo sapevi che ci sono molti modi in cui possiamo rovinare tutto?

A volte senza nemmeno volerlo, miniamo i nostri tentativi di migliorare il comportamento con questi errori che ora vi elencherò, e di conseguenza il comportamento dei nostri ragazzi non migliora affatto.

Prima di parlarvi degli errori vorrei fare una riflessione: attenzione al tipo di rinforzo che scegliete. Il tablet, ad esempio, oppure il cellulare, sono rinforzi che riterrei “delicati“. Di solito entrambi sono molto gratificanti e ameno che non abbiate la certezza TOTALE di poter toglierli dopo, tenderei ad evitarli perchè spesso creano l’effetto inverso. E alla fine ci ritroviamo a dover proporre un altro programma comportamentale per togliere il rinforzo che pensavamo di poter usare per aumentare il comportamento desiderato. In poche parole, si tratta di un rinforzo che ci si rivolge spesso contro.

 

ERRORE 1: Non riuscire a trovare veri rinforzi 

Per definizione, i rinforzi sono definiti dalla loro funzione. Se aumentano il comportamento desiderato, sono dei rinforzi. Se il comportamento che desideriamo non aumenta, non sono un rinforzo.

Troppo spesso, sabotiamo i nostri sforzi di rinforzo nell’affrontare comportamenti problematici perché non facciamo un lavoro completo per capire cosa funziona effettivamente come rinforzo per il bambino. Invece, usiamo qualcosa di generico, come un oggetto o dei video. Questi possono rinforzare i comportamenti di alcuni bambini, ma non di altri.

Spesso quando qualche mamma o docente mi scrive per dirmi che il rinforzo che sta usando non funziona, significa che quello che si pensava fosse un rinforzo per la persona, in realtà non lo era.

Quindi, per ogni bambino, mentre cerchiamo di aumentare il comportamento positivo (per diminuire il comportamento negativo) dobbiamo capire quali sono i potenziali rinforzi per quel bambino e per quel comportamento. E dobbiamo determinare se funziona come un rinforzo per quel comportamento.

Non tutti i bambini sono gratificati da rinforzi come le caramelle o i giochi. Alcuni sono rinforzati dal nastro adesivo oppure da una passeggiata.

ERRORE 2: non riuscire a definire un comportamento chiaro e osservabile da rinforzare

Uno degli errori più grandi e più frequenti che noto è cercare di rafforzare l’assenza di qualcosa. Il rinforzo, per definizione, aumenta il comportamento che segue. Se il comportamento non aumenta, non è rinforzo. Questa è la definizione.

Quindi non possiamo rafforzare l’assenza di comportamento perché non c’è comportamento da aumentare. 

Pertanto, se dobbiamo usare il rinforzo per aumentare il comportamento, dobbiamo scegliere i comportamenti con attenzione. Ci servono comportamenti negativi che diminuiscano quando aumentiamo quelli positivi.

Quindi devi prima delineare i comportamenti che possono sostituire quelli negativi che vuoi vedere invece diminuire. Man mano che i comportamenti positivi aumentano, i comportamenti negativi diminuiscono. E tutto questo sarà ancora più potente se i comportamenti sostitutivi sono legati alla funzione del comportamento negativo. 

Affinché il rinforzo funzioni, dobbiamo assicurarci che segua comportamenti specifici che vogliamo aumentare. Quindi assicurati di definire chiaramente i comportamenti positivi che desideri rafforzare.

Quando usiamo il rinforzo per aumentare il comportamento positivo, dobbiamo vedere il comportamento positivo che vogliamo rafforzare. Quindi è essenziale scegliere bene il comportamento che dobbiamo osservare.

ERRORE 3: MANCATA COMUNICAZIONE AL BAMBINO DI ASPETTATIVE E RINFORZI 

Sì, possiamo rafforzare i comportamenti senza mai parlare al bambino del rinforzo. Possiamo testare e provare e vedere cosa funziona. Ma, se stiamo usando il rinforzo per affrontare comportamenti impegnativi (aumentando i comportamenti positivi), allora è meglio dire alla persona quali comportamenti saranno rafforzati.

Assicurati sempre di aver comunicato chiaramente i comportamenti che stai cercando di ottenere dal bambino.

In effetti, usiamo spesso sistemi come la Token o sistemi di punteggi  per aumentare il comportamento. Ma è importante definire comportamenti specifici da aumentare e mostrare al bambino quali sono questi comportamenti. Il comportamento del bambino aumenterà se usi rinforzi che seguono quei comportamenti indipendentemente dal fatto che tu dica loro cosa sono, ma dire loro le aspettative che hai e i rinforzi che otterrà renderà l’apprendimento più efficiente.

 

Errore 4: aspettare troppo a lungo per rafforzare i comportamenti appropriati

Troppo spesso pensiamo che un bambino possa aspettare un’intera giornata (o una settimana!) per ottenere un rinforzo. E poi ci chiediamo perché “il rinforzo non funziona”. Non è che il rinforzo non funzioni, è che non lo stiamo fornendo nel momento giusto.

In poche parole, prima viene fornito un rinforzo dopo il comportamento che desideri aumentare, più velocemente avrà luogo l’apprendimento. Man mano che i bambini sono sempre più in grado di attendere prima di ottenere un rinforzo e hanno il linguaggio e la comunicazione adatta per esprimersi, possiamo iniziare a ritardare il rinforzo, ma in principio il rinforzo va dato subito.

Usa punti e gettoni come rinforzi condizionati che lo studente impara a contare e a monitorare. In questo modo i gettoni stessi diventano rinforzi di valore inferiore e che possono arrivare in ritardo. Ma introducili lentamente. Inizia con guadagna 1 punto o gettone, ottieni un rinforzo. Quindi 2, 3, 4, ecc. 

Errore 5: non acquisire dati per monitorare se funziona

Quando mettiamo in atto un piano comportamentale, pensiamo che il comportamento migliorierà a priori. Ma a volte è solo perché abbiamo avviato un piano. Il modo migliore per vedere se il tuo rinforzo sta funzionando con l’obiettivo di aumentare il comportamento positivo è prendere dati. E il modo migliore per determinare se il comportamento negativo si sta riducendo, è prendere i dati. È importante raccogliere dati su entrambi i tipi di comportamento per vedere se i tuoi sforzi hanno avuto i suoi frutti.

 

Consigli utili sui rinforzi:

  1. Abbi aspettative realistiche e sii gentile con te stesso! Il cambiamento del comportamento non avviene dall’oggi al domani. Ci vuole tempo, ma i benefici a lungo termine possono essere molto gratificanti. Scegli due o tre comportamenti che vuoi incoraggiare. Assicurati che siano realistici. All’inizio, questi comportamenti probabilmente cambieranno lentamente, ma non lasciarti scoraggiare. I cambiamenti nel comportamento possono richiedere da pochi giorni a pochi mesi. 
  2. Scegli alcuni rinforzi potenti. Più tuo figlio desidera un oggetto o un’attività sociale tangibile, commestibile, più efficaci saranno come rinforzi. Ci sono molti modi per identificare i migliori rinforzi. Guarda tuo figlio durante il tempo libero e nota da cosa è attratto e cosa gli piace. Ad esempio, se ama mangiare i biscotti Oreo, questo potrebbe essere un rinforzo commestibile ideale per rafforzare il comportamento desiderabile. In alternativa, chiedi a tuo figlio cosa gli piace. Potresti presentare al bambino due potenziali rinforzi e chiedergli quale preferisce. * Suggerimento dell’esperto: se desidera un’attività, usa l’immagine dell’attività.
  3. Usa una varietà di rinforzi. Ciò lo rende interessante per il bambino. Se usi sempre lo stesso rinforzo, potrebbe perdere la sua efficacia.
  4. Più grande è il compito, maggiore è la ricompensa! Abbina il volume del rinforzo alla difficoltà del compito. Ad esempio, se stai cercando di convincere tuo figlio a fare 45 minuti di compiti, l’uso di un biscotto potrebbe non essere efficace. In questo caso, se gli piace un video sull’iPad, dopo aver finito i compiti , puoi lasciarle guardare i video per 15 minuti.
  5. Se il rinforzo non funziona, provane uno nuovo! La prima volta potrebbe non funzionare. Fai un elenco di rinforzi e ordinali da quello che pensi possa essere il più forte al più debole. Se il comportamento non cambia, prova un rinforzo diverso.
  6. Fai attenzione alla “sovraesposizione”  Se tuo figlio è eccessivamente esposto a un rinforzo, è probabile che il rinforzo diventi meno efficace. Ci sono alcuni scenari che possono causare una sovraesposizione. Alcune cause possono essere l’uso eccessivo di un rinforzo, la mancanza di varietà e la “sazietà”. La sazietà è quando tuo figlio ha ricevuto troppa ricompensa. Ad esempio, se tuo figlio ha appena fatto un pranzo abbondante, mangiare altro cibo non sarebbe un rinforzo efficace. Oppure, se a tuo figlio è consentito l’accesso ai suoi videogiochi preferiti, e li usi poi come rinforzi, allora non avranno l’efficacia che desideri
  7. Dissolvi i rinforzi lentamente e osserva. L’obiettivo del rinforzo positivo è far sì che tuo figlio associ la ricompensa al comportamento desiderato. In definitiva, vuoi che il comportamento si verifichi senza che tu debba fornire rinforzi. Tuttavia, il rinforzo in dissolvenza dovrebbe essere fatto lentamente e consapevolmente. Osserva attentamente il comportamento desiderato. Il comportamento desiderato sta diminuendo? Se è così, potresti aver sfumato il rinforzo troppo velocemente.

 

 

 

 

fonti: 
autismclassroomresources
animatebehavior
Patrick F. Heick, Ph.D., BCBA-D