Autismo. Suggerimenti per insegnare a rispondere alle domande

Di solito i bambini normo tipici arrivano già a scuola con l’abilità di rispondere alle domande. I nostri invece hanno sempre molte difficoltà perchè rispondere a una domanda non è così facile come sembra.

Rispondere alle domande ha una funzione sociale: lo facciamo perché qualcuno ci ha chiesto qualcosa e ciò ha delle conseguenze sociali. Se non rispondi ad una domanda sembra che tu sia maleducato. Rispondiamo alle domanda, insomma, perché è un obbligo sociale. Quest’abilità, però, non è proprio un punto di forza nei nostri ragazzi.

Per genitori come me, invece, è essenziale conoscere quanto accade nella vita di Ares quando io non ci sono, per cui, uno degli obiettivi primari e perenni su cui lavoro è proprio insegnare ad Ares a rispondere alle domande che gli formulo.

Cosa dobbiamo sapere per insegnare efficacemente ai nostri studenti e figli a rispondere alle domande?

1. Diversi tipi di domande         

Ovviamente sappiamo che esistono diversi tipi di domande. Ma non ci rendiamo sempre conto di come questi diversi tipi di domande, con scopi diversi, possano far inciampare i nostri figli.

Quindi, quali tipi di domande esistono? Molte persone le dividono in Chi, Cosa, Quando, Dove e Perché. Tuttavia, trovo più facile scomporle a seconda della funzione della domanda. Ad esempio, “Cosa c’è in questa foto?” È molto diversa da “Che cosa hai fatto la scorsa notte?”

Ecco alcuni dei tipi di domande, per dare un’idea del livello di difficoltà che possono riscontrare i nostri ragazzi.

  • Domande concrete – queste sono probabilmente le più facili per i nostri ragazzi perché implicano una risposta altrettanto semplice. Domande che chiedono che cosa vedi in una foto sono un buon esempio di una domanda reale.
  • Opinione: queste sono molto più difficili. Le opinioni sono individuali. Non sono una routine, ma possono cambiare nel tempo. Le domande di opinione sono domande come “Ti piace nuotare?” O “Cosa pensi della nuova scuola?” Molte volte quando formuliamo domande di opinione, otteniamo la stessa risposta ripetutamente anche quando sappiamo che non riflette gli interessi della persona con autismo. Imparano una risposta e si attengono ad essa perché è molto più facile rispetto a descrivere qualcosa. Ad esempio: “come sei stato oggi a scuola, Ares”. E lui dirà sempre: “bene”, anche se non è così.  Resta comunque un’abitudine per me, chiedere SEMPRE ad Ares cosa ha fatto a scuola. Più passa il tempo, più si lavora con il linguaggio e più le sue risposte sono ricche di parole e congiunzioni:

 

  • Esperienze- molte volte le nostre domande sono puramente sociali e chiediamo ai ragazzi di raccontarci cosa è successo. “Che cosa hai fatto questo fine settimana?” È probabilmente una delle più comuni. Beh, questa è una domanda difficile, basti pensare che essere in grado di rispondere a una domanda fattuale come (“Il gelato è freddo”) non significa che puoi raccontare quello che è successo quando sei andato a prendere del gelato. È una risposta in più fasi che implica ricordare ciò che è accaduto, sequenziare la storia, accedere e utilizzare il vocabolario relativo all’esperienza, ecc. In breve … è molto più difficile.
  • Sentimenti: Molto complicato. Essere in grado di dire a qualcuno come ti senti significa che devi prima capire i tuoi sentimenti. Questo di per sé è difficile per molti dei nostri ragazzi. Potrebbe significare parlare delle sensazioni di qualcun altro, attingendo alla difficoltà che i nostri ragazzi hanno di comprendere le prospettive degli altri. Questo può essere un vero e proprio pantano per i nostri figli o studenti, i quali potrebbero trovarsi in seria difficoltà, proprio perchè usciamo dai soliti schemi di domanda e subentriamo con domande più complesse come: “come ti senti”.
  • Perché: Molto difficile! Perché la risposta cambia, perchè la risposta è astratta come la domanda. Perché devi elaborare più informazioni. Quindi devi metterlo in relazione con l’argomento e spiegarlo in un modo che l’ascoltatore possa capire. Sono tutte difficoltà che sto cercando, insieme alle terapiste di Ares, di colmare con il Think it 

 

GUARDA ANCHE: INSEGNANDO AD ARES A FARE DOMANDE

2. Sì/No Non tanto semplici

Le domande di tipo si / no sono più facili perché hanno sempre la stessa risposta.

Insegnante: “È un fiore?” Con in mano una foto di un fiore
Studente: “Sì”
Insegnante: Bravo !!

Insegnante: “È un fiore?” Con in mano la foto di un cane
Studente: “No”
Insegnante: “Bravo”

A volte può essere fonte di confusione per alcuni studenti, perché la domanda in questo scenario è la stessa, ma la risposta è diversa (a seconda di quale immagine mostra l’insegnante). Tuttavia, con il tempo, i nostri studenti solitamente possono impararla abbastanza bene perché collegano la parola “fiore” alle immagini del fiore.

Le domande sì / no fattuali sono diverse dai tipi di preferenza delle domande come quelle che seguono.

Insegnante: “Vuoi un biscotto?”
Studente: “Sì”
Insegnante: gli da un biscotto

Insegnante: “Vuoi gli spinaci?”
Studente “Sì” (perché l’insegnante aveva qualcosa che gli piaceva quando ha detto sì prima)
Insegnante: gli dà degli spinaci.
Studente: urla, sputa, lancia qualcosa o si allontana.

La risposta dovrebbe cambiare a seconda della situazione. Forse un’altra volta l’insegnante chiede se vuole gli spinaci e lo studente dirà si. Se invece impara che la risposta è sempre no, potrebbe essere altrettanto frustrante quando non lo capisce.

Quindi, in breve, ricordiamo che le domande sì / no sono più complicate di quanto sembrano. QUI trovate alcuni modi per insegnare il SI e il NO in maniera specifica.

3. Utilizzare le strategie visive 

A volte rispondere alle domande è difficile perché gli studenti hanno difficoltà ad accedere al vocabolario di cui hanno bisogno per rispondere alla domanda stessa. Potrebbero essere in grado di visualizzare la risposta ma non di trasmetterla a parole. Rispondere alle domande richiede più passaggi di quelli che normalmente realizziamo, uno dei quali è generare le parole da usare, che non sempre sono incluse nella domanda.

Per risolvere questo problema, usa indicazioni visive per avviare la risposta dello studente. Oppure, se ha difficoltà con il recupero delle parole, prova ad aggiungere immagini per semplificare l’operazione. Pensa a dare delle scelte con le immagini e insegnagli a fare riferimento all’immagine per rispondere alla domanda. Quindi, invece di “sì”, potrebbe rispondere “Sì, voglio una caramella”. Con il passare del tempo si possono sfumare i supporti visivi, ma quando inizialmente si insegna l’abilità, diventano uno strumento molto utile.

Sfortunatamente, la storia dell’apprendimento più tipica che vediamo è che il bambino “impara” a NON rispondere alle domande!

pexels-photo-3205071.jpeg
Photo by Ian Joseph Panelo on Pexels.com

I genitori e i docenti iniziano a porre domande ai bambini quando sono molto piccoli. Se il bambino non sa come rispondere, nessuno fa niente! Le persone che fanno le domande spesso non sanno come spingere il bambino o come insegnare al bambino a rispondere alla domanda, quindi quando il bambino non risponde, non fanno nulla. 

Quando il rinforzo si verifica dopo che il bambino non ha risposto alla domanda, aumenta la probabilità futura che il bambino non risponda a un’altra domanda! Ad esempio, supponiamo che un bambino si trovi all’asilo e l’insegnante chiede “Cosa stai facendo?”. Se il bambino non conosce la risposta, semplicemente ignora l’insegnante. Una risposta tipica a questo ignorare potrebbe essere che l’insegnante chiede di nuovo, con too di voce più forte. Ancora una volta, il bambino non rispond. L’insegnante potrebbe porre di nuovo la domanda, con una certa irritazione nella sua voce. Il bambino può trovare questa interazione abbastanza sgradevole. Infine, l’insegnante potrebbe “arrendersi” e allontanarsi dal bambino. Quando questa interazione avversa viene “rimossa” con l’atteggiamento finale dell’insegnante che si allontana, possono verificarsi rinforzi negativi. 


riferimenti: autismclassroomresources
                        letstalksls
Annunci