Il mistero delle persone autistiche che migliorano con la febbre

 

Quando Ares era piccolino si ammalava spesso: infezioni continue alle alte vie respiratorie e perdeva praticamente il fiato. Durante i suoi stati febbrili era un bambino completamente diverso: niente stereotipie, ecolalie, sfarfallamenti con le mani: un bambino normalissimo!  

La scienza, nel tempo, prova a fornire, in parte, le spiegazioni di questo diffuso e anomalo effetto della febbre nelle persone con autismo.

I ricercatori si sono interrogati sul cosiddetto “effetto febbrile” da almeno il 1980, quando un’infezione virale ha travolto un asilo terapeutico per bambini con autismo presso il Bellevue Psychiatric Hospital di New York. Il personale ospedaliero ha riferito che i bambini erano più socievoli, vigili e loquaci mentre avevano la febbre. I ricercatori si chiedono che cosa possa dirci, questo curioso fenomeno, sui meccanismi dell’autismo – e sui possibili trattamenti.

Svelare l’effetto della febbre potrebbe portare a “modi innovativi per migliorare la vita Grzadzinski-caption-200delle persone affette da autismo”, ha spiegato Rebecca Grzadzinski, una studentessa laureata che lavora con l’esperta di autismo Catherine Lord PhD. In un nuovo studio, un gruppo di ricerca che includeva la signora Grzadzinski e il Dr. Lord ha descritto le caratteristiche dei giovani che hanno maggiori probabilità di sperimentare l’effetto della febbre. Il team ha esaminato i dati di 2.152 bambini con autismo che hanno partecipato al progetto di ricerca Simons Simplex Collection. I genitori di 362 bambini, o il 17%, hanno riferito che i loro figli avevano avuto l’effetto della febbre. Come gruppo, anche quei bambini avevano capacità cognitive non verbali inferiori, meno linguaggio e comportamenti ripetitivi rispetto ai bambini che non avevano avuto l’effetto della febbre. 

Connie Sproul Bonarigo ha dichiarato che sua figlia con autismo si comporterebbe come una persona diversa quando ha la febbre. Sua figlia era incline a scoppi d’ira frequenti quando andava bene, ma quando si ammalò divenne calma, accomodante e affettuosa. “Era quasi come se qualcuno le avesse dato un sedativo”, ha detto la signora Bonarigo, del New Jersey. “Era così amorevole e affettuosa, diceva: ‘Guarderai il mio programma TV preferito con me’ ‘Ti amo mamma’ e ‘Grazie, mamma’. E tutto questo andò avanti finché la febbre non è scesa”. Sua figlia è ora una giovane adulta, e diventa ancora molto più tranquilla quando ha la febbre, ha detto la signora Bonarigo, membro del consiglio consultivo per la rete di autismo interattivo.

Una madre del Texas ha descritto un’esperienza simile quando suo figlio con autismo, che ora ha 17 anni, era più giovane. “Quando non aveva la febbre, era iperattivo, super stimolato”, ha detto Haven DeLay. (Gli stimoli sono una scorciatoia per comportamenti auto-stimolatori, come il dondolio, il movimento delle dita e altri comportamenti ripetitivi che sono comuni all’autismo). La signora DeLay ha continuato: “Quando ha avuto la febbre, tutto si è fermato, niente tremori, tic, ogni comportamento è migliorato, anche gli antibiotici lo hanno aiutato”.

I ricercatori non sanno perché l’effetto della febbre sembri essere più comune nei bambini con comportamenti ripetitivi significativi e altri sintomi. Quei bambini possono avere differenze cerebrali che li rendono suscettibili all’effetto febbre. Oppure, lo studio ha anche detto: “È possibile che i cambiamenti comportamentali durante la febbre siano semplicemente più evidenti, più facili da vedere, nei bambini che hanno comportamenti ripetitivi più importanti”

Un piccolo studio condotto da ricercatori a Baltimora ha rilevato che ben l’80% dei bambini con autismo ha avuto un effetto febbrile. In quella ricerca del 2007, ai genitori di 103 bambini è stato chiesto di prendere la temperatura del loro bambino e valutare il loro comportamento durante e dopo una febbre di almeno 100,4 gradi Fahrenheit (38,0 gradi Celsius). Trenta bambini hanno avuto febbre durante lo studio; sono stati confrontati con bambini simili che non avevano febbre. I ricercatori hanno scoperto che 25 dei 30 bambini con la febbre avevano meno comportamenti anormali durante lo stato febbrile, tra cui irritabilità, iperattività, movimenti ripetitivi (come sbattere le mani) e linguaggio inappropriato. Quei cambiamenti scomparvero dopo la fine della febbre.

Uno di quei ricercatori, il neurologo Andrew W. Zimmerman, ha discusso lo studio in un articolo per Autism Speaks.

 “Questa constatazione – che la stragrande maggioranza dei bambini con autismo manifesta miglioramenti comportamentali durante la febbre – suggerisce che l’effetto della febbre potrebbe essere molto più comune di quanto si pensasse: forse i genitori non rilevano miglioramenti nei sintomi dell’autismo al di sotto di una certa soglia perché la malattia tende a nascondere i miglioramenti, o, come in molte aree della biologia, sospetto che ci sia una vasta gamma di effetti – da appena rilevabili a sorprendenti – le risposte più evidenti saranno più propense a spingere i genitori a riferire e cercare di capire il miglioramento comportamentale. ” 

Gli scettici potrebbero chiedersi se i cambiamenti di comportamento sono semplicemente dovuti alla fatica che le persone provano quando sono hanno la febbre. Ma i ricercatori dicono che qualcos’altro è probabilmente al lavoro nei bambini che sperimentano l’effetto della febbre. La squadra del dott. Zimmerman aveva chiesto ai genitori di valutare la letargia e il comportamento durante e dopo la febbre. I ricercatori hanno scoperto che i miglioramenti nel comportamento non dipendevano da quanto i bambini fossero stanchi. 

Abbiamo molte prove che dimostrano che gli individui con autismo pensano in modo diverso e che il loro cervello funziona in un modo diverso, quindi perché escludere la possibilità che forse la febbre colpisca le persone con autismo in modo diverso?” ha detto la signora Grzadzinski.

CHE COSA POTREBBE CAUSARE L’EFFETTO DELLA FEBBRE NELL’AUTISMO?

Cosa potrebbe accadere a quei bambini quando le loro temperature aumentano? “La risposta breve è: non lo sappiamo”, ha detto la signora Grzadzinski. Ma la risposta più lunga è che la febbre può causare temporanei cambiamenti cellulari o metabolici che colpiscono il sistema nervoso centrale, ha detto. Questi cambiamenti, a loro volta, influenzano il comportamento. Le possibili spiegazioni includono cambiamenti all’azione delle cellule nell’ipotalamo del cervello o al rilascio di glutammina o taurina. Un’altra teoria riguarda le proteine ​​”heat shock” che le persone producono durante la febbre per proteggere le cellule dai danni.

Il dott. Zimmerman e altri ricercatori hanno condotto uno studio separato per testare un potenziale trattamento per l’autismo, basato in parte sulla teoria della risposta allo shock termico. La sua squadra ha fornito un supplemento contenente 514QVTfgxxL._SY450_sulforaphane (Sulforafano) a 30 adolescenti e adulti con disturbo dello spettro autistico. Sulforaphane, una sostanza chimica derivata da germogli di broccoli, ha “effetti metabolici che in qualche modo assomigliano a quelli della febbre”. In questo studio in doppio cieco, 15 maschi con autismo sono stati assegnati in modo casuale a prendere un placebo o una pillola fittizia; sono serviti come gruppo di confronto. Più della metà di coloro che hanno preso il vero supplemento ha visto miglioramenti comportamentali simili a quelli riportati durante la febbre. Come con la febbre, i miglioramenti si sono sbiaditi quando le persone hanno smesso di assumere l’integratore.

Quei ricercatori hanno notato che la loro teoria e il supplemento hanno bisogno di più studi e di gruppi più ampi di persone. In generale, gli scienziati vogliono assicurarsi che un risultato non sia avvenuto per caso, quindi testano una teoria o un trattamento su ampi gruppi di persone che rappresentano la popolazione colpita da una condizione.

Anche la signora Grzadzinski vorrebbe vedere più ricerche sulla febbre e sull’autismo. Il suo studio si basava sul ricordo dei genitori dei comportamenti dei loro figli durante la febbre. Il prossimo passo sarebbe misurare i comportamenti oggettivamente durante e dopo la febbre tra un gran numero di persone con autismo, ha spiegato.

Ha notato che la ricerca sulla febbre attuale derivava dai rapporti dei genitori su questo fenomeno. “È importante per le famiglie sapere che sono la motivazione per questa ricerca, sia perché hanno segnalato questo fenomeno, sia perché vogliamo trovare nuovi trattamenti per aiutare”, ha detto la signora Grzadzinski.


fonti: iancommunity
Annunci