Autismo, l’Asp di Palermo attiva servizio di assistenza a casa: stanziati 4 milioni

Il progetto – che prenderà il via il 2 ottobre – è rivolto a tutte le fasce d’età, anche agli adulti. Candela: “Ampliamo l’offerta sanitaria con interventi ambulatoriali e domiciliari”. Il sottosegretario Faraone: “Non è punto d’arrivo, ma una base di partenza”“

Un aiuto concreto per i bambini, ma anche per gli adulti, affetti da autismo. L’Asp di Palermo potenzia la rete assistenziale rivolta sia alle persone affette da disturbo dello spettro autistico sia alle rispettive famiglie. L’investimento dell’Azienda sanitaria provinciale è complessivamente di 4.382.400 euro nel triennio ed è stato finanziato attraverso il “Fondo annuale aziendale sull’autismo”.

“Ampliamo l’offerta sanitaria – ha spiegato questa mattina nel corso della conferenza stampa di presentazione il commissario dell’Asp, Antonio Candela – attraverso l’erogazione di prestazioni specialistiche integrate negli assi clinico riabilitativo e socio relazionale con interventi ambulatoriali e domiciliari”. Il servizio avrà una durata di tre anni ed è rivolto ad utenti (400 per anno) di  tutte le fasce di età di Palermo e provincia. “Per la prima volta – ha detto Candela –  nel nostro territorio le prestazioni terapeutiche saranno rivolte anche agli adulti, per i quali l’azienda aveva già attivato un piccolo team dedicato solo alle valutazioni diagnostiche”.

Alla conferenza stampa, tenutasi nei locali del presidio sanitario Aiuto Materno di via Lancia di Brolo, hanno preso parte, tra gli altri il Sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, ed il dirigete generale dell’Assessorato alla Salute, Salvatore Giglione. “E’ una giornata importantissima perché si destinano risorse certe all’autismo – ha detto Davide Faraone – e lo dico nel momento in cui il parlamento nazionale ha fatto una legge sull’autismo ed individuato le risorse per i livelli essenziali di assistenza. Non è punto d’arrivo, ma una base di partenza”.

Il nuovo servizio nasce da una sinergia tra le Associazioni delle Famiglie Parlautismo, l’Asp di Palermo, il mondo Istituzionale e il terzo settore e “rende visibile la centralità della persona e della famiglia”. “L’obiettivo – è stato sottolineato in conferenza stampa – è di rispondere  alle necessità della persona che cresce con questo bvbvbv disturbo e della famiglia che ne vive il disagio sociale e spesso l’emarginazione dal contesto. L’attivazione dei nuovi servizi costituisce un momento  di avanzamento  significativo della cultura dell’autismo”. Nel progetto, che partirà il 2 ottobre, saranno impegnati 23 operatori medici, psicologi, assistenti sociali e terapisti della riabilitazione.

“Un modo giusto per spendere soldi pubblici”, ha chiosato Rosi Pennino, presidente di ParlaAutismo. Naufragata invece l’ipotesi di creare un centro per l’autismo presso la Casa del Sole. “I locali dove sarebbe dovuto sorgere il centro – ha detto Candela – non rispettano le norme antisismiche. Non possiamo quindi portarci i nostri bambini”.

fonte. Palermo today

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...