Sempre più aeroporti diventano autism-friendly. Ora c’è anche Shannon

Sono felicissima di questa notizia. Per quanto riguarda Fiumicino, io che viaggio spesso, vi segnalo che non faccio mai la fila per consegnare i bagagli, ma, munita di tutta la documentazione inerente la diagnosi di Ares, faccio il check in appena arrivo, senza dover aspettare le spesso lunghissime code che si creano. Inoltre chiedo sempre un posto a sedere tranquillo (previa consulta della piantina dell’aereo) per gestire al meglio qualsiasi crisi, qualsiasi problema.

L’aeroporto irlandese di Shannon entra nella lista degli scali internazionali autism-friendly. Una buona notizia in vista delle vacanze estive delle famiglie con figli autistici, per cui i luoghi affollati e rumorosi sono sempre una grossa sfida. Allo scalo di Shannon, sulla base dell’esperienza di Dublino, ad esempio, ci sarà personale qualificato che accompagnerà i piccoli nella quiet room in attesa della partenza e assisterà mamme e papà. Oltre a ciò, sul sito web è disponibile una guida interattiva e una serie di video per preparare al meglio i passeggeri con difficoltà a gestire lo stress del viaggio. Un’iniziativa, quella di introdurre servizi speciali per disabili intellettivi, ormai sempre più diffusa a livello internazionale visto l’alto numero di casi diagnosticati negli ultimi decenni. Tra i Paesi che vi hanno aderito, ad esempio, l’Italia (Fiumicino, Ciampino, Bari, Bergamo), il Regno Unito, il Canada, gli USA.

artìcolo di Annalisa Lista –west

Annunci