Come insegnare ad un bambino con autismo ad allacciarsi le scarpe

Oggi vi faccio vedere Ares che si allaccia le scarpe. Tutti i bambini, prima o poi, imparano ad allacciarsi le scarpe, ma quando si tratta di un bambino autistico tutto diventa molto difficoltoso.

Tuttavia, ci viene incontro l’A.B.A., e al suo interno, il mio amato Concatenamento Retrogrado (Backward Chaining), che come già vi ho spiegato nell’articolo per la preparazione del latte con cioccolato, consente di spezzettare in piccoli segmenti un preciso compito o azione, insegnando poi ogni segmento in maniera distinta. Potete usare sia il Concatenamento Retrogrado, cominciando ad insegnare le abilità dall’ultimo passaggio, sia quello Anterogrado, e quindi cominciare ad insegnare dall’inizio, un’abilità alla volta.

Quello che dovete fare, oltre a munirvi della consueta e necessaria pazienza, è segnarvi tutti i passaggi che fate per allacciare le scarpe, ed insegnarli separatamente. Per prima cosa, io procedo sempre scrivendo ogni azione, così non c’è possibilità di errore. E poi con calma comincio le lezioni. Ad ogni azione compiuta correttamente segue un premio.

Uno degli elementi fondamentali per riuscire nell’impresa di allacciarsi le scarpe sta nel mostrare quello che deve fare il bambino, posizionandoci dietro di lui, in modo di fungere da mani del bambino. Se ci collochiamo davanti a lui non capirà nulla perché cambia completamente la prospettiva. Il secondo video qui sotto vi mostra proprio il padre del bambino nella posizione ideale.

Non vi ostinate ad insegnare tutte le azioni in un giorno. Se serve una settimana o un mese, non è importante. Quello che conta è che si possa imparare bene e si possa svolgere l’azione senza nessun aiuto. 

Vi lascio, sia il video di Ares che allaccia le scarpe, sia due video che, con il metodo A.B.A., vi fanno vedere la tecnica e la posizione che dovete assumere per raggiungere l’obiettivo.

 

Questo video invece, insegna ad allacciarsi le scarpe secondo il Concatenamento Retrogrado di cui vi parlo sopra: prima si definiscono i passaggi da compiere e poi si comincia ad insegnare dall’ultima azione. Guardate:

 

 

 

5 Comments

Ti è sembrato utile questo articolo? Lascia un commento