Autismo. Le regole /Las normas de conducta.

 

 

I bambini autistici non sono esenti di regole, anzi, ne hanno bisogno. Se lavorate tanto con i vostri bambini quando sono piccoli, arriveranno ad essere adulti migliori, ordinati, puliti. Bisogna dare delle regole ben precise: “non lasciare il cappotto sul letto, alza la tavoletta quando vai al bagno, la maglietta è sporca, toglila e mettila in lavatrice. Pulisciti gli occhi, che sono sporchi, metti il deodorante, hai lavato i denti?”. Le stesse regole dei bambini normodotati. Perchè, ATTENZIONE, da grandi è difficile, come per tutti, accettare le regole. Bisogna lavorarci da piccoli, è per il LORO bene, non per il nostro.

I bambini autistici, ricordatevi, fanno tanta tenerezza a tutti da piccoli, ma da grandi, la gente gli guarda come se fossero pazzi, soprattutto se vanno in giro trascurati, sporchi. Date loro il valore che si meritano perché non esistiamo a lungo, non esistiamo per sempre.

Guardate cosa dice Temple  Grandin:  “Tra i 2 anni e mezzo ed i 5 anni la mia giornata è stata strutturata, e non mi è stato permesso di ribellarmi. Avevo 45 minuti di logoterapia individuale cinque giorni la settimana, e mia madre aveva assunto una baby sitter che trascorreva da tre a quattro ore al giorno a giocare con me e mia sorella. Ci insegnava a ‘fare a turno’ durante le attività ludiche: quando facevamo un pupazzo di neve, mi faceva rotolare la palla di sotto, e poi mia sorella doveva fare il pezzo dopo. All’ora di pranzo si mangiava tutti insieme, e non mi era permesso fare capricci. L’unica volta che mi era permesso di tornare al comportamento autistico era durante il sonnellino di un’ora, dopo pranzo. La combinazione di asilo, logopedia, attività ludiche e pranzi per imparare le buone maniere raggiungeva le 40 ore a settimana, durante le quali il mio cervello veniva mantenuto collegato al mondo.”

“I buoni maestri mi hanno aiutata a raggiungere il successo: se sono stata in grado di vincere l’autismo, lo devo alla presenza di buoni maestri. All’età di 2 anni e mezzo sono stata iscritta ad un asilo strutturato, con maestri esperti, dove fin da piccola mi sono state insegnate le buone maniere ed a comportarmi bene a tavola. I bambini autistici necessitano di avere una giornata strutturata, ed insegnanti che sanno come essere tenaci, ma gentili.”

 

Los niños autistas necesitan reglas de conducta, como los demàs niños. Si ustedes trabajan con los niños cuando son pequeños, llegaràn a ser adultos mejores, o rdenados, limpios. Hay que darles normas bien precisas: “no dejes la chaqueta encima de la cama, no ensucies  la taza cuando hagas pipi, tienes la camisa sucia, càmbiala y ponla en la lavadora. Lìmpiate los ojos que estàn bien sucios, ponte el desodorante, lavaste los dientes?”. Las mismas reglas de los niños normales. Pero atenciòn! Cuando ya son grandes es difìcil imponer normas de cualquier tipo porque no las aceptan. Hay que trabajar con ellos cuando son pequeños, es por su bien, y no por el nuestro.

Los pequeños autistas, recuerden, son muy tiernos para la gente cuando son chiquitos, pero cuando crecen, la gente los mira por la calle como si fueran locos, sobre todo sin salen sucios, descuidados. Den a ellos el valor que se merecen porque nosotros no existimos tanto, no existimos para siempre.

Annunci

One Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...